ROMA – Bimba di Gela muore dopo un trapianto di midollo, i genitori denunciano i medici

Sarà l’autopsia a stabilire le cause della morte di Esmeralda, una bambina di 10 anni, di Gela che, sottoposta con successo a trapianto di midollo osseo all’ospedale «Bambin Gesù» di Roma, per guarire dalla leucemia, è morta dopo qualche giorno per un aggravamento delle sue condizioni. Per i genitori, Maurizio Santanastaso, di 43 anni, commesso in un supermercato, e Salvatrice di Pietro, di 40 anni, casalinga, si tratterebbe di un caso di malasanità, per degli errori che a loro dire sarebbero stati commessi dai medici.

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca, Dall'Italia, Salute0 Comments

AGRIGENTO – Vaccinazioni, il commissario ASP incontra la stampa [Vd Tg]

Permane una situazione di incertezza in merito ad alcune tematiche legate alle procedure di vaccinazione. Al fine di sciogliere dubbi in merito al volume delle prestazioni vaccinali da assolvere, alle questioni legate agli obblighi delle vaccinazioni, agli adempimenti scolastici ed alle procedure di certificazione, il direttore sanitario Asp, Silvio Lo Bosco, ed il responsabile del Servizio Sanità Pubblica, Epidemiologia, Medicina Preventiva, Gaetano Geraci, incontreranno i giornalisti mercoledì 13 settembre alle ore 10.30 presso la sala riunioni della sede legale Asp del viale della Vittoria ad Agrigento (padiglione direzione generale – sala attigua all’Ufficio stampa).

Saranno inoltre illustrati i dati quali-quantitativi sulle somministrazioni effettuate e da completare.

Presiederà l’incontro il commissario ASP, ing. Gervasio Venuti.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Salute, Video0 Comments

CEFALU’ – Ospedale Giglio, 34 indagati: favorivano pazienti evitando liste d’attesa

I carabinieri del Nas di Palermo, coordinati della Procura della Repubblica di Termini Imerese, hanno notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari a 34 persone, tra medici, infermieri e personale amministrativo in servizio presso la Fondazione ospedaliera San Raffaele Giglio di Cefalù e presso l’Assessorato regionale della Salute. Gli indagati sono ritenuti responsabili a vario titolo di peculato, falso, abuso d’ufficio, truffa ai danni del Servizio Sanitario Regionale e illecita gestione di specialità medicinali ad azione stupefacente.

Le accuse derivano in larga parte dall’aver, secondo le indagini, agevolato l’accesso di alcuni pazienti all’Unità operativa di Chirurgia Generale della Fondazione ospedaliera a danno dei pazienti regolarmente in lista d’attesa per il ricovero, in violazione sia delle normative nazionali e regionali relative alla prenotazione delle prestazioni sanitarie e accesso alle liste per poi essere sottoposti ad intervento chirurgico, sia riguardo alla compartecipazione al costo delle prestazioni sanitarie.

Le indagini sono state avviate nel 2012 quando, a seguito di un controllo, furono scoperte presunte irregolarità da parte del primario della unità operativa e di altri operatori sanitari, che non avrebbero documentato come previsto un intervento chirurgico su una paziente minore.

L’intervento fantasma sarebbe stato solo uno dei tanti, compiuti con le medesime presunte modalità illecite, per favorire la propria attività libero professionale e trarne un ingiusto profitto economico. Nello specifico, sarebbero stati eseguiti interventi chirurgici privati utilizzando illecitamente le sale operatorie ed i farmaci in dotazione all’ospedale, avendo cura di non lasciare traccia alcuna sui relativi registri. 

Postato in Cronaca, In evidenza, PALERMO, Salute0 Comments

SCIACCA – Quasi 200 mila euro per gli ascensori all’ospedale

La Direzione strategica dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento ha predisposto un investimento di quasi 200mila euro per la riparazione degli ascensori attualmente in stop all’ospedale Giovanni Paolo secondo di Sciacca. L’iter dell’intervento, già in fase avanzata, prevede l’individuazione degli operatori economici attraverso il portale acquisti in rete sulla piattaforma Mef-Consip. Le ditte interessate avranno tempo sino a fine luglio per presentare le offerte. E subito dopo si procederà all’aggiudicazione della gara.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Salute0 Comments

LAMPEDUSA – Un successo “Asp in piazza”, effettuate 335 prestazioni

Due giorni intensi con un flusso continuo di utenti che sono saliti a bordo dei camper della prevenzione per sottoporsi ad esami e visite. Dopo le cinque iniziative in provincia di Palermo (Contessa Entellina, Villafrati, Sciara, Collesano ed Alimena) “Asp in Piazza” ha fatto tappa nelle Pelagie montando il “villaggio della salute”, prima a Linosa e poi per due giorni a Lampedusa.

