SICILIA – Formazione, 3 mila lavoratori licenziati appesi ad un filo

Resta appeso ad un filo il futuro di quasi tremila formatori della formazione sospesi o licenziati, mentre per i contratti di solidarietà siglati dai dipendenti per salvare il posto avrebbero raggiunto già quota 2.500. Troppe le istanze che stanno giungendo al dipartimento della Formazione per creare le liste di «mobilità orizzontale», cioè gli elenchi dai quali gli enti dovranno attingere se avranno bisogno di assumere personale.

La trasmissione dei dati procede a singhiozzo e le liste non sono ancora pronte. Così i dipartimenti del Lavoro e della Formazione hanno modificato la direttiva che fissa le regole per chiedere il finanziamento dei corsi: in pratica gli enti non dovranno dichiarare subito da dove attingeranno il personale, ma solo al momento dell’erogazione della prima tranche del finanziamento. E se non recluteranno dipendenti degli elenchi di mobilità, non riceveranno alcuna risorsa.

Per presentare le istanze ci sono ancora circa due mesi di tempo. Dal canto loro, i lavoratori non potranno rifiutare l’assunzione o saranno cancellati dall’elenco. In ogni caso, il trasferimento dovrà avvenire nel raggio di massimo 50 chilometri dalla sede di lavoro originaria. Sono questi alcuni dei paletti posti dall’assessorato alla Formazione, oggi guidato da Maria Lo Bello, che in settimana incontrerà i sindacati per rassicurarli sul nodo principale della questione: la disponibilità delle risorse.

«Avviare i corsi senza i soldi a disposizione – dice Giovanni Migliore della Cisl – rischia di creare un ulteriore danno ai lavoratori. Ad oggi, nella direttiva non è specificato da nessuna parte dove devono essere attinte le risorse».

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.