MAFIA E MASSONERIA – Il Gran Maestro consegna tutti gli elenchi degli iscritti di Castelvetrano alla Polizia [VIDEO]

“Non corrisponde al vero quanto riportato nel rapporto che il prefetto di Trapani ha inviato al governo nazionale e anche sulla base del quale si sono bloccate le elezioni comunali, che la loggia del Grande Oriente d’Italia castelvetranese non ha fornito gli elenchi degli iscritti quando le è stato richiesto”.

Lo ha detto il gran maestro del Goi Stefano Bisi nel corso di una conferenza stampa tenuta in un albergo di Castelvetrano al termine di una due giorni durante la quale circa 300 massoni siciliani aderenti al Grande Oriente d’Italia si sono riuniti nel centro belicino su iniziativa della loggia “Francisco Ferrer” della quale è maestro venerabile Quintino Paola.

“La loggia “Francisco Ferrer” – ha aggiunto Bisi, 59 anni, gran maestro dall’aprile 2014 – da anni consegna spontaneamente gli elenchi degli iscritti alla polizia. Il Goi si è opposto, con esposto alla Corte europea dei diritti dell’uomo e una denuncia alla Procura della Repubblica di Roma, al sequestro di tutti gli elenchi degli iscritti nelle regioni Sicilia e Calabria dal 1990 in poi perché riteniamo un atto arbitrario e un abuso quello fatto attuare dalla Commissione parlamentare antimafia. Non può essere una giustificazione il fatto che ci sono inchieste che riguardano alcuni esponenti che potrebbero appartenere alla massoneria in senso generale intesa”.

Il gran maestro ha evidenziato che “Il primo marzo, nella sede nazionale, sono venuti 13 finanzieri dello Scico, tra cui uno armato, e hanno fatto perquisizione e sequestri durati 14 ore. Poi ho letto su un giornale che il sen. Fava, vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia, riferiva che da una prima visione dei nomi non ne risultano di eclatanti. Mi chiedo che nomi eclatanti si cercavano. Eventuali infiltrazioni mafiose che purtroppo possono esserci in qualsiasi tipo di amministrazione? Noi facciamo controlli associativi e effettuiamo anche delle sospensioni”.

L’ Intervista di Elio Indelicato a Stefano Bisi Grande Maestro del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani [CASTELVETRANONEWS.IT]

Postato in Cronaca, In evidenza, TRAPANI, Video0 Comments

SICULIANA – Blitz della Guardia di Finanza in un’area del demanio [VIDEO]

La Guardia di Finanza di Porto Empedocle ha recuperato alla disponibilità del Demanio un’area a Siculiana Marina dove è stato ricavato abusivamente un porticciolo turistico, capace di contenere almeno una cinquantina di piccole imbarcazioni, per lo più da diporto. Le Fiamme Gialle hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Agrigento il custode e il responsabile della struttura, e anche 8 proprietari delle barche ormeggiate per il reato di occupazione abusiva di Demanio pubblico. Sono state sequestrate le 8 imbarcazioni, e un gazebo in legno sulla spiaggia dove, tra l’altro, sono stati venduti, allo stesso modo abusivamente, giocattoli. Sanzionati amministrativamente anche i proprietari di altre 21 imbarcazioni. Le indagini proseguiranno al fine di individuare eventuali ulteriori responsabilità collegate all’utilizzo in sicurezza dei beni del Demanio nella stagione estiva su tutto il litorale agrigentino, evitando che soggetti non autorizzati possano impedirne l’uso pubblico.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Video0 Comments

Crocetta: «Ho salvato la Sicilia, mi ricandido» [VIDEO]

«Mi candido». Così il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, in conferenza stampa nel suo comitato del ‘Megafonò confermando la ricandidatura alle regionali del 5 novembre.

«In questo momento la mia è una proposta che faccio innanzitutto al Pd», afferma Crocetta. Rispondendo al segretario dei dem siciliani, Fausto Raciti, che prima della scelta del candidato a governatore occorre definire la coalizione e un programma, Crocetta dice: «La coalizione c’è già ed è quella che mi sostiene ora, poi io voglio allargare alla sinistra. Certamente la candidatura non la possono scegliere quattro capi corrente a Roma ed è inusuale che presidente uscente non venga candidato».  Crocetta aggiunge: «Sono pronto anche a fare le primarie e a sfidare chiunque, Davide Faraone, Giuseppe Lupo e chiunque si candidi».

Postato in In evidenza, PALERMO, Politica, Video0 Comments

VILLAFRANCA SICULA – Dipendenti del Comune in malattia: 12 misure cautelari [VIDEO]

Le assenze per malattia dei dipendenti del Comune di Villafranca Sicula registravano stranamente un’impennata in coincidenza con il periodo della raccolta delle olive. In un’altro caso una dirigente si sarebbe fatta accompagnare dal marito, autista del Comune, a fare shopping nei paesi vicini per risultando regolarmente in servizio. E’ quanto emerge da un’indagine anti assenteismo dei carabinieri sfociati nell’emissione di 12 misure cautelare da parte del Gip del tribunale di Sciacca, su richiesta della procura, nei confronti di dieci dipendenti comunali, di un medico e della sua segretaria.

Tutti, a eccezione del medico che è agli arresti domiciliari, hanno l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. Gli investigatori hanno accertato, oltre a una serie di strisciate collettive di badge da parte di personale che poi si allontanava, anche una singolare «epidemia». I dieci dipendenti del Comune sottoposti a misura cautelare soffrivano infatti tutti di vertigini, patologia attestata dai certificati rilasciati dal medico, ma poi non avrebbero avuto problemi ad arrampicarsi sugli alberi per la raccolta delle olive.

Di seguito i nominativi dei soggetti interessati dalle ordinanze

 

  1. MONTANA GAETANO, MEDICO DI BASE (63)
  2. BLANDA GIOVANNA, SEGRETARIA DR. MONTANA (28);
  3. BONACCORSO SANTO, (53)
  4. BUSCEMI ROSA, (59);
  5. GANGA GIUSEPPE, (63);
  6. CALABRESE GIUSEPPE, (53);
  7. D’ANGELO MARIANO, (62);
  8. LATINO CALOGERO, (58);
  9. PERRICONE VITO, (61);
  10. SCARPINATO PAOLO, (63)
  11. GIRGENTI PAOLINO, (60)
  12. GIRGENTI PAOLO, (56);

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Video0 Comments

MAFIA – Sequestro beni da 11 milioni di euro alla famiglia Stanzù indicata come affiliata ai clan di Enna e di Gela [VIDEO]

Beni per un valore equivalente superiore a 11 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanziari del Gico e dai carabinieri, a conclusione di indagini patrimoniali coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta, a Giacomo Gabriele Stanzù, 57 anni, attualmente detenuto, e ai suoi congiunti.

Secondo le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia Stanzù, condannato a 14 anni per omicidio aggravato dal metodo mafioso, sarebbe stato in contatto con esponenti della famiglia mafiosa di Enna e di Gela, in particolare con Daniele Emanuello, morto nel 2007 in un conflitto a fuoco con le forze dell’ordine che stavano per catturarlo.

Il provvedimento, emesso dal Tribunale di Enna, riguarda il sequestro di 349 ettari di terreno e 8 fabbricati fra Aidone, Assoro e Piazza Armerina oltre a 10 autovetture e diversi conti correnti postali e bancari.

I beni in questione, riferibili a Stanzù in base ai risultati del’indagine, sono stati sequestrati a Elisabetta Buttaccio Tardio, 30 anni di Nicosia, Domenica, Benedetta e Nicola Antonio Stanzù, rispettivamente di 51, 54 e 40 anni tutti di Capizzi e Carlotta Conti Mammanica, 41 anni di Enna.

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca, In evidenza, Video0 Comments

CORLEONE – Sequestrati beni per 1,5 mln alla famiglia Riina, le mani del boss sui terreni della Curia [VIDEO]

I Carabinieri del Ros e quelli del Comando Provinciale di Palermo e Trapani hanno sequestrato al boss Salvatore Riina e ai suoi familiari beni per un valore complessivo di circa 1,5 milioni di euro. Il provvedimento riguarda società, una villa, 38 rapporti bancari e, soprattutto, numerosi terreni del padrino corleonese. L’inchiesta nasce dai redditi dichiarati negli anni da Riina e dai suoi congiunti da cui è stato possibile ipotizzare l’utilizzo di mezzi e di risorse finanziarie illecite.

Il Tribunale di Palermo, contestualmente al sequestro, ha anche sottoposto ad amministrazione giudiziaria l’azienda agricola dell’ente Santuario Maria Santissima del Rosario di Corleone. In particolare è stata accertata l’ingerenza di Salvatore Riina e della sua famiglia nel controllo e nella gestione di un vasto appezzamento di terreno del santuario, esercitati inizialmente attraverso Vincenzo Di Marco, storico giardiniere e autista del nucleo familiare di Salvatore Riina, e dal 2001 per il tramite del figlio, Francesco Di Marco.