 

“Abbiamo risposto sia all’appello della gente delle Pelagie, sia a quello dell’Associazione OcchiBlu che ci ha chiesto di inserire l’Asp in Piazza nell’ambito delle iniziative organizzate in occasione di Lampedus’Amore – ha spiegato il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo, Antonio Candela – medici ed operatori hanno lavorato intensamente per offrire un servizio che rimane unico, nel suo modello organizzativo itinerante, in Italia. Il gran caldo non ha ostacolato l’attività e l’altissimo numero di visite ed esami testimoniano che i cittadini conoscono i programmi di screening e aderiscono ormai in massa alla nostra proposta”.

Sono state complessivamente 335 le prestazioni effettuate a Piazza Caduti dei Vigili del fuoco in 16 ore di attività garantite in due giorni a Lampedusa. Tantissimi gli accessi all’ambulatorio mobile dello screening del tumore alla tiroide dove l’endocrinologa ha effettuato sia la visita che l’ecografia garantendo 112 prestazioni, mentre sono state 76 quelle dello screening del melanoma, 21 i sof test distribuiti (per la ricerca del sangue occulto nelle feci nell’ambito dello screening del tumore al colon retto), 31 i pap test e 60 le mammografie. “Nel 2016 – ha sottolineato Candela – furono 66 i tumori diagnosticati nelle piazze, mentre nelle tappe di quest’anno che hanno preceduto quella di Lampedusa, sono, già, stati 8 i tumori diagnosticati in fase asintomatica. Gli utenti sono già stati ‘accompagnati’ ad un percorso di secondo livello pianificato nel rispetto di rigorosi standard internazionali”.

Le tappe di “Asp in Piazza” a Lampedusa sono state organizzate in collaborazione con la locale amministrazione comunale e con le Associazioni OcchiBlu e Serena a Palermo. “Il nostro compito – ha spiegato Carmela Amato di ‘Serena a Palermo’ – è di promuovere le attività di screening nei giorni che precedono le manifestazioni itineranti in maniera tale che la gente partecipi in maniera consapevole ai programmi di screening. Il nostro impegno è soprattutto rivolto a migliorare l’adesione e soprattutto ad orientare ai servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura dei tumori alla mammella”.

Il calendario stilato quest’anno dall’Azienda sanitaria provinciale di Palermo prevede complessivamente 12 tappe di “Asp in Piazza”: oltre a Contessa Entellina, Villafrati, Sciara, Collesano, Alimena, Linosa e Lampedusa, i medici degli screening oncologici saranno a il 5 settembre a Cinisi, il 14 a Casteldaccia, il 21 a Monreale ed il 26 a Roccapalumba, quindi ad ottobre di Vicari.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Salute0 Comments

AGRIGENTO – Lutto in casa Brandara, apprezzamento e gratitudine all’ Hospice del San Giovanni di Dio.

A causa di una grave malattia è morto prematuramente Claudio Brandara, fratello di Maria Grazia Brandara, già sindaca di Naro e deputato regionale, attuale commissaria dell’Irsap, a cui lo staff e gli editori di Studio 98 rinnovano le condoglianze. La stessa Maria Grazia Brandara, a funerali conclusi, ritiene opportuno rivolgere un pubblico elogio di gratitudine e di apprezzamento verso il reparto Hospice dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento. Maria Grazia Brandara afferma: “Grazie a tutti voi di questo reparto, che avete usato tutti i mezzi e metodi conosciuti e disponibili, per alleviare le sofferenze di Claudio. Grazie per averci sostenuto. Le vostre parole hanno rappresentato un’ancora alla quale siamo stati aggrappati con tutte le nostre forze per non cedere. Grazie, perché avete dimostrato che non è necessario compiere i viaggi della speranza nelle strutture del Nord Italia, perché voi siete la speranza, voi siete l’eccellenza, voi siete l’amore per chi necessita di cure. Grazie al primario, dottor Alongi, guida attenta, ai dottori Lattuca, Toscano e Vizzini dalle straordinarie competenze e doti umane, alle amorevoli psicologhe e le assistenti sociali, al personale infermieristico e ausiliario puntuale e diligente, al Cappellano Don Saverio con le sue confortanti preghiere, ai signori Pietro e Torinè presenti e disponibili. Tutti avete un posto nel nostro cuore”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Salute0 Comments

LEGGE 104 – Continua la lotta di Antonella Zammito

Antonella Zammito, l’insegnante di Aragona, continua a lottare per far valere i suoi diritti e quelli del figlio malato, affetto da una rara patologia neurodegenerativa. Dal 2004  è “costretta” a lavorare a Catania, dove deve recarsi quotidianamente, pur avendo la necessità di un trasferimento per accudire Andrea, il figlio 19enne,  e deve tutti i giorni fare andata e ritorno dal capoluogo etneo dove le hanno assegnato una cattedra.

