Pizzo incassato al Centro Commerciale di Dittaino, in manette dipendente comunale che si presentava come emissaria di Messina Denaro[VIDEO]

Si spacciava per emissaria della ‘primula rossa’ di Cosa Nostra, il boss latitante Matteo Messina Denaro, per imporre un “pizzo” da 200mila euro a un imprenditore della provincia di Enna.

Con questa accusa la Polizia di Stato, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Dda di Caltanissetta, ha arrestato una dipendente del Comune di Valguarnera, Maria Gabriella Arena, 51 anni.

E’ stata catturata subito avere incassato, nel centro commerciale di Dittaino, 25 mila euro come anticipo della ‘tangente’. La donna aveva contattato l’imprenditore chiedendo, a titolo di ‘protezione’, una percentuale del fatturato annuo della sua attività aggiungendo che la richiesta proveniva dal superlatitante Matteo Messina Denaro.

L’imprenditore aveva anche ricevuto una mail con gravi minacce anche per i suoi familiari. La donna aveva chiesto 25 mila euro mensili. Maria Gabriella Arena è stata arrestata ieri mattina, subito dopo che l’imprenditore aveva consegnato in una busta la somma richiesta.

Postato in Cronaca, ENNA, In evidenza, Video0 Comments

MAFIA – Operazione “Goodfellas”, 8 ordini custodia nell’Ennese [VD TG]

Cinque ordinanze di custodia cautelare in in carcere e tre ai domiciliari nell’operazione antimafia “Goodfellas” della Polizia di Enna, coordinata dalla Dda di Caltanissetta. Tra i destinatari, il boss detenuto, reggente di Cosa nostra ennese, Salvatore Seminara, una guardia giurata, il titolare di un’autoscuola. Il gruppo, oltre a imporre il pizzo a commercianti e imprenditori, grazie alle intimidazioni e ai danneggiamenti avrebbe permesso ad alcuni degli arrestati di operare senza concorrenza a Leonforte e Agira.
    Notificata la custodia cautelare in carcere a Salvatore Seminara, 71 anni, di Mirabella Imbaccari (CT), capo di Cosa nostra per la provincia di Enna; Natale Cammarata, 24 anni di Agira; Walter Frasconà, 34 anni, di Leonforte, guardia giurata; Salvatore Ogliarolo, 41 anni, di Leonforte; Antonino Scaminaci, 33 anni, di Agira. Ai domiciliari il titolare di un’autoscuola, Angelo La Ferrara, 52 anni, di Leonforte; Antonino Lambusta, 54 anni, di Valguarnera; Alessandro Trovato, 54 anni, di Troina.

Postato in Cronaca, ENNA, In evidenza, Video0 Comments

ENNA – Picchia e perseguita la moglie che ha deciso di lasciarlo

La polizia ha eseguito un ordinanza di divieto di avvicinamento e obbligo di dimora, disposto dal gip di Enna su richiesta della Procura nei confronti di un uomo di 48 anni accusato di avere picchiato più volte la moglie che aveva deciso di lasciarlo. L’uomo avrebbe distrutto oggetti della casa, privando la donna di denaro, chiavi dell’auto, ingiuriandola, pedinandola, tagliando addirittura i tubi dei freni dell’autovettura che lei usava.

Postato in Cronaca, ENNA0 Comments

NISSORIA – Intimidazione al Sindaco, tagliati 30 alberi di ulivo

Ignoti hanno tagliato 37 alberi di ulivo e distrutto la tubazione dell’impianto di irrigazione nell’azienda agricola di proprietà del sindaco di Nissoria (Enna) Armando Glorioso, in contrada Galati di Nissoria. Glorioso è anche il presidente della Srr di Enna, la Società di regolamentazione rifiuti che subentra agli Ato.

A Nissoria si voterà il prossimo 11 giungo e Glorioso in lizza per il secondo mandato. Le indagini sono svolte dalla Squadra mobile di Enna. Glorioso, che è un grosso imprenditore nel settore alimentare, ha dichiarato agli inquirenti di non avere ricevuto minacce.

La Srr in questo momento sta lavorando sul passaggio dei dipendenti dell’ex Ato con i 130 lavoratori che sono senza stipendio da 11 mesi, per l’enorme indebitamento dell’Ato ed i mancati versamenti delle somme dovute dai Comuni. Il servizio ancora in molti Comuni ennesi viene svolto dall’Ato.

