Archive | SIRACUSA

ROSOLINI – Uccise la moglie per 20 euro: arrestato [VIDEO]

Al culmine dell’ennesima lite, per avere 20 euro, prima le avrebbe gettato del liquido infiammabile e poi avrebbe dato fuoco. Sebastiano Iemmolo, 36 anni, di Rosolini, è stato arrestato dalla polizia di Pachino per l’omicidio della moglie, Laura Pirri, 31 anni, deceduta all’ospedale Civico di Palermo il 25 marzo scorso dopo 18 giorni di agonia. L’uomo aveva detto agli investigatori che c’era stato un incidente domestico causato dall’esplosione improvvisa della bombola da campeggio con la quale stavano cucinando.

Le indagini sono scattate dopo la testimonianza della madre della vittima che aveva raccontato che il figlio di 10 anni della coppia aveva detto di aver assistito all’omicidio della madre. Il procuratore Francesco Paolo Giordano, che col sostituto Tommaso Grillo ha coordinato le indagini, ha indagato Iemmolo e messo sotto intercettazioni ambientale la casa della madre dell’uomo dove era andato a vivere dopo il sequestro della casa coniugale.

La donna negli anni sarebbe stata vittima dei maltrattamenti dell’uomo, persona violenta, che per futili motivi avrebbe anche incendiato l’auto di un vicino. Il Gip Michele Consiglio ha emesso il provvedimento di arresto con l’accusa di omicidio, maltrattamenti, lesioni, incendio e calunnia. 

«Un episodio che sembrava frutto di un atto accidentale, ma la curiosità investigativa e la tenacia hanno ricostruito un’altra verità, molto più inquietante». Così il capo della Procura di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, commenta il femminicidio scoperto dagli investigatori del commissariato di Pachino. «E poi ci siamo anche trovati di fronte ad un’ambiente omertoso, dovuto a tanti fattori culturali e storici anche in una provincia come quella di Siracusa e quindi non è stato facile penetrare nel muro di omertà che si era creato».

Eppure la famiglia di Laura Pirri ha creduto nella verità: «I familiari hanno denunciato e avuto fiducia in noi – ha aggiunto il dirigente del commissariato di Pachino, il vicequestore aggiunto Maria Antonietta Malandrino -. Quella frase detta da un bimbo di dieci anni alla nonna è stato il punto di partenza. Ascoltando i parenti e i vicini è emersa una situazione di degrado ma anche di intimidazione. Poi grazie alla consulenza tecnica sul fornellino ed anche sulle mani dell’arrestato, che non potevano essere state causate da un’esplosione, abbiamo ricostruito cosa è accaduto realmente». 

VIDEO SERVIZIO SIRACUSA NEWS

Postato in Cronaca, In evidenza, SIRACUSA, Video0 Comments

FRAMCOFONTE – Lupara bianca, presi i killer

I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Siracusa avrebbero fatto luce su un omicidio di mafia avvenuto 15 anni fa con il metodo della “lupara bianca”.

Gli investigatori hanno eseguito un provvedimento di custodia cautelare nei confronti di Michele D’Avola, 44 anni, attualmente in carcere al regime del 41 bis, e Fabrizio Iachininoto, 47 anni, per l’omicidio in concorso di Massimo Santo Gallo, 38 anni, scomparso a Francofonte, in provincia di Siracusa, nel marzo del 2002.

D’Avola è ritenuto dagli inquirenti il referente del clan “Nardo” su Francofonte, mentre Iachininoto è ritenuto tra i maggiori esponenti del clan Nardo e indicato come uno dei killer più efferati del gruppo mafioso. Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Catania, su richiesta della Procura distrettuale etnea.

L’indagine è stata riavviata nel febbraio 2015, in seguito ad alcuni riscontri investigativi dopo le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia. Gli investigatori hanno accertato che l’omicidio sarebbe maturato nell’ambito di una faida mafiosa che, nei primi anni 2000, vedeva contrapposti, nell’area di Lentini e Francofonte, in provincia di Siracusa, il clan “Nardo” e il clan “Campailla” di Scordia, Catania, al quale il Gallo era contiguo.

Postato in Cronaca, In evidenza, SIRACUSA0 Comments

Ragazza di 20 anni perde il lavoro e decide di prostituirsi

Una ventenne italiana, identificata e controllata dai carabinieri di Siracusa insieme ad altre 31 donne, ha raccontato ai carabinieri che si prostituiva per mantenersi dopo aver perso il lavoro.

