Archive | Cronaca

AGRIGENTO – Domenico Falzone è il nuovo Direttore dell’Inps

Domenico Falzone è il nuovo direttore dell’Inps di Agrigento. Arriva da Caltanissetta, dove ha diretto dal 2009 la sede provinciale e sostituirà Gerlando Piro (trasferito a Catania) nella guida della sede agrigentina di via Picone.
Per Falzone, licatese ed ex consigliere provinciale della Margherita, oltre ad essere candidato a sindaco della sua città, Licata, si tratta di un ritorno alla sede di Agrigento, dove è stato reggente negli anni dal 2007 al 2009.
Nato ad Agrigento 57 anni fa, Domenico Falzone si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Palermo, conseguendo successivamente l’abilitazione forense.
È stato assunto all’Inps nel 1988 come funzionario amministrativo a Varese.
Al neo direttore dell’Inps arrivano immediati gli auguri di Cst-Uil.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Eventi, In evidenza0 Comments

PALERMO – Il neo questore Cortese: ” Primo obiettivo Messina Denaro”.

Lotta alla mafia a 360 gradi, maggiore sicurezza in città con un contrasto anche alla microcriminalità diffusa e un occhio vigile anche verso fenomeni come immigrazione e terrorismo. Questi i temi toccati durante la conferenza stampa dal nuovo questore di Palermo, Renato Cortese, che è tornato a lavorare a Palermo dopo 20 anni.

“Torno in una Palermo diversa, dove la mafia è presente ma non vuole attaccare più il cuore della Stato. Cosa nostra rimane però insidiosa. Il mio obiettivo è quello di aumentare la percezione di sicurezza dei cittadini palermitani. Loro sono i nostri datori di lavoro. La gente si deve sentire più tranquilla anche nel proprio quartiere. I nostri uomini dovranno tenere sotto controllo fenomeni come lo  spaccio e la prostituzione. I cittadini devono essere protagonisti per aumentare la sicurezza della città”.

Renato Cortese stima gli uomini che fanno parte della sua nuova squadra e  che lavorano in Questura a Palermo e nei commissariati. Il suo obiettivo è quello di: “Lavorare in sinergia sia con le altre  forze di polizia, con le istituzioni come Comune e Regione”.

Il questore  ha evidenziato, inoltre, come sia alta l’attenzione delle forze di polizia su immigrazione e terrorismo. “Palermo è una città dove sbarcano migliaia d’immigrati  e per questo l’attenzione deve rimane alta”.

Necessaria anche una riflessione sul boss latitante Matteo Messina Denaro, Cortese sottolinea che: “Il pensiero è ovviamente quello di volere mettere fine alla latitanza. C’è chi lavora tutti i giorni per raggiungere questo obiettivo. Ma la cattura del latitante non è la fine di un’organizzazione criminale come Cosa nostra. La nostra attenzione sarà mirata a capire le dinamiche all’interno della struttura criminale nel territorio”.

Sui possibili rischi di riorganizzazione dei clan mafiosi anche dopo arresti di personaggi eccellenti il nuovo questore precisa che: “Ci sono segnali importanti che  stiamo monitorando. Boss di spicco vengono giornalmente scarcerati e i loro movimenti vengono costantemente seguiti. Ma non vanno trascurati neanche i capi storici sono in carcere”.

Renato Cortese è orgoglioso di tonare a Palermo e ringrazia il capo della polizia di avergli affidato questo incarico di questore.

 

Postato in Cronaca, Eventi, In evidenza, PALERMO0 Comments

RACALMUTO – Carnevale 2017, vince “Super Mario Bross” davanti a migliaia di persone [VIDEO]

Grande successo, grande partecipazione di pubblico per l’edizione 2017 del carnevale racalmutese.  Non è il Carnevale di Sciacca e nemmeno quello di Acireale, ma quella di  quest’anno può essere considerata una kermesse apprezzata, grazie al meteo favorevole, la città di Racalmuto è stata invasa anche da visitatori dei comuni limitrofi e i due carri che hanno sfilato di ottimo livello. Insomma, il carnevale racalmutese ritorna ai fasti di un tempo. Musica, canti, balli, maschere e tanto divertimento  hanno fatto si che bambini, ragazzi, giovani e famiglie scendessero in piazza  e divertirsi. Secondo una stima migliaia di persone sono scese in piazza. I carri, intorno alle ore 22, si sono fermati in piazza Umberto 1 dove è seguita la discoteca ben animata dai Dj Gas e Alberto Stuto. A seguire la nomina del carro vincente e la premiazione del miglior gruppo e della migliore maschera scelti da un’apposita giuria che , ha avuto l’arduo compito di scegliere il miglior carro tra Super Mario Bross e la dea bendata, compito non facile. Alla fine il carro vincente è risultato, Mario Bross.