 

 

Postato in Cronaca, ENNA0 Comments

LEONFORTE – Droga in cambio di sesso: 3 arresti [Vd Tg]

Il leader di un gruppo di spacciatori, quando capiva che le clienti erano in difficoltà economica per acquistare la droga, avrebbe acconsentito a cedere la sostanza stupefacente in cambio di prestazioni sessuali, pagamenti “in natura”

E’ quanto ha accertato dalla polizia: Salvatore Mingari Favvento, 51enne di Nissoria (Enna), è finito in carcere assieme ad altre due persone durante un’operazione antidroga coordinata dalla Dda di Caltanissetta, che ha consentito di sgominare una organizzazione che spacciava marijuana tra Nissoria, Assoro e Leonforte. Va precisato che l’aggravante  di aver offerto e ceduto marijuana in cambio di rapporti sessuali è contestata solo al nissorino. A pagare cosi sarebbero state almeno due giovani donne di Leonforte.

L’associazione avrebbe operato da ottobre 2012 a metà 2014. Gli investigatori sostengono di aver smantellato una ex organizzazione. Con un intervento notturno in campagna, dove le forze dell’ordine sono giunti grazie a delle intercettazioni, in cui carpiscono che erano stati nascosti 350 grammi  di marijuana e il fucile, i tre  arrestati non si erano resi conto che a prendere l’arma e la droga  era stata , appunto, la Polizia e avevano pensato che fosse stato uno di loro. I sospetti hanno portato ad una spaccatura. Il nome dell’operazione “Muds Weeds Too” significa “ erba sporca di fango” , ma parte dell’espressione dialettale “ ma vidi tu”, che sarebbe: “Ma tu guarda”, che emerge dalle intercettazioni.

Le accuse sono di coltivazione, produzione, detenzione e spaccio di stupefacenti. Mingari Favvento è stato rinchiuso in carcere. Gli altri arrestati, Giacomo Catania, di 38, e Fabio Piccolo, di 30, entrambi di Leonforte, sono stati posti ai domiciliari. Gli agenti hanno anche sequestrato in un fondo agricolo di Mingari Favvento un fucile calibro 12 a canne mozze e una pistola calbro 7.65. E ancora, al momento della perquisizione, a Mingari Favvento sono stati trovati altri 24 grammi di marijuana. Per questo lo hanno denunciato a piede libero.

 

 

Postato in Cronaca, ENNA, In evidenza, Video0 Comments

ENNA – “Festino” a base di marijuana: due studenti in manette

Continuano senza sosta i servizi mirati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti da parte dei Carabinieri di Enna. La scorsa notte sono stati arrestati due studenti: Edoardo Fontanazza, 19 anni, ennese, e Paolo Caligiore, 20 anni siracusano.

I carabinieri, avuto sentore di “strani movimenti”, si sono appostati nei pressi di una casa lontana dal centro abitato e appena hanno capito che all’interno vi era della sostanza stupefacente hanno immediatamente agito. Appena entrati in azione hanno bloccato le persone all’interno della casa iniziando a prendere le generalità dei partecipanti del “festino”; il gruppetto ha sin da subito ammesso di aver consumato della marijuana ma nel corso della perquisizione i militari hanno rinvenuto, più o meno occultata, 500 grammi circa di sostanza stupefacente. Continuando nelle operazione sono stati rinvenuti quasi 800 euro in banconote di piccolo taglio e materiale per preparare le “dosi” (bilancini di precisione, carta cellophane).

I due arrestati si sono subito assunti la “paternità” della sostanza mentre il resto dei componenti del festino è stato segnalato alla prefettura. Gli arrestati sono stati posti in regime di arresti domiciliari.

Postato in Cronaca, ENNA, In evidenza0 Comments

OPERAZIONE “BUCEFALO” – Stop a corse clandestine di cavalli, 8 arresti tra Piazza Armerina e Mazzarino [Vd Tg]

Otto persone arrestate e 13 denunciate per scommesse e gare clandestine di cavalli, con l’aggravante della presenza di minori, nell’ambito di un’operazione denominata “Bucefalo”, realizzata dalla squadra mobile di Enna con la collaborazione dei commissariati di Piazza Armerina, Leonforte, Nicosia, Niscemi e da reparti del comando provinciale della Guardia di finanza. Alcuni denunciati sono stati trovati in possesso di diverse migliaia di euro da destinare alle scommesse.

