STATO/MAFIA – Pentito accusa Bagarella per il tradimento a Riina

«Le nuove generazioni di Cosa nostra lo devono sapere che Leoluca Bagarella è un infame perché fece arrestare suo fratello Calogero e poi il cognato Totò Riina».
Il pentito Gaetano Grado, teste al processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, attacca il boss corleonese Bagarella accusandolo di avere tradito e fatto arrestare due padrini corleonesi. A rivelare la circostanza a Grado sarebbe stato lo stesso.
«Per gli ideali mafiosi – ha aggiunto – Bagarella non avrebbe nemmeno potuto far parte di Cosa nostra visto che aveva fatto lo sbirro». Secondo il pentito, Bagarella, che era stato arrestato dai carabinieri, consentendo la cattura del fratello e del cognato avrebbe cercato di evitare ritorsioni e percosse. «Io fui picchiato per giorni – ha spiegato – ma non ho parlato».
Il legale di Bagarella ha eccepito che le date degli arresti di Riina e del cognato sono incompatibili con la ricostruzione del collaboratore di giustizia e che Calogero Bagarella, morto nel ‘69 durante la strage di viale Lazio, non è mai stato arrestato.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.