SICULIANA – Vandali in azione nella riserva di Torre Salsa

Raid vandalico nella riserva naturale di Torre Salsa, gestita dal Wwf, tra Siculiana e Montallegro. Gli operatori dell’associazione ambientalista, nel quotidiano giro di perlustrazione all’interno della riserva, hanno trovato distrutte tutte le tabelle con le indicazioni, le mappe e le staccionate di legno all’ingresso dei percorsi denominati “Pantano” ed “Eremita”, i due sentieri naturalistici di Torre Salsa preferiti dai turisti per raggiungere il mare. L’episodio è stato denunciato ai carabinieri, che hanno avviato le indagini.

Il Presidente della Provincia Eugenio D’Orsi e l’Assessore Provinciale all’Ambiente e Territorio Francescochristian Schembri intervengono sul raid vandalico ad opera di ignoti nella riserva naturale di Torre Salsa. “Nell’apprendere con grande amarezza delle devastazioni all’interno di una delle più belle riserve naturali siciliane” dice il Presidente D’Orsi “esprimo la mia solidarietà e quella della Giunta da me presieduta al WWF, che da anni gestisce Torre Salsa con eccellenti risultati nella conservazione della natura. Siamo molto amareggiati, perché si tratta di un gesto vile e incomprensibile: a chi giova, un’azione del genere, in una delle poche zone veramente incontaminate?”.

Anche l’Assessore Schembri, amareggiato per il grave atto di vandalismo, interviene nel merito della vicenda: “La Provincia ha in cantiere alcuni progetti su Torre Salsa. La piena collaborazione con il WWf ci spinge ad intervenire, pur non essendo di nostra stretta competenza, sulle tabelle e sulla cartellonistica distrutte nel corso del raid vandalico, contribuendo in tal modo al ripristino di una migliore fruizione e al tempo stesso dando un inequivocabile segnale di vicinanza all’Ente Gestore”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.