SICILIA – Lettera di minacce a Crocetta e Montante

Una lettera di minacce è stata recapitata nelle sede palermitana di Confindustria Sicilia, a Palermo, indirizzata al presidente regionale di Confindustria, Antonello Montante. Nella missiva, secondo quanto si apprende, l’autore prende di mira il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta: “Fai gli affari tuoi o farai la fine di Crocetta: scannato come un maiale”.
Immediata la solidarietà del Pdl, con il capogruppo Francesco Scoma: “Mi sento realmente e sempre vicino a chi è vittima di atti intimidatori di qualunque natura”.
Solidarietà anche da Nello Dipasquale, capogruppo di Territorio all’Ars: “Esprimiamo solidarietà al governatore Crocetta dopo aver appreso delle nuove minacce di morte a lui dirette, contenute in una missiva. A nome dell’intero gruppo parlamentare di Territorio, non possiamo che riconfermare la nostra vicinanza e il nostro sostegno al nostro presidente a cui ci legano non solo accordi elettorali e programmatici ma anche amicizia e stima. Evidentemente chi, come sta facendo Crocetta e il suo Governo,  vuol cambiare le cose e dare un nuovo futuro alla Sicilia, non può fare altro che vivere nel rischio. Confidiamo nella tutela e nell’intervento delle forze dell’ordine affinché si faccia piena luce su questa nuova minaccia. Invitiamo Crocetta ad andare avanti”.

Il Presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta,  questo pomeriggio alle 16:00 si recherà presso la Procura di Palermo
per  procedere con la denuncia, in seguito alla lettera contenente minacce di morte  per un imprenditore iscritto a Confindustria Sicilia e per lo stesso Crocetta.
Nella lettera, ignoti, rivolgendosi si al rappresentante degli industriali  scrivono, tra le altre cose ” Fatti i fatti tuoi e se continuerai
ti faremo  fare la stessa fine di Crocetta che sara’ scannato come un maiale”.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.