Le zone maggiormente interessate ai controlli sono state le vie d’uscita da Siracusa verso il sud della Provincia (viale Ermocrate, via Columba, via Elorina), via Milano, via Isonzo, viale Zecchino, sempre del capoluogo e, nella zona nord, la S.S. 194 (Lentini – Ragusa) e la S.S. 385 (Catania – Gela). Sono in corso accertamenti al fine di verificare la possibilita’ di provvedimenti di prevenzione quali il “foglio di via”. (ITALPRESS).

Postato in Cronaca, In evidenza, SIRACUSA0 Comments

LEGA PRO – Catania e Siracusa subito fuori dai play off

Lega Pro, play off. Finisce l’avventura del Catania, gli etnei lottano ma non vanno oltre il pareggio a Castellammare contro la Juve Stabia , finisce 0-0.

I campani hanno sprecato almeno tre palle gol ma i rossazzurri dopo appena mezz’ora sono rimasti in 10 per l’espulsione di Parisi. Adesso bisogna guardare subito al futuro che passa dalla scelta del tecnico, si fanno i nomi di De Zerbi, Calori, Gautieri, ma con consistenza gira il nome di Cristiano Lucarelli del Messina.

E va fuori anche il Siracusa. Gli aretusei non reggono in casa l’urto della Casertana. I campani segnano dopo appena 8 minuti con Giorno e raddoppiano nel finale con Corado. La fortuna volta le spalle agli azzurri che avevano finito sesti il torneo. Nella gara di ieri hanno colpito un palo ma alcuni uomini chiave sono incappati in una giornata no.

 

 

Postato in CATANIA, In evidenza, SIRACUSA, Sport0 Comments

SERIE D – E’ ufficiale: Sicula Leonzio in Lega Pro

Adesso è ufficiale, mancava soltanto la matematica e ora è arrivata anche quella: dopo la sconfitta di ieri sera della Sicula Leonzio sul campo del Rende, sembrava si dovesse attendere il prossimo turno per rendere ufficiale la promozione in Lega Pro. Oggi invece la Cavese ha perso in casa per 2-3 contro il Roccella (gol decisivo di Santaguida all’89’) e così i bianconeri mantengono dieci punti di vantaggio sui campani a tre turni dal termine. Distanza ormai incolmabile, con la città di Lentini che può cominciare a festeggiare.

Dunque, play-off e play-out permettendo, potrebbero essere 5 le formazioni siciliane a sfidarsi nel prossimo campionato di Lega Pro: Catania, Messina, Siracusa, Akragas e appunto Sicula Leonzio.

Di seguito i risultati, la classifica e i marcatori della 31^ Giornata de campionato di Serie D Girone I . La sconfitta della Cavese, permette alla Sicula Leonzio con tre giornate di anticipo di approdare in Lega Pro

Serie D Girone I – 31^ Giornata – 13/04/2017 – ore 15.00
Aversa Normanna – Turris 1-0 57′ Rig Scalzone
Cavese – Roccella 2-3 30′ e 53′ Ficarotta (R) , 43′ Bellante,46′ Giglio (C) , 89′ Santaguida (R)
Gladiator – Città di Gragnano 1-1 51′ De Carolis, 69′ Franco (G)
Palmese – Pomigliano 1-1 46′ Bonadio, 55′ Soriano (P)  
Polisportiva Sarnese – Frattese 2-1 13′ Longo, 37′ Cacciottolo (S), 59′ Calemme (S)
Rende – Sicula Leonzio 1-0 12/04/2017
Sancataldese – Città di Gela 0-3 18′ Montalbano, 20′ rig Campanaro,66′ Alma 
Sersale – Castrovillari 0-0

Classifica

SICULA LEONZIO 70
CAVESE 60
IGEA VIRTUS 59
RENDE 59
PALMESE 56
GELA 50
FRATTESE49
TURRIS 46
GLADIATOR 44
POMIGLIANO 42
GRAGNANO 41
SANCATALDESE 39
AVERSA NORM. 36
ROCCELLA 33
SARNESE 29
CASTROVILLARI 28
SERSALE 13

DUE TORRI escluso dopo quattro rinunce
Prossimo turno – 23/04/17

Castrovillari – Igea Virtus Barcellona
Cavese – Polisportiva Sarnese
Città di Gela – Turris
Città di Gragnano – Palmese
Due Torri – Rende
Frattese – Gladiator
Pomigliano – Aversa Normanna
Roccella – Sersale
Sicula Leonzio – Sancataldese

Postato in In evidenza, SIRACUSA, Sport0 Comments

SERIE D – Sicula Leonzio, festa rimandata per la Lega Pro

Festa promozione in Lega Pro rimandata per la Sicula Leonzio, sconfitta, ieri, nell’anticipo valevole per la 31 esima giornata del torneo di SERIE D, a Rende per 1-0 con la rete di Gigliotti al 65’. Ai bianconeri è stato annullato, sullo 0-0, un gol di Cacciola per un fuorigioco molto dubbio. Ma il primato rimane saldo. Sicula Leonzio che si ferma a 15 vittorie consecutive con altri tre match ball da sfruttare a cominciare dalla prossima partita contro la Sancataldese.

