Spariscono 185 bancali da un’azienda: arrestato agrigentino e la sua famiglia

Una famiglia dedita al furto. Padre e madre a rubare bancali di legno da un’azienda nella zona industriale del comune del Val d’Enza e i figli che facevano da “palo” in caso di arrivo di forze dell’ordine. 

Le comunicazioni correvano via WhatsApp: “E’ passata la vigilanza qua dentro”, “allora, cosa facciamo?”, “venite è andato via”. Questi alcuni dei passaggi delle conversazioni che questa notte i familiari si sono scambiati tra loro prima di essere scoperti dai carabinieri di Sant’Ilario che con l’accusa di concorso in furto aggravato hanno arrestato il 45enne agrigentino Antonino Ognibene, residente a Reggio Emilia, la compagna e convivente Rosaria Barletta, 47 anni di Taranto, e i figli che i due hanno avuto da precedenti relazioni, il 20enne Leonardo Ognibene e il 24enne Gianni De Pascali.

L‘origine dei fatti poco prima dell’una di questa notte quando al 112 è giunta una segnalazione circa la presenza di un furgone con cassone che entrava e usciva dalla zona industriale di Cavriago. Sul posto è stata inviata una pattuglia da Sant’Ilario che ha appurato che il furgone effettivamente entrava nella zona industriale con il cassone vuoto e usciva 15 minuti dopo pieno di bancali in legno, il tutto ripetuto quattro volte. Inoltre, all’uscita il conducente spegneva i fari del mezzo.

Ricostruito il percorso, i militari hanno intercettato l’autocarro carico di una cinquantina di bancali appena rubati da un’azienda della zona dopo aver abbattuto la recinzione. A bordo c’erano Ognibene e la compagna, che hanno immediatamente ammesso le proprie responsabilità. Oltre ai 50 bancali sul mezzo, i carabinieri ne hanno recuperati altri 135 rubati in precedenza grazie anche all’aiuto dei due ragazzi, che hanno raggiunto i rispettivi genitori in caserma.

Alla luce di quanto appurato, per i quattro sono scattate le manette in attesa di comparire davanti al tribunale di Reggio Emilia per rispondere dell’accusa loro contestata.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.