Archive | RACALMUTO

PROMOZIONE “Libertas Racalmuto – Raffadali” rinviata sullo 0-0 al termine del primo tempo

Il Direttore di gara di Fermo, il Sig. Simone Pistarelli, dopo un sopralluogo effettuato insieme ai suoi assistenti, al termine del primo tempo,ha ritenuto che non ci fossero più le condizioni per poter proseguire il big- match della giornata “Libertas Racalmuto – Raffadali”, facnedo rimanere le due squadre dentro gli spogliatoi. Eppure, i primi 45 minuti di gioco non hanno deluso gli infreddoliti presenti sugli spalti dello stadio di Grotte. Nonostante le già proibitive condizioni del campo, le due squadre non si sono risparmiate, dando vita ad una partita seppur equilibrata con spunti interessanti dall’una e dell’altra parte. Sembra partire meglio la formazione di mister Mattina, con un leggero predominio nel possesso palla e con tentativi di soprendere la retroguardia racalmutese con tiri da fuori. Ma alla lunga viene fuori la Libertas che ci prova con una conclusione di Cozma respinta da Tilaro, un colpo di testa di Moreno Tartaglia finito di poco alto e un tentativo di Hassan bravo a dribblare un paio di avversari , ma poco lucido davanti al portiere al momento del tiro con Tilaro bravo ad anticiparlo. Insomma, può essere sintetizzata cosi la sfida d’alta classifica tra le due agrigentine che, presto si rivedranno per recuperare il match. C’è la seria possibilità che la Libertas Racalmuto possa incontrare le prime due della classe nel giro di 4 giorni, con l’esito delle gare, non del tutto scontato per le due battistrada.

Postato in In evidenza, RACALMUTO, Sport0 Comments

MALTEMPO – E’ allerta meteo anche a Racalmuto

COMUNE DI RACALMUTO
AVVISO ALLA CITTADINANZA
ALLERTA METEO PER FORTI TEMPORALI 22 GENNAIO 2017.
SI INFORMA LA CITTADINANZA CHE IL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE REGIONALE CON AVVISO N. 17021 VALIDO FINO ALLE ORE 24 DI DOMANI 22 GENNAIO HA COMUNICATO CHE SI PREVEDE IL PERSISTERE DI VENTI DI BURRASCA O BURRASCA FORTE DAI QUADRANTI ORIENTALI IN RAPIDA ESTENSIONE, PRECIPITAZIONI SPARSE TENDENTI A DIFFUSE CON FENOMENI A PREVALENTE CARATTERE DI ROVESCIO O TEMPORALE, I FENOMENI SARANNO ACCOMPAGNATI DA ROVESCI DI FORTE INTENSITÀ, FREQUENTE ATTIVITÀ ELETTRICA E FORTI RAFFICHE DI VENTO..
SI INVITANO, PERTANTO, I CITTADINI A LIBERARE VERANDE, BALCONI E TERRAZZE DA OGNI OGGETTO CHE, A CAUSA DEL FORTE VENTO, POTREBBE SPOSTARSI E QUINDI CAUSARE PERICOLO PER LA PUBBLICA E PRIVATA INCOLUMITA’, VERIFICANDO, ALTRESI’, CHE GLI AUTOMEZZI, SE NON CUSTODITI IN GARAGE, VENGANO PARCHEGGIATI IN MANIERA TALE DA NON OSTRUIRE IL PASSAGGIO DEI MEZZI DI SOCCORSO E NON COSTITUISCANO PERICOLO A TERZI.
SI RACCOMANDA, ALTRESi’, DI TENERSI LONTANI DA STRUTTURE PRECARIE E VULNERABILI (VERANDE, PONTEGGI, CARTELLONI PUBBLICITARI, ALBERI, STRUTTURE PARTICOLARMENTE ALTE E SERRE AGRICOLE).
SI CONSIGLIA DI NON SOGGIORNARE NEI LOCALI SEMINTERRATI O COMUNQUE POSTI AL DI SOTTO DEL LIVELLO STRADALE, DI PRESTARE ATTENZIONE AL DEFLUIRE DELLE ACQUE SUPERFICIALI LUNGO LE VIE URBANE ED EXTRA URBANE, AI POSSIBILI ALLAGAMENTI NELLE AREE DEPRESSE DOVUTI AL RISTAGNO DELLE ACQUE, ALLA POSSIBILE INCAPACITÀ DI DRENAGGIO DA PARTE DELLA RETE FOGNARIA DEL CENTRO STORICO.
IN SEGUITO AL PRESENTE AVVISO, SI INVITANO, ALTRESI’, I CITTADINI A STARE LONTANI A SCOPO PRECAUZIONALE DA STRUTTURE PRECARIE, PER LA SALVAGUARDIA DELL’INCOLUMITA’ PUBBLICA E PRIVATA, E A RIMANERE A CASA NELLA GIORNATA DI DOMANI, DURANTE I FENOMENI DI PRECIPITAZIONI INTENSE, FATTA ECCEZIONE PER EMERGENZE E/O URGENZE INDIFFERIBILI.
Il SINDACO
EMILIO MESSANA