 

Postato in In evidenza, SIRACUSA, Sport0 Comments

LEGA PRO – Cocuzza regala all’Akragas il derby contro il Siracusa

Un altro derby vinto all’Esseneto, anche il Siracusa di Sottil sesta forza del torneo e reduce da sei risultati utili consecutivi si arrende ad un combattivo e volenteroso Akragas, a sua volta al quarto risultato utile consecutivo e per di più senza subire gol. A decidere la partita è stata una rete dell’attaccante Salvatore Cocuzza al 59′ complice una disattenzione difensiva.

La reazione degli aretusei non è efficace come dovrebbe e arriva solo alla mezz’ora con un tentativo di testa, ma debole, di Scardina; di contro, i padroni di casa si difendono ordinatamente e non rinunciano a mettere in difficoltà gli avversari con ripartenze innescate sempre da lanci lunghi e millimetrici. Infatti, più volte Cocuzza e Klarić hanno la possibilità di ritrovarsi a tu per tu con Santurro. Clamorose sono le traverse colpite da Palmiero con una conclusione da più di 30 metri e da Coppola con un tiro a giro da destra a sinistra. Nel finale, è Pane a dire di no all’assalto degli ospiti parando una botta ravvicinata e in mischia di Persano e al direttore di gara non resta che decretare la fine e il successo dell’Akragas per 1-0.

Una vittoria che porta l’Akragas a quota 34 punti in classifica, ma è probabile che la quota salvezza si alzi, visto le vittorie delle altre formazioni della zona pericolante, è probabile che 40 punti per salvarsi possano anche non bastare.

AKRAGAS-SIRACUSA 1-0 (0-0)

Akragas (3-4-1-2): Pane 7; Genny Russo 6.5, Riggio 7, Thiago Cazé 6.5; Coppola 6.5, Palmiero 6.5, Pezzella 6 (87′ Rotulo sv), Sepe 6.5; Longo 6.5; Cocuzza 7 (83′ Mileto sv), Klarić 6.5. A disp.: Addario, Amella, Sarcuto, Caternicchia, Tardo, Mazza, Privitera, Sicurella, Leveque. All.: R. Di Napoli 7.
Siracusa (3-5-2): Santurro 6; Diakité 6.5, Pirrello 5.5, Cossentino 6; Brumat 5, Giuseppe Russo (67′ De Silvestro 6.5), Spinelli 6, Palermo 5.5 (80′ Persano sv), Valente 5 (76′ Azzi sv); Catania 5, Scardina 5. A disp.: Gagliardini, Dentice, Malerba, Giordano, Toscano. All.: Cristaldi 5 (Sottil squalificato).
Arbitro: Camplone di Pescara.
Marcatori: 59′ Cocuzza.
Note – Ammoniti: Pirrello, Scardina (S).

Postato in AGRIGENTO, In evidenza, SIRACUSA, Sport0 Comments

SIRACUSA – Il suicidio del maresciallo, Indagato il marito poliziotto

E’ stato iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di istigazione al suicidio il poliziotto di 45 anni, marito del maresciallo dei carabinieri di 32 anni, morta lunedì notte nella sua abitazione in contrada Isola, alle porte di Siracusa. Un suicidio secondo la versione fornita dal marito, indagato come atto dovuto per avere l’opportunità di partecipare agli accertamenti tecnici come l’autopsia.

Secondo la ricostruzione dell’ uomo, la moglie al culmine di una lite, nata probabilmente per motivi di gelosia, avrebbe impugnato l’arma di ordinanza per spararsi alla testa: il primo colpo l’avrebbe raggiunta alla tempia, e nel tentativo di strapparle l’arma, sarebbe partito un secondo colpo che avrebbe raggiunto la vittima alla coscia e poi il poliziotto nella stessa parte del corpo. L’inchiesta, coordinata dal procuratore capo Francesco Paolo Giordano e diretta dal pm Marco Di Mauro, dovrà accertare cosa sia accaduto nella camera da letto, anche con l’aiuto dei rilievi del Ris di Messina. (ANSA).