Quella scoperta da polizia e Gdf sarebbe una vera e propria associazione per la promozione e organizzazione di competizioni clandestine di cavalli. Gli arrestati sono Salvatore Gagliano, 41 anni di Piazza Armerina individuato dalle forze dell’ordine come organizzatore e promotore delle gare, nonché fantino e proprietario di uno dei cavalli impiegati nella gara; Andrea Criscione, 52 anni di Caltagirone, anch’egli organizzatore e promotore delle gare nonché fantino; i fratelli Salvatore ed Emanuele Puccio, rispettivamente 59 e 65 anni, di Gela, organizzatori e promotori delle gare, con funzione di raccolta delle scommesse; Rosario Cassarino di Gela, 46 anni, altro fantino e proprietario del secondo cavallo; Mario Novello, di Grammichele, 40, maniscalco che aveva con sé gli attrezzi per ferrare i cavalli; Calogero Abati, 30 anni di Piazza Armerina collaboratore di Gagliano e Giuseppe Emmanuello, di Gela, 28 anni, coordinatore delle vedette impiegate nell’organizzazione della gara, nonché scommettitore.

Le forze dell’ordine hanno identificato e arrestato i partecipanti alle gare clandestine, sulla SS 117, tra Piazza Armerina e Mazzarino, poco prima che avesse inizio una gara tra calessi a due ruote, annullata all’ultimo momento, quando probabilmente, qualcuno si era accorto della presenza delle forze dell’ordine.

Postato in Cronaca, ENNA, In evidenza, Video0 Comments

PIETRAPERZIA – Sorvegliato speciale si presenta ubriaco in Consiglio comunale, minaccia i politici e assale i carabinieri

I carabinieri di Pietraperzia hanno arrestato il pregiudicato 52enne Salvatore Cutaia. Il sorvegliato speciale, che dalle 21 di tutti i giorni ha l’obbligo di rimanere a casa, alle 21.15 di ieri si è presentato in evidente stato di ubriachezza nell’aula consiliare dove era in corso una seduta del consiglio comunale, iniziando a minacciare e insultare gli amministratori. Quindi si è scagliato con violenza contro i militari, i quali con difficoltà sono riusciti a bloccarlo e a condurlo in caserma, dove la condotta violenta è andata avanti.

Postato in Cronaca, ENNA0 Comments

ECCELLENZA – Il Troina è già in Serie D

Le sorti del Troina sono state decise oggi in Umbria, precisamente allo stadio “Carlo Angelo Luzi” di Gualdo Tadino. Si è appena concluso il recupero della 28^ giornata del campionato di eccellenza umbro con il risultato di 1-1 tra Gualdo Casacastalda e Villabiagio. Quest’ultima è la prossima ed ultima avversaria dei rossoblu siciliani nella finale di Coppa Italia in programma per il 3 maggio alle ore 15:00 presso lo stadio “Gino Bozzi” di Firenze.
Pareggio che catapulta matematicamente il Villabiagio in serie D con due giornate di anticipo dalla chiusura del campionato umbro. Portando a casa questo punto importante che è valso la promozione, i marscianesi “regalano” di conseguenza la stesso salto di categoria ai ragazzi di mister Pagana.
Questa partita ha cambiato le sorti del girone A del campionato di eccellenza siciliano sotto vari aspetti. Innanzitutto il Troina, qualificatosi per disputare la finale di Coppa Italia, anche se (facendo i dovuti scongiuri) non dovesse riuscire nell’impresa di portare a casa il trofeo, vedrebbe ugualmente spalancarsi le porte della serie D, in quanto alla squadra vincitrice della competizione, oltre alla coppa viene offerta la promozione in serie D, ed avendo il Villabiagio già effettuato il passaggio, passerebbe il testimone agli ennesi.
Per quanto riguarda il campionato siculo, invece, si aggiunge un posto nella zona alta della classifica. Il Troina, ad oggi in piena zona play-off nel suo girone, lascerebbe il posto alla squadra che a fine campionato occuperà la 6^ posizione, cedendole la possibilità di disputare le ultime sfide per il passaggio di categoria.

Asd Troina

Gualdo Casacastalda-Villabiagio 1-1

MARCATORI: 19′ pt Karakaci (G), 4′ st Cenerini (V)

GUALDO CASACASTALDA (5-3-2): Santini; Marinelli, Bianconi, Matarazzi, Chiocci, Silvestri; Moriconi (33′ st Galletti), Gaggioli, Procacci; Mancini, Karakaci. A disp.: Franceschini, Spatoloni, Giacometti, Laloni, Dragoni, Petrini. All.: Balducci.