Postato in Cronaca, Eventi, In evidenza, RACALMUTO0 Comments

RACALMUTO – Proficua trasferta a Palermo dei consiglieri Mantione, Maniglia e Pagliaro su rinnovo Precari e Prg

Mentre il Sindaco Messana e la sua giunta, con il supporto dei voltagabbana della lista Borsellino, continuano a dimostrare la loro inadeguatezza, affrontando delicatissimi problemi, quali il rinnovo dei precari e la revisione del P.R.G., con un atteggiamento burocratico, scrivendo lettere e facendo telefonate, i consiglieri comunali di “Racalmuto prima di tutto”, si impegnano con decisione e con il gusto atteggiamento per la risoluzione dei problemi.

Ieri 20 gennaio 2017, infatti, il presidente del Consiglio Mantione ed i consiglieri comunali Maniglia e Pagliaro, in rappresentanza di tutti gli otto consiglieri, si sono recati a Palermo presso l’Assessorato regionale Autonomie Locali e Funzione Pubblica, per il rinnovo dei precari, e presso l’Assessorato regionale Territorio e Ambiente, per il P.R.G.

Mantione, Maniglia e Pagliaro alle ore 10,30 hanno incontrato il direttore generale dell’Assessorato Autonomie Locali e Funzione Pubblica, Arch. Giuseppe Morale, per sollecitare una soluzione per i precari di Racalmuto, in riferimento alla legge n.27 del 29 dicembre 2016, che prevede, per i comuni che hanno fatto ricorso al piano di riequilibrio finanziario, la proroga con il numero di ore in corso al 31 dicembre 2014. I consiglieri comunali hanno evidenziato come nella fattispecie del Comune di Racalmuto, questo porterebbe ad una grande penalizzazione dei lavoratori precari poichè, per effetto del piano di riequilibrio, a quella data i contratti erano stipulati per 18 ore settimanali, nonostante, nel corso dell’anno 2014 i contratti erano stati prorogati per 24 ore settimanali. Da conteggi effettuati emergerebbe che la disponibilità finanziarie con i soli fondi regionali sarebbe stata sufficiente per oltre 21 ore settimanali. I consiglieri comunali hanno chiesto una soluzione per la realtà del comune di Racalmuto. Il D.G. si è impegnato ad effettuare un approfondimento. In caso di esito negativo rimane la strada di un emendamento alla legge n. 27/2001, in sede di approvazione della Legge Finanziaria, nel prossimo mese di febbraio, al fine di consentire la proroga dei contratti in base alle risorse finanziarie assegnate al Comune dalla Regione al 31 dicembre 2014, per un maggior numero di ore. I consiglieri comunali di “Racalmuto prima di tutto”, seguiranno passo passo l’evolversi della situazione, anche incontrando i deputati regionali e daranno tempestive, doverose e puntuali informazioni ai precari.

Alle 12,30 Mantione, Maniglia e Pagliaro si sono recati all’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente per incontrare il Funzionario Arch. Sacco, che si sta occupando dell’iter di approvazione del Piano Regolatore di Racalmuto.

L’incontro,svoltosi con l’assoluta disponibilità del funzionario, è servito ai Consiglieri per conoscere lo stato di attuazione dello strumento urbanistico e per sollecitare i tempi di approvazione dell’importante e strategico Piano.

Il funzionario ha comunicato di avere già quasi completato l’iter di sua competenza per la trasmissione al Comitato Regionale Urbanistica , ma che è ancora in attesa di ricevere dal Comune di Racalmuto, l’attestazione relativa alla pubblicazione delle osservazioni al piano. I consiglieri si sono impegnati a sollecitare il Comune ad inviare la suddetta attestazione con immediatezza, in qual caso l’Arch. Sacco si è impegnato, a sua volta, a trasmettere gli atti al C.R.U. per la seduta del 20 febbraio p.v.

