RAVANUSA – Sangue al mercato: marito spara alla moglie e al suo amante [FOTO][VIDEO]

Avrebbe ucciso la moglie per gelosia. Sta emergendo questo dalle prime indagini sull’omicidio di Giovanna Longo, sessantenne di Ravanusa (Ag), uccisa questa mattina nella piazza dove era in corso il mercatino settimanale. A sparare 4 colpi di pistola, infatti, sarebbe stato il marito della donna: Luigi Gallo, 63 anni, che ha ferito anche un uomo prima di essere bloccato dai vigili urbani e da alcuni passanti. 

Luigi Avarello, 65 anni, rimasto ferito durante la sparatoria, è stato trasportato all’ospedale San Giacomo d’Altopasso di Licata e non sarebbe in pericolo di vita. L’uomo avrebbe avuto una relazione con la vittima dopo che questa si era separata dal marito.

La revolver calibro 38 con la quale Gallo ha sparato non era legalmente detenuta. I carabinieri, che si occupano delle indagini, stanno cercando di capire dove possa averla acquistata visto che era rientrato da poco meno di una settimana dalla Germania. Secondo gli investigatori l’omicida avrebbe pedinato l’ex consorte sorprendendola in auto, su una Opel Corsa, nell’area parcheggi attigua al piazzale del mercatino settimanale.

Nella zona adibita a posteggio c’erano decine e decine di persone. Gallo ha prima avuto una colluttazione, per strada a pochi passi dalla vettura, con il sessantenne rimasto leggermente ferito. Poi si sarebbe girato di scatto ed avrebbe sparato contro l’ex moglie che è rimasta priva di vita all’interno dell’abitacolo. Sentiti i colpi di pistola, fra quanti si trovavano nell’area di parcheggio c’è stato il fuggi fuggi generale.

Ma secondo i carabinieri potrebbero esserci anche dei dissidi economici, oltre alla gelosia, alla base dell’omicidio. Gallo, operaio in pensione, descritto dai suoi compaesani come “una persona per bene”, è stato trasferito al carcere Petrusa di Agrigento con l’accusa di omicidio e tentativo di omicidio. Domattina sulla salma di Giovanna Longo verrà eseguita l’autopsia.


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.