Traffico di cocaina con la Calabria, chiesti 15 rinvii a giudizio: c’è anche un racalmutese

La cocaina calabrese smerciata nei mercati dell’Agrigentino: la maxi inchiesta «Lampedusa», dal nome dell’isola che sarebbe stata la principale “piazza” di spaccio, approda in aula per l’udienza preliminare. Il pm della Dda Francesco Gualtieri ha chiesto il rinvio a giudizio dei 15 imputati.

Si tratta di: Giuseppe Bronte, 24 anni, di Palermo; Salvatore Bronte, 50 anni, di Palermo; Salvatore Capraro, 30 anni, di Agrigento; Angelo Cardella, 46 anni, di Porto Empedocle; Gianluca Gambino, 22 anni, di Cinisi; Andrea Giambanco, 54 anni, di Carini; Davide Grisafi, 26 anni, di Palermo; Davide Licata, 32 anni, di Racalmuto; Imam Maazani, 21 anni, nata e residente ad Agrigento; Francesco Portanova, 34 anni, di Palermo; Emanuele Rizzo, 33 anni, di Palermo; Gaetano Rizzo, 32 anni, di Palermo; Domenico Stilo, 30 anni, di Melito di Porto salvo (Reggio Calabria), Ivan La Spisa, 32 anni, di Palermo e Calogero Vignera, 36 anni, di Agrigento.

L’udienza preliminare è stata fissata per il 17 settembre davanti al gup di Palermo, Rosario Di Gioia. L’inchiesta, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo e svolta sul campo dalla polizia, è partita nel luglio del 2016 ed è durata fino a dicembre dell’anno successivo.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.