Strage di Altavilla Milicia, spunta l’ipotesi di un santone dietro l’orrore

Dietro l’orribile strage di Altavilla potrebbe esserci un santone a capo di una setta di una decina di persone, che si trova a Palermo e di cui Sabrina Fina e il marito Massimo Carandente potrebbero far parte. Ad avanzare l’ipotesi è stato Carmelo Abbate nella trasmissione Quarto Grado, in onda su Rete 4, dove si è parlato della tragedia della città palermitana, durante la quale sono morte tre persone, Antonella Salamone e i figli del muratore, Kevin di 16 anni ed Emanuel di 5 anni.

Per quel delitto tre persone si trovano in carcere: oltre a Sabrina Fina e Massimo Carandente, in cella c’è anche Giovanni Barreca, marito e padre delle vittime. «In questa setta c’erano anche Sabrina e Massimo, che si facevano chiamare i fratelli di Dio. Sarebbe composta da una decina di persone e c’è un santone a capo, a Palermo – ha detto Abbate – Secondo quanto mi hanno detto, avrebbero partecipato alla strage, nel senso che Fina e Carandente mandavano video e audio mentre si compiva l’orrore, in diretta. La setta non avrebbe dato mandato di compiere la strage, ma avrebbero condiviso, coordinato e avallato tutto questo. Ci sono delle ombre e ipotizzo che potrebbero esserci nuovi indagati, con un’accusa che va dal favoreggiamento all’ipotesi di un concorso morale in omicidio».Da giorni ormai Barreca e la coppia si scambiano accuse su chi abbia compiuto materialmente gli omicidi.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *