La Corte dei Conti conferma assoluzione del Sindaco di Agrigento Lillo Firetto [VD TG]

Assoluzione piena della Corte dei Conti per il sindaco di Agrigento Lillo Firetto, assieme ai responsabili dei Servizi finanziari Salvatore Alesci e Pietro Rizzo dall’accusa di responsabilità pecuniaria per asserita elusione delle regole del patto di stabilità al Comune di Porto Empedocle.

Leggi il seguito

AGRIGENTO – Consorzio Universitario, la Corte dei Conti condanna Joseph Mifsud

La Corte dei Conti ha condannato in contumacia, perché non si è mai presentato al cospetto dei giudici, l’ex presidente del consiglio di amministrazione del Consorzio universitario di Agrigento, Joseph Mifsud, a risarcire allo stesso Consorzio oltre 49.300 euro.

Leggi il seguito

Il Presidente Mattarella a Palermo per i 70 anni della Corte dei Conti in Sicilia

Breve pausa dagli impegni legati alla formazione del nuovo governo per il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che oggi è stato a Palermo per partecipare al convegno promosso per i 70 anni dell’istituzione della Corte dei conti in Sicilia.

Leggi il seguito

CORTE DEI CONTI – “Monterosso nomine illecite”, tremano in 20, danno erariale di 893 mila euro

Danno erariale per 893 mila euro a carico degli ex Governatori Lombardo e Crocetta e 18 ex assessori. è quanto ipotizza il Procuratore regionale della Corte dei Conti, Gianlica Albo, in riferimento alle nomine illecite” del segretario generale Patrizia Monterosso.

Leggi il seguito

PORTO EMPEDOCLE – “Danno alle casse del Comune” La Procura cita in giudizio Firetto

La Procura regionale della Corte dei conti ha citato in giudizio per danno all’erario Calogero Firetto e Salvatore Alesci, rispettivamente ex sindaco del comune di Porto Empedocle e responsabile del settore economico-finanziario del comune.

Leggi il seguito

PORTO EMPEDOCLE – Danni erariali al Comune, la Corte dei Conti cita in giudizio ex amministratori

L’atto è arrivato nei giorni scorsi in forma “riservata” al segretario generale del Comune di Porto Empedocle e da allora è rimasto chiuso in un cassetto. Il contenuto? Potenzialmente esplosivo. Lo scrive il bravo e attento Gioacchino Schicchi tra le colonne del quotidiano regionale La Sicilia.

Leggi il seguito