Postato in Cronaca, In evidenza, Politica, RACALMUTO0 Comments

RACALMUTO – Manca un assessore, l’opposizione si rivolge all’assessorato regionale

Da poco più di tre mesi, ossia da quando l’assessore Salvatore Manto si è dimesso, al Comune di Racalmuto manca un amministratore. Il componente della Giunta Messana non è stato, infatti, ancora nominato.

I consiglieri comunali Carmelisa Gagliarlo, Salvatore Maniglia, Ivana Mantione, Vincenzo Mattina, Maria Morgante, Sergio Pagliaro, Marilena Piscopo e Marcello Tufarulo – ossia quei consiglieri che prima della mozione di sfiducia componevano la stessa maggioranza di Messana – hanno scritto all’assessorato regionale alle Autonomie locali e Funzione pubblica, nonché al sindaco, al segretario generale ed alla Prefettura, per denunciare la violazione della legge regionale – la numero 7 del 1992 – . «L’assessore Manto – scrivono i consiglieri – si è dimesso formalmente il 5 ottobre e nonostante i solleciti di alcuni consiglieri comunali, il sindaco ad oggi, dopo oltre tre mesi, non ha provveduto alla sua sostituzione. In violazione della legge e dello statuto comunale, la Giunta ha continuato ad adottare – spiegano i consiglieri – atti deliberativi, anche di fondamentale importanza per l’ente e per i cittadini, in maniera assolutamente illegittima».

Postato in In evidenza, Politica, RACALMUTO0 Comments

RACALMUTO – Replica a Bongiorno dell’assessore Picone sulla Fondazione Sciascia

Caro Direttore,

Lillo Bongiorno prende a pretesto la ricorrenza del trentesimo anniversario dell’articolo di Leonardo Sciascia sui “Professionisti dell’antimafia” pubblicato sul Corriere della Sera, per accusare di inerzia la Fondazione Sciascia.

Siamo felici di smentirlo: siamo al lavoro per organizzare un importante evento proprio su questo tema e l’articolo di Felice Cavallaro e il confronto sui quotidiani nazionali che si è aperto servono proprio a preparare il terreno, creando la giusta e doverosa attenzione su una grande questione del nostro Paese.

E’ vero, non ci sono più le risorse di una volta, quando Comune e Regione finanziavano la Fondazione Sciascia, consentendole di diventare un’istituzione culturale di primaria importanza, grazie soprattutto all’inestimabile patrimonio donato dal grande scrittore racalmutese.

La Fondazione, da quasi dieci anni, vive solo grazie al contributo regionale, che si è progressivamente ridotto, fino ad arrivare alla cifra riconosciuta per l’anno 2016 di 47 mila euro, che servono a pagare gli stipendi dell’unico dipendente a tempo pieno e della collaborazione part time della bibliotecaria e le spese di ordinario funzionamento.

Prima che arrivassimo noi, l’ultima iniziativa di rilievo era datata 2012.

Noi abbiamo invertito la tendenza, con i pochi soldi a disposizione abbiamo organizzato iniziative importanti che hanno visto la presenza tra gli altri del Presidente del Senato Pietro Grasso, del saggista e traduttore francese J. Noel Schifano, al quale abbiamo concesso la “cittadinanza onoraria”, ringraziandolo per la donazione del manoscritto de “L’affaire Moro”,  del regista Moni Ovadia, per citare i più importanti.

Per la prima volta la Fondazione ha promosso un’iniziativa di popolo, ideando il Festival della Lettura, in occasione del sessantesimo anniversario delle “Parrocchie di Regalpetra”. Lo scorso mese di maggio l’Italia intera ha parlato di noi, della Fondazione Sciascia, di Racalmuto e del suo popolo che, rileggendo il libro delle Parrocchie, simbolicamente, ha celebrato un nuovo coinvolgimento dei cittadini alle attività della Fondazione.

