CATANIA – Sequestrati beni per 1,5 mln di euro a Salvatore Nizza

Beni per 1,5 milioni di euro sono stati confiscati dalla Dia di Catania a Salvatore Nizza, 46 anni, appartenente all’omonimo gruppo, affiliato alla famiglia mafiosa di Cosa nostra catanese Santapaola-Ercolano, attivo nel popoloso rione di Librino con diramazioni nel nord Italia e in Europa.

Leggi tutto

PALERMO – Le mani della mafia sul mercato ortofrutticolo, confisca da 150 mln [VIDEO]

Le mani dei boss sul mercato ortofrutticolo di Palermo. La Dia del capoluogo siciliano ha confiscato beni per 150 milioni di euro ad Angelo e Giuseppe Ingrassia, entrambi di 61 anni, ritenuti dagli investigatori vicini e contigui a cosa nostra.

Leggi tutto

AGRIGENTO – La DIA sequestra beni per 3 mln di euro all’imprenditore favarese Giuseppe Scariano

La Direzione Investigativa Antimafia di Agrigento, con provvedimento emesso dal Tribunale su proposta del Direttore della DIA, ha sequestrato beni per 3 milioni di euro all’imprenditore SCARIANO Giuseppe, 66enne, originario di Favara (AG).

Leggi tutto

MAFIA – Patrimoni illeciti , terreni e aziende confiscati tra Sutera e Montedoro

Personale della Direzione investigativa antimafia di Caltanissetta ha eseguito due decreti di confisca emessi dalla Sezione misure di prevenzione de tribunale locale, su proposta del direttore della Dia, nei confronti di Calogero Grizzanti, 61enne di Sutera (Caltanissetta), e di Gaetano Falcone, 71enne di Montedoro (Caltanissetta).

Leggi tutto

MAFIA – DIA confisca beni nel nisseno

Personale della Direzione Investigativa Antimafia di Caltanissetta sta procedendo all’esecuzione di due decreti di confisca, emessi dal locale Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti dell’imprenditore Alberto Cammarata, 47 anni, di Gela (Cl), e di Giovanni Privitera, 61 anni, di Vallelunga Pratameno (Cl).

Leggi tutto

CASTELVETRANO – Sequestro beni per 5 mln agli imprenditori-politici Adamo vicini a Messina Denaro [Vd]

Imprenditori vicini a Messina Denaro. A Castelvetrano, scatta il sequestro del patrimonio
Sigilli a beni per 5 milioni di euro della famiglia Adamo: usavano metodi mafiosi nei confronti delle aziende concorrenti.

Leggi tutto

AGRIGENTO – Arresti DIA, nuovi particolari: plauso dell’Antiracket

Ad Agrigento emergono altri particolari a seguito dell’ arresto per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso di Antonio Massimino e di Liborio Militello, ad opera della Direzione investigativa antimafia di Agrigento. Massimino sarebbe stato arrestato in una casa di campagna fornita di piscina e impianto di sorveglianza. In tarda mattinata
al carcere Petrusa, l’interrogatorio di garanzia.

Leggi tutto