  “Ancora una volta i ragazzi di Racalmuto hanno dimostrato che il paese può trasmettere un’immagine positiva della nostra comunità”, commenta così l’assessore Cultura Turismo e Spettacolo del Comune di Racalmuto il grande successo del “Carnevale Racalmutese” che si è concluso ieri sera con migliaia di presenze in piazza, tra cui molti provenienti anche da Grotte, Castrofilippo, Canicattì e altri centri limitrofi.

“La serata conclusiva del nostro Carnevale – dice l’assessore Picone – ha dimostrato che il modello organizzativo avviato con questa amministrazione comunale funziona: coinvolgere i gruppi di ragazzi e riconoscere loro l’impegno per la realizzazione dei carri e cercare sempre più di coinvolgere la comunità. Con la Pro loco anche quest’anno siamo riusciti a mettere su un programma che ha coinvolto tutti, grandi e piccini”. “Ed inoltre – aggiunge – la presenza di molti venuti da fuori ha incoraggiato i commercianti che in questi giorni di Carnevale hanno avuto un positivo riscontro”.

Ieri sera, dopo la sfilata dei due carri allegorici per le vie del centro storico, in piazza Umberto I si è svolta la serata finale con discoteca all’aperto. Ha vinto l’edizione 2017 del Carnevale Racalmutese il carro allegorico “Super Mario”. Applausi e una targa anche al secondo carro, “La dea bendata”.

Premiati anche i ragazzi della scuola elementare, la miglior maschera e il miglior gruppo mascherato.

Sul palco il sindaco Emilio Messana ha ringraziato i ragazzi che hanno preparato i carri allegorici, gli artisti e quanti si sono impegnati per l’ottima riuscita della kermesse. Messana ha inoltre ringraziato pubblicamente la locale Stazione dei Carabinieri,  la Polizia municipale e la Pubblica Assistenza Volontari Riuniti per la presenza costante e la fattiva collaborazione per la riuscita dell’evento. Anche il consigliere comunale Sergio Pagliaro, membro della giuria “Carnevale 2017”, esprime soddisfazione per la kermesse

 

 

Postato in Cronaca, Eventi, In evidenza, Musica, RACALMUTO, Spettacolo, Video0 Comments

POLIZIA STRADALE – Nell’agrigentino oltre 400 multe per eccesso di velocità nel 2016

Polizia stradale agrigentina e consuntivi: nel 2016 sono state circa 400 le contravvenzioni elevate per eccesso di velocità, soprattutto con telelaser, da parte della Polizia Stradale, capitanata da Andrea Morreale. Delle circa 400 contravvenzioni elevate, ben 320 hanno interessato le autovetture. Il resto, invece, mezzi pesanti. La maggior parte hanno riguardato l’aver superato il limite di velocità da 10 fino a 40 chilometri orari.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

PORTO EMPEDOCLE – Rogo distrugge furgone di un pescivendolo

Il furgone, un Fiat Iveco, di proprietà di un uomo di 40 anni, di Porto Empedocle, pescivendolo, è andato distrutto dalle fiamme mentre si trovava parcheggiato in via Molo nella cittadina marinara.

Il fatto è accaduto nottetempo, e ha visto l’intervento dei vigili del fuoco. Sul posto anche i poliziotti del Commissariato locale che hanno effettuato i rilievi utili all’accertamento delle cause del rogo.

Sono state avviate indagini.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

AGRIGENTO – Requisitoria del Pm, chiesti 5 anni per l’Avvocato Picone

Davanti al Gup del Tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto,  sono comparse come imputate l’avvocato Francesca Picone, 42 anni, e la sorella Concetta Picone, 44 anni, accusate estorsione e tentata estorsione.

Le due imputate vengono giudicate con il rito abbreviato ed  è stata la Procura della Repubblica, attraverso il Pm Alessandra Russo, ad essere protagonista con l’attesa requisitoria. L’imputazione ruota intorno ai compensi che sarebbero stati pagati dai disabili all’avvocato Picone, che li avrebbe pretesi, e che, secondo l’accusa, non le sarebbero stati dovuti in ragione del gratuito patrocinio che sarebbe offerto dai patronati interessati.

Il pm Alessandra Russo , ha depositato una memoria di 14 pagine contenente l’illustrazione delle ragioni per le quali si è chiesta la condanna delle due imputate. Per Francesca Picone, con riduzione di un terzo per la scelta del rito, la richiesta è pari a cinque anni di reclusione e 2800 euro di multa ; per la sorella Concetta la richiesta è pari ad un anno e quattro mesi di reclusione e 1000 euro di multa.
Due gli episodi secondo cui le vittime  sarebbero state  minacciate se non avessero pagato una somma ulteriore rispetto all’onorario della professionista.