Per la prima volta abbiamo coinvolto uno sponsor, l’Italkali, che l’anno scorso, generosamente, ci ha concesso un contributo di 10.000,00 euro proprio per quelle attività culturali e per altre che abbiamo fatto nel corso dell’anno: la mostra del carteggio Sciascia-Laterza, poi confluita nel libro “L’invenzione di Regalpetra” edito da Laterza, che dà merito al Comune e alla Fondazione per l’organizzazione dell’evento sulle Parrocchie; il dibattito sulle feste religiose in Sicilia, lo scorso mese di luglio, con Vittorio Sgarbi, il Vescovo Pennisi, Nino Buttitta e Felice Cavallaro; la presentazione del volume “Fine del carabiniere a cavallo” con la cerimonia della “cittadinanza onoraria” di Racalmuto al professor J. Noel Schifano, e le due “Giornate Sciasciane”, lo scorso novembre, con la presenza di oltre quattrocento studenti siciliani.

Il tutto con poche risorse economiche, anche da parte del Comune, che fa quel che può in tempi di riequilibrio finanziario e di tagli periodici da parte di Stato e Regione. Era facile amministrare e guidare un Ente culturale importante come la Fondazione quando le casse erano strapiene, quando si poteva organizzare un convegno sapendo di avere tanti soldi a disposizione.

E tuttavia anche allora c’era chi criticava, chi parlava di “immobilità”. Era immobile prima, quando c’erano i soldi e si faceva un convegno l’anno, o è immobile ora, che con pochi soldi si è riusciti, da due anni a questa parte, a riprendere le attività culturali, ad idearne altre e a definire il censimento del lascito promesso da Leonardo Sciascia, ovvero delle lettere da lui ricevute “in circa mezzo secolo di attività letteraria”. Si, abbiamo l’elenco completo. Sappiamo quante lettere ci sono, chi le ha scritte. E cosa raccontano queste lettere? Intanto ci dicono che sono più di quattromila gli autori e oltre dodicimila le carte appartenenti al mondo culturale, politico, editoriale, artistico e sociale dell’Europa intera del secolo scorso. Un patrimonio immenso che a breve, dopo che il Consiglio di Amministrazione deciderà le modalità, presenteremo ufficialmente.

Peccato che Lillo Bongiorno, sempre così attento, non se ne sia accorto.

In quanto al contributo perso per l’anno 2015, ci siamo assunti pubblicamente le nostre responsabilità, cercando di comprendere le ragioni di quello che era accaduto. Anche perché, lasciatemelo dire, non ricordo sindaci o ex assessori alla Cultura dietro una scrivania a seguire bandi per la Fondazione, a leggere Gazzette e a confezionare progetti e presentarli. Era un meccanismo virtuoso, seguito personalmente dal Dott. Aldo Scimè, guida essenziale della Fondazione per tanti anni.

Venuto meno, per ragioni di salute, l’impegno costante del Dott. Scimè, la Fondazione – che non ha mai avuto una struttura organizzativa stabile che si occupasse della gestione – ha subìto questa grave dimenticanza, in un contesto di confusione generale alla Regione, di Assessori e dirigenti di Dipartimenti che cambiano ogni tre mesi.

Abbiamo rifatto il prospetto dell’ex Centrale dell’Enel, che era ammalorato da anni, bandito i lavori per il rifacimento della strada e dei marciapiedi che costeggiano la residenza della Fondazione, risanato il costone sottostante.

La Fondazione segue e partecipa attivamente, accanto ad altri Comuni e al Distretto turistico Valle dei templi, al progetto “La Strada degli Scrittori”.

Abbiamo già incontrato dirigenti regionali e nazionali di Conad i quali sono pronti a finanziare un nostro progetto culturale, onorati di poter legare il loro brand alla nostra Fondazione.

La Fondazione Sciascia l’abbiamo trovata abbandonata e ci siamo messi al lavoro per restituirle il ruolo centrale nel mondo culturale che le compete.

Il percorso di rinnovamento gestionale e di programmazione va perseguito. La Fondazione Sciascia non è più la stessa di trent’anni fa, quando è stata concepita. Il mondo è cambiato. Viviamo altri tempi e dobbiamo spingere questa nave di cultura verso nuovi lidi, aperti all’Europa e al mondo.