Postato in Cronaca, In evidenza, SIRACUSA0 Comments

Anziano dato alle fiamme a Siracusa Giovane in fuga arrestato a Fiumicino

La polizia ha arrestato stamane alle 7, all’aeroporto di Fiumicino, un diciannovenne di Siracusa, Marco Gennaro, nell’ambito dell’indagine sull’omicidio di Giuseppe Scarso, l’ottantenne aggredito e poi dato alle fiamme nella sua abitazione nella notte tra l’1 e il 2 ottobre scorso e deceduto dopo 70 giorni di agonia all’ospedale Cannizzaro di Catania.

Il provvedimento è stato eseguito su ordine del gip Carmen Scapellato. La polizia aveva già arrestato un’altra persona, Andrea Tranchina, 18 anni, che davanti al gip ha confermato l’ aggressione. Gennaro era fuggito negli Stati Uniti con l’aiuto della madre, trovando ospitalità da alcuni parenti, e aveva già prenotato il biglietto di ritorno da New York per oggi; ma ad attenderlo ha trovato la polizia.

Marco Gennaro era andato a Phoenix. Attraverso il Servizio centrale operativo e l’Interpol era stato localizzato dalle forze di polizia federali americane e monitorato fino al momento dell’imbarco sul volo New York-Roma Fiumicino, che aveva prenotato per il rientro in Italia alla scadenza del visto turistico. Gennaro è stato portato nella casa circondariale di Civitavecchia.

Postato in Cronaca, In evidenza, SIRACUSA0 Comments

RIFIUTI – La Regione obbliga ancora una volta gli autocompattatori a scaricare a Lentini [Vd Tg]

“Si rimane basiti a leggere il nuovo decreto del Dirigente generale del dipartimento rifiuti con il quale i rifiuti solidi urbani della città di Agrigento vengono spediti nuovamente alla discarica di Lentini piuttosto che a quella territorialmente più prossima. Sono queste le dichiarazioni dell’assessore all’Ambiente del Comune di Agrigento, Mimmo Fontana,m in questi giorni alle prese con la difficile vicenda dei netturbini. Era già successo nei primi giorni di agosto quando, dopo la riapertura della discarica di Siculiana, incredibilmente lo stesso dipartimento aveva deciso di ignorare non solo i principi europei della gestione integrata dei rifiuti che, come peraltro logica vuole, prescrivono che i rifiuti siano trattati negli impianti più prossimi al luogo dove vengono prodotti, cosi come imposto dal decreto legge. In quella occasione, la palese violazione delle norme serviva a consentire al presidente Crocetta di dichiarare che aveva risolto il problema di 19 anziché 3 comuni. Oggi non si ravvisa nemmeno questa bieca esigenza demagogica. Vengono rispediti a Lentini due comuni che quasi confinano con la discarica di Siculiana per farne entrare altri che distano meno da Lentini, ma che, soprattutto, distano 60/70 km dalla discarica di Siculiana. Non vorremmo pensare che si tratti di una ritorsione per l’azione legale che il comune sta intraprendendo contro la Regione proprio per i maggiori costi ingiustamente imposti ai nostri cittadini nei mesi scorsi. Ovviamente anche questa palese violazione del principio di prossimità fisica sarà oggetto di azione legale da parte di una amministrazione come la nostra che ha come obiettivo prioritario la tutela dell’interesse dei cittadini” conclude Mimmo Fontana. E sulla questione interviene anche il segretario agrigentino della Cgil Funzione pubblica, Alfonso Buscemi, che afferma : “Apprendiamo con disappunto che la Regione non riesce proprio a trovare un minimo di soluzione per lo smaltimento dei rifiuti senza aggravare di costi aggiuntivi un servizio che pesa in modo insopportabile oltre che insostenibile sugli agrigentini. Per questo vogliamo sperare che l’amministrazione questa volta si faccia sentire nelle sedi opportune e non si limiti a qualche lamentela attraverso i mezzi di informazione. Quanto accade conferma sempre di più come sia importante attuare una vera raccolta differenziata. Si inizi da subito con pochi soldi dalle attività commerciali. Basta farsi un giro la sera per le vie della città per contare i soldi che ci sono per strada sotto forma di cartone. Da oggi per ogni camion che si riempie di spazzatura ci vuole un altro lavoratore in più per andare a scaricare la spazzatura a Lentini, altro che licenziare”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, SIRACUSA, Video0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98