Il processo riprenderà il prossimo 4 aprile per chiudersi il successivo 14 aprile con la sentenza.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

Canicattì e Casteltermini nuovamente senz’acqua si rompe il Fanaco per la settima volta

L’acquedotto del Fanaco, che serve la parte centrale della Provincia di Agrigento, ha subito un altro guasto, il settimo dall’inizio dell’anno. Lo ha comunicato la società che gestisce il servizio idrico in provincia di Agrigento che ha anche aggiunto che la fornitura nei Comuni di Canicattì e Casteltermini è interrotta e che sarà ripristinata solo quando Siciliacque riparerà la condotta.

L’acquedotto del Fanaco sta ormai diventando un caso perché nel 2017 ha già subito sette guasti e per sette volte almeno 60 persone sono rimaste senza acqua e senza che né il gestore del servizio idrico, né le altre Istituzioni preposte, abbiano messo in campo iniziative per limitare i disagi.

A Canicattì c’è anche il paradosso di una Girgenti Acque che deve comprare acqua da Siciliacque e che poi la deve erogare su condotte di proprietà di un altro consorzio, il Tre Sorgenti, che però non ha i soldi per fare le manutenzioni e che comunque si rifiuta di consegnarle al gestore.

La Regione per via di una serie di disfunzioni accadute proprio nell’Agrigentino ha annunciato, con il vice presidente Mariello Lo Bello, un’indagine sulla gestione del servizio idrico in Sicilia, che sarebbe stata da poco avviata.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

AGRIGENTO – Ilenia Capodici nella commissione tecnica, la soddisfazione della Cgil

Ilenia Capodici, Presidente Provinciale della FEDERCONSUMATORI AGRIGENTO è stata “sorteggiata” tra i Componenti indicati dalle Organizzazioni Sindacali essendo stata indicata dalla CGIL AGRIGENTO, nella Commissione Tecnica.

 “Nell’esprimere la soddisfazione della CGIL- dice Massimo RASO-  per la nomina di Ilenia, siamo sicuri che saprà portare dentro questo Organismo la carica e determinazione che sempre hanno caratterizzato l’azione della FEDERCONSUMATORI in questa provincia.

Ci auguriamo che presto si possa risolvere la “querelle” circa la  mancata indicazione del rappresentante dei Comitati Civici per l’Acqua Pubblica,  affinché si possa lavorare,  presto e comunemente,  per  mettere insieme  tutti gli elementi utili per  valutare l’attuale gestore e lavorare per  una gestione pubblica dell’acqua”

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

AGRIGENTO – Dati sospetti sui disabili, l’Asp:”Sono 262, non 719″

Non sono 719 i disabili gravissimi nei sette distretti socio-sanitari di Agrigento, come risultava dai dati trasmessi dai comuni all’assessorato alla Famiglia, ma 262. E’ l’Asp di Agrigento a comunicare i numeri reali al governatore Rosario Crocetta, che aveva chiesto di avviare subito la verifica sui dati che riteneva anomali e in qualche caso gonfiati.

Nel distretto di Agrigento secondo i dati in possesso dell’assessorato alla Famiglia, aggiornati al 2015, i disabili gravissimi erano 323, l’Asp rivela che sono 71 su una popolazione di 146.982. In quello di Bivona non c’è nemmeno un disabile gravissimo che necessita di assistenza h24 mentre i dati dell’assessorato, acquisiti dai comuni, indicano 37 casi. A Canicattì per l’assessorato sono 33, mentre per l’Asp 7; a Casteltermini sono 8 e non 29; a Licata sono per l’Asp 42 invece di 144, un numero che Crocetta aveva indicato come spropositato; a Ribera sono 34 e non 53.

L’unico dato che combacia, tra il prospetto fornito dai comuni e quello dell’Asp, è quello di Sciacca: 100 disabili gravissimi. Nella nota trasmessa al governatore, l’Asp scrive che rispetto ai 719 disabili segnalati dai sette distretti socio-sanitari, tolti i 262, cioè quelli gravissimi, “al netto di quelli nel frattempo deceduti pari al 5%, i rimanenti necessitano comunque di assistenza giornaliera tra 6 e 12 ore”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Salute0 Comments

FAVARA – Picchia la madre per avere soldi, arrestato

Avrebbe picchiato la madre per farsi consegnare del denaro. I carabinieri di Favara hanno arrestato per rapina e maltrattamenti in famiglia Alessandro Caramanno, 39 anni. La pensionata di 79 anni, alla quale il figlio è riuscito a portar via circa 300 euro, è finita al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento dove i medici hanno diagnosticato lievi ferite guaribili in pochi giorni.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

marzo: 2017
L M M G V S D
« Feb    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98