VILLABIAGIO (4-3-1-2): Righi; Nofri, Vergaini, Cenerini (39′ st Biviglia), Politelli; Bulla, Goretti, Gramaccia; Belli; Tomassini (29′ st Porricelli), Cardarelli (41′ st Sisani). A disp.: Kikrri, R. Agostini, L. Agostini, Pettinelli. All.: Cocciari.

ARBITRO: D’Eusanio di Faenza (Baroni-Costantini).

NOTE: spettatori 150 circa. Ammoniti: Vergaini, Nofri, Goretti (V), Mancini (G).

Postato in ENNA, In evidenza, Sport0 Comments

OPERAZIONE “PUSHER 2” – Droga e armi nell’ennese, 11 arresti [VIDEO]

Sono state arrestate undici persone ed effettuate 40 perquisizioni dagli agenti di polizia tra Leonforte, Piazza Armerina e Nicosia nell’Ennese. In totale gli agenti hanno sequestrato 1,6 chili di marijuana, 97 grammi di hashish, 87 grammi di cocaina, 8 flaconi da 20 millilitri di metadone, ma anche 53 cartucce. L’operazione è stata denominata «Pusher 2» con l’obiettivo di contrastare lo spaccio delle sostanze stupefacenti e psicotrope nella provincia di Enna.

Tra gli arrestati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e per detenzione di armi e munizioni ci sono: Amodeo Napoli, Alessio Sarda, Filippo Pergola, Natale Cammarata, Eros Reale, Sudano Cristian, Antonino Agnello, Andrea Cantoni, Luigi e Francesco Corvaia, Salvatore Intile. Sono state denunciate 9 persone per detenzione spaccio di droga, mentre altre tre per reati inerenti le armi e le munizioni. Sono state segnalate amministrativamente cinque persone per uso personale di sostanze stupefacenti.

Amodeo Napoli è stato arrestato a Piazza Armerina per detenzione ai fini di spaccio di cocaina, dal peso di 5,8 grammi e di 1,5 grammi di hashish. Napoli si trova ai domiciliari. Alessio Sarda è stato arrestato a Piazza Armerina per detenzione ai fini di spaccio di 33,2 grammi di marijuana e 2,8 grammi di cocaina, parte suddivisa in involucri. Sarda è ai domiciliari. Filippo Pergola è stato arrestato a Leonforte perché colto in flagranza di trasporto e detenzione ai fini spaccio di 517 grammi di marijuana.

Natale Cammarata è stato arrestato per detenzione ai fini spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana, per complessivi 8,1 grammi. Ultimate le formalità di rito, i due uomini sono stati sottoposti agli arresti domiciliari. Eros Reale è stato arrestato a Leonforte per detenzione al fine di spaccio di 595 grammi di marijuana, e spaccio di 5 grammi di marijuana. Reale è stato portato nel carcere di Enna. Cristian Sudano è stato arrestato a Piazza Armerina per detenzione, ai fini di spaccio di marijuana per un peso complessivo di 372 grammi. L’uomo è stato portato nel carcere di Enna. Antonino Agnello è stato arrestato a Barrafranca, perché colto nella flagranza di detenzione ai fini di spaccio di 77 grammi cocaina. L’uomo è stato portato nel carcere di Enna. Andrea Cantoni è stato arrestato per avere detenuto ai fini di spaccio, presso la sua abitazione, 95.9 grammi di hashish. L’uomo è agli arresti domiciliari. Luigi e Francesco Corvaia sono stai arrestati a Piazza Armerina per detenzione di un’arma clandestina, costituita da più tubi di acciaio, tra loro interposti e lavorati, idonei a costituire un’arma da fuoco, ed in particolare ad esplodere cartucce calibro 12. I due sono stati posti agli arresti domiciliari.

Salvatore Intile è stato arrestato a Piazza Amerina per detenzione di un’“arma clandestina”, verosimilmente una P38 canna lunga, priva di matricola, priva di tamburo, perfettamente funzionante nei congegni di scatto. L’uomo aveva anche 14,5 grammi di marijuana pronti per lo spaccio. L’uomo, dopo le formalità di rito, è agli arresti domiciliari.

Postato in Cronaca, ENNA, In evidenza, Video0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98