Per fare questo è importante che chi vive in questo paese e ha idee, relazioni, passione e volontà, cooperi e collabori, senza utilizzare il nome di quest’importante centro culturale per strumentalizzazioni che non portano a niente. In due anni e mezzo di guida dell’assessorato alla Cultura, sono stato sempre aperto e disponibile a qualsiasi confronto. E’ un assessorato difficile da gestire, soprattutto in tempo di casse vuote e pre dissesto, che contempla la grande responsabilità di dialogo con un Ente Culturale di calibro internazionale, che impegna e coinvolge un mondo di idee, relazioni, progetti. Da soli, naturalmente, non si va da nessuna parte. Ed per questo che rinnovo l’invito non solo a Bongiorno, ma ai consiglieri comunali, agli intellettuali, agli artisti, alle associazioni e ai giovani, a tutti: Sciascia e i beni culturali del nostro paese devono unire e non dividere, almeno questo dovremmo provare a farlo, rispetto al passato.

Salvatore Picone

Assessore alla Cultura del Comune di Racalmuto

Consigliere Fondazione L. Sciascia

Postato in Cronaca, Cultura, In evidenza, RACALMUTO0 Comments

RACALMUTO – Al via il Progetto “Obiettivo Giovani”.

RACALMUTO: Al via il Progetto “Obiettivo Giovani”. Coinvolti giovani disoccupati dai 18 ai 35 anni.

Prende il via oggi il progetto “Obiettivo Giovani” promosso dall’assessorato ai servizi sociali del Comune di Racalmuto e rivolto alla fascia giovane della comunità.

Il progetto ha coinvolto 36 giovani racalmutesi dai 18 ai 35 anni, disoccupati/inoccupati che dedicheranno due mesi della propria vita a favore di un impegno di utilità collettiva. Per i giovani coinvolti, dichiara l’assessore ai servizi sociali dott.ssa Carmela Matteliano: “ il servizio civico può essere un’importante occasione di crescita personale per i giovani alla ricerca di un lavoro. Favorisce l’integrazione sociale e costituisce oltre che un’esperienza di collaborazione, un’opportunità educativa e formativa”.

Nello specifico, le azioni di intervento attivate, grazie al coinvolgimento dei giovani sono: 

1) un servizio di supporto organizzativo per alunni svantaggiati (supporto ai docenti nelle attività di igiene, di alimentazione e in quelle ludico-ricreative) per gli alunni frequentanti le sezioni infanzia del plesso “Lauricella” e del plesso “Agazzi” dell’istituto Comprensivo Statale Leonardo Sciascia;

 2) un servizio di piccola manutenzione e pulizia di strutture pubbliche ed in particolare scuole, teatro ecc.. 

Tutti i giovani partecipanti sono stati sottoposti a visita medica e formati attraverso un corso specifico organizzato dal comune.

“Ancora una volta Scuola e Comune si trovano a condividere un’altra bella esperienza progettuale – dichiara il sindaco Emilio Messana. L’intesa tra i due enti permette di migliorare e rafforzare i servizi e di offrire ai nostri giovani concittadini un ambiente socializzante e protetto dove sviluppare le proprie competenze. Già lo scorso anno la scuola ha offerto la possibilità a 10 cittadini disoccupati di poter svolgere la loro esperienza di borsa lavoro. Adesso entrano nelle scuole i giovani, grazie ad una misura specifica per la loro valorizzazione.”

Il servizio civico comunale costituisce una forma di assistenza alternativa all’assegno economico ed è rivolto prioritariamente a coloro che sono privi di occupazione. 

Ciascun giovane sarà impegnato sei ore alla settimana per otto settimane e avrà diritto ad un compenso di 280 euro.

Postato in Cronaca, Eventi, RACALMUTO0 Comments

RACALMUTO – Appello del Sindaco di Racalmuto per la proroga dei contratti

Appello del Sindaco di Racalmuto al Presidente della Regione, agli Assessori Regionali delle Autonomie Locali e dell’Economia, ai Gruppi Parlamentari all’Ars, al Prefetto e alle Organizzazioni Sindacali per la proroga dei contratti con i precari.

La legge regionale ha previsto che i comuni in riequilibrio finanziario possano prorogare i contratti con riferimento ai rapporti in corso al 31/12/2014. A quella data, per effetto del piano di riequilibrio approvato, il Comune di Racalmuto aveva stipulato i contratti a 18 ore settimanali.

Già nel mese di ottobre il sindaco di Racalmuto aveva sollevato la disparità di trattamento rispetto ai comuni in dissesto, per i quali la Regione prevede la copertura integrale delle spese per i contrattisti.

Adesso, questa nuova norma rischia di discriminare anche i Comuni in riequilibrio finanziario, che, come Racalmuto, alla data del 31/12/2014 avevano approvato il piano di riequilibrio e ridotto le ore ai contrattisti.