Postato in Cronaca, Dall'Italia, In evidenza, PALERMO, Video0 Comments

MAFIA- Colpo al clan di Brancaccio, 34 arresti [VD1][VD2]

La Polizia e la Guardia di Finanza di Palermo, eseguendo un provvedimento emesso dal Gip nell’ambito di indagini della Direzione Distrettuale Antimafia, stanno procedendo, in Sicilia, Toscana, Lazio, Puglia, Emilia Romagna e Liguria, all’esecuzione di 34 misure cautelari nei confronti di mafiosi della cosca di Brancaccio e loro complici e al sequestro di numerose aziende, per un valore complessivo di circa 60 milioni di euro. Tra gli arrestati c’è Pietro Tagliavia, capo del mandamento mafioso di Brancaccio e della famiglia di ”Corso dei Mille”, attualmente ai domiciliari. 

Le indagini, eseguite dalla Squadra Mobile e dal Gico del Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo, hanno consentito di fare luce su episodi di minacce, danneggiamento, estorsione, furto e detenzione illegale di armi da parte di esponenti della cosca di Brancaccio e di ricostruire l’organigramma delle famiglie mafiose che appartengono al mandamento, definendo ruoli e competenze di ciascuno e individuando i capi. L’inchiesta ha svelato il controllo, da parte della mafia, di un gruppo imprenditoriale che opera in diverse regioni, tra le quali Sicilia e Toscana. Polizia e Guardia di Finanza stanno sequestrando veicoli e autoveicoli utilizzati per la commissione dei reati contestati e aziende riconducibili ai mafiosi arrestati.

Postato in Cronaca, In evidenza, PALERMO, Video0 Comments

AGRIGENTO – Danneggiata la stele di Livatino [VIDEO]

E’ stata danneggiata la stele fatta erigere alla periferia di Agrigento dai genitori del giudice Rosario Livatino, il magistrato ucciso dalla mafia il 21 settembre del 1990.

Il monumento si trova nel luogo in cui il magistrato venne assassinato. A fare la scoperta è stato un operaio che stava passando e che ha subito segnalato il fatto.

«Abbiamo aperto un’indagine su un fatto che definisco inquietante. Seguiremo ogni spunto. Certamente non si può escludere la pista mafiosa», ha detto  il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio commentando il danneggiamento della stele in memoria del giudice Rosario Livatino, ucciso dalla mafia nel 1990.  Sul posto  la Squadra Mobile e la Polizia Scientifica per i rilievi.

Secondo i primi accertamenti, qualcuno con un oggetto pesante, una pietra o un martello, ha spaccato in due il cerchio su cui c’era scritto «A Rosario Livatino…» facendo saltare il nome del giudice. La Procura ha aperto un’inchiesta. «Se qualcuno pensa di intimorirci si sbaglia. L’esempio di Rosario Livatino andrà avanti anche se, evidentemente, disturba qualcuno», dicono i rappresentanti delle associazioni.

Intanto, non appena appresa la notizia, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha scritto su Twitter: «Onore alla memoria oltraggiata del giudice Livatino. Italia unita alla vigilia dell’anniversario della strage di via D’Amelio». 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Video0 Comments

RACALMUTO – Grande successo per il concerto di Giovanni Caccamo [FOTO][VD TG]

Successo a Racalmuto, a conclusione dei festeggiamenti per la Madonna del Monte, in occasione del concerto di Giovanni Caccamo, il cantautore siciliano divenuto noto per aver vinto tra le nuove proposte il festival di Sanremo 2015 con il brano “Ritornerò da te” e per essere giunto al terzo posto al Festival di Sanremo 2016 nella categoria Big con il brano “Via da qui”.

“Quindici giorni esaltanti, conclusi nel migliore dei modi.- dichiara il Sindaco Emilio Messana, Giovanni Caccamo, un giovane artista siciliano, emigrato al Nord per studiare, che in Sicilia ritrova la fonte e le radici per esaltare il suo talento e conquistare il grande pubblico. Una storia esemplare. Un grande concerto. La grande piazza di Racalmuto!”

Il servizio di Sergio Rizzo e le relative interviste a Giovanni Caccamo e al Sindaco Emilio Messana , potete seguirli , oggi, all’interno dei nostri telegiornali a partire dalle ore 14 su Studio 98.

 

Postato in Eventi, In evidenza, Musica, RACALMUTO, Spettacolo, Video0 Comments

REGIONE – Elezioni, Nello Musumeci:”Pronto a candidarmi sono io il centrodestra” [VIDEO]

Giancarlo Cancelleri è ufficialmente il candidato alla Presidenza della Regione per il Movimento 5 Stelle essendo stato il più votato alle Regionarie. Nel centro destra sembra pronto l’ex Presidente della Provincia di Catania , Nello Musumeci, come dichiarato in un’intervista rilasciata all’emittente Antenan del Mediterraneo.

 

Postato in In evidenza, Politica, Video0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98