SICILIA – Ordine dei giornalisti, firme sui comunicati anti-abusivismo

Il Consiglio regionale dell’ordine dei giornalisti di Sicilia, “considerato il costante aumento di note e informative per la stampa inviate da fonti non meglio precisate e identificate”, ha deciso di “chiedere a tutti i propri iscritti di firmare sempre i comunicati stampa e i press release con il nome per esteso e la qualifica”. Questo per “impedire l’esercizio abusivo della professione”.

La segreteria provinciale dell’Assostampa condivide il richiamo fatto dall’Ordine dei Giornalisti di Sicilia per tutelare i colleghi iscritti e combattere il fenomeno, sempre più diffuso, dell’abusivismo nella professione giornalistica, pratica che viene prevista come illecito dal nostro codice penale. La richiesta dell’Ordine di firmare sempre i comunicati stampa da parte dei giornalisti che sono regolarmente iscritti nell’albo professionale, secondo l’Assostampa, rappresenta una imprescindibile garanzia per assicurare la trasparenza e la qualità delle notizie in un settore così delicato come quello dell’ informazione. Già da tempo la Segreteria Provinciale dell’Assostampa di Agrigento aveva segnalato la necessità di identificare gli autori dei comunicati stampa che giornalmente arrivano alle testate giornalistiche. In questa ottica il dipartimento “uffici stampa” ha proposto un monitoraggio di tutti gli uffici stampa nella Pubblica Amministrazione e nel settore privato. La battaglia contro l’abusivismo assume un valore centrale nell’esercizio della professione giornalistica, per questo motivo la segreteria provinciale invita i propri iscritti e gli iscritti all’ordine dei giornalisti a seguire le indicazioni dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.