“Siamo al paradosso – dichiara il Sindaco Messana – i comuni che non hanno risanato il bilancio e hanno dichiarato in dissesto hanno garantita la copertura dei costi per i precari al 100%, pertanto, nonostante il fallimento, possono mantenere i contratti a 24 ore. Racalmuto, che per risanare le casse comunali ha dovuto tagliare gli stipendi e ridurre le ore ai contrattisti, si trova costretta a dover prorogare i contratti a diciotto ore.”

Il fondo di compensazione assegnato dalla regione per gli anni 2014, 2015 e 2016 consentiva, senza oneri a carico del bilancio comunale, di stipulare contratti a venti ore. 

“Soltanto alla data del 31/12/2014 i contratti erano a diciotto ore –  continua il sindaco Messana – perchè dovendo rispettare la misura del piano di riequilibrio, che imponeva di non spendere un euro delle risorse comunali per i precari, e non avendo certezza della proroga e dell’importo del fondo di compensazione regionale, i contratti che andavano in scadenza durante l’anno 2014 furono prorogati in via cautelativa a 18 ore e non più a 24.

“E’ necessario che l’Assessorato Enti Locali intervenga con una circolare per autorizzare quantomeno i Comuni in riequilibrio finanziario a poter prorogare i contratti con riferimento al monte ore complessivamente lavorato nel corso dell’anno 2014 e non al 31/12/2014.

“Altrimenti si intervenga in via legislativa in occasione dell’approvazione della Legge Finanziaria  per risolvere prima del 28 febbraio questa enorme, inaccettabile iniquità e autorizzare i comuni in riequilibrio finanziario a prorogare i contratti con i lavoratori precari per le ore previste alla data di adozione del piano di riequilibrio e ponendo i relativi oneri totalmente a carico del fondo di compensazione come previsto per i Comuni in dissesto finanziario.”

In allegato il testo della nota inoltrata al Presidente della Regione, agli Assessori Regionali agli Enti Locali e al Bilancio, ai Gruppi Parlamentari all’Ars, al Prefetto e alle Organizzazioni Sindacali.

Postato in Cronaca, Economia, In evidenza, Politica, RACALMUTO0 Comments

PROMOZIONE – Ancora un pari (1-1) della Libertas Racalmuto al Salaci contro il Kamarat

Secondo pareggio di fila con lo stesso identico risultato, 1-1, per la Libertas Racalmuto al Salaci contro il Kamarat, nel primo dei cinque derby di fila che la formazione di Angelo Consagra dovrà disputare da qui in avanti. I racalmutesi vanno sotto nel primo tempo ad inizio gara, complice il solito svarione difensivo, come accaduto nella partita di mercoledi contro il Partinicaudace. Poi, la Libertas esce fuori inizia a produrre gioco e ad inizio ripresa trova il gol del pareggio con Giulio Castaldo. Finisce 1-1 per un risultato sostanzialmente giusto. E domenica prossima arriva la capolista Raffadali in un derby tutto da vedere.

Postato in AGRIGENTO, In evidenza, RACALMUTO, Sport0 Comments

RACALMUTO – Alla Media “D’Asaro” lavori da rifare

Brutte notizie arrivano dalla scuola Media Pietro D’Asaro di Racalmuto. La scuola interessata in quest’ultimoperiodo da lavori di ristrutturazione ancora non completati del tutto. Si ritrova con infiltrazioni d’acqua piovana che hanno danneggiato i muri e il controsoffitto. Nonostante centinaia di migliaia di euro spesi la scuola sembra non aver retto alle ultime piogge con il danneggiamento dei muri. Quindi, il probabile ritorno nella struttura a febbraio o marzo sembra destinato a slittare.

Postato in Cronaca, RACALMUTO0 Comments

PROMOZIONE – Domani(mercoledi) si recupera “Libertas Racalmuto – Partinicaudace”

E domani, la Libertas Racalmuto recupera l’incontro rinviato domenica scorsa,causa maltempo, contro il Partinicaudace. La gara si gioca allo stadio comunale di Grotte, con inizio alle ore 14.30. Una sfida da alta classifica, con la Libertas , che, in caso di successo potrebbe accorciare le distanze sulla capolista Raffadali, sconfitta nell’ultimo turno a San Giuseppe Jato.

 

 

Postato in RACALMUTO, Sport0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

gennaio: 2017
L M M G V S D
« Dic    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98