Al momento non è stato possibile assegnare una sede lavorativa più vicina alle esigenze dell’insegnante. Si spera che le norme possano cambiare, o forse sarebbe meglio dire, vengano cambiate, e consentire a questa mamma coraggiosa di poter essere più vicina al figlio.

Nel frattempo continua la petizione online” Non possiamo lasciarli soli”, diretta alle  ministre Valeria Fedeli e Marianna Madia che ha già ottenuto oltre 13mila firme.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Salute0 Comments

GROTTE – “Presentato il progetto “Automedica” realizzato dall’Associazione Padre Vinti Solidale con il contributo di UniCredit

L’acquisto di un’automedica da parte dell’Associazione Padre Vinti Grotte Solidale Onlus, utile per dare risposte ai bisogni infermieristici e medici della popolazione di Grotte,  è stata resa possibile grazie al contributo economico di UniCredit.

Alla presentazione del progetto “Automedica”, svolta oggi Grotte presso  la sede dell’Associazione,  sono intervenuti Gaetano Davide Magrì, Presidente dell’Associazione Padre Vinti Grotte Solidale Onlus, e Paolo Di Noto Marrella,  Responsabile Business Center Agrigento Est di UniCredit.

 “La donazione della banca – ha dichiarato Paolo Di Noto Marrella – è finanziata da una carta di credito, la ‘UniCreditCard Flexia Classic E’, che raccoglie il 2 per mille di ogni spesa effettuata dai clienti, alimentando così un fondo che la Banca destina ad iniziative di solidarietà nel territorio. Dal 2011 ad oggi in Sicilia, attraverso questo normale prodotto bancario, la banca ha assegnato oltre un milionecentomila euro a 109 onlus che operano nell’isola. Per UniCredit essere banca del territorio significa anche fornire un contributo concreto alle necessità delle comunità nelle quali la Banca opera supportando il mondo del volontariato. E in Sicilia questo mondo è fatto di tante realtà di assoluto livello”.

“In un territorio particolare come quello di Grotte – ha affermato Gaetano Davide Magrì – il fatto di poter disporre di una nuova automedica adatta all’emergenza sanitaria costituisce un apporto concreto e determinante per la salute e la qualità di vita dei nostri cittadini. Il nuovo automezzo che abbiamo acquistato grazie al contributo economico di UniCredit, che ringrazio per la sensibilità dimostrata,  prevede un allestimento completo per il soccorso sanitario ed è in grado di garantire la massima sicurezza per i trasportati e per gli equipaggi di soccorso.”

L’Associazione Padre Vinti Grotte Solidale Onlus ha iniziato ad operare nel 2002 promuovendo attività nel settore dell’assistenza sociale e socio-sanitaria. In particolare, le attività svolte dai volontari riguardano prevalentemente il trasporto di infermi e disabili, la distribuzione di aiuti alimentari a famiglie disagiate, la divulgazione di nozioni di primo soccorso per tutti i cittadini, l’assistenza sanitaria alle manifestazioni di carattere sportivo ricreativo e culturale nel territorio e i campi estivi per i più giovani.

automedica-1

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Eventi, In evidenza, Salute0 Comments

AGRIGENTO – Silvio Lo Bosco nelòla società italiana vascolare ed endovascolare

Prestigioso incarico  per il direttore sanitario dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento, Silvio Lo Bosco, nell’equipe della Società italiana di chirurgia vascolare ed endovascolare, che ha istituito uno specifico gruppo di consulenza medico-legale ingaggiando, in ambito nazionale, cinque esperti sulla responsabilità professionale medica. Il professor Lo Bosco assumerà il compito di fornire ai professionisti che ne abbiano necessità una consulenza nell’elaborazione di perizie oltre a pareri utili ad affrontare le situazioni particolari che si creano nell’attività medica, al fine così di stimolare ed incrementare la produzione scientifica e ampliando la partecipazione alla ricerca di molti centri italiani di chirurgia vascolare.

Postato in AGRIGENTO, Eventi, Salute0 Comments

AGRIGENTO – Animali infetti da tubercolosi, nuovi controlli

L’istituto Zooprofilattico di Palermo parla di “un episodio sporadico” e di “ un alto livello di controlli in provincia di Agrigento” dopo il focolaio di tubercolosi riscontrato in un allevamento nelle campagne di Agrigento. Il Sindaco, Lillo Firetto, ha già ordinato che gli 2animali risultati infetti vengano isolati in separato ricovero fino al loro abbattimento che deve avvenire non oltre 15 giorni dalla notifica dell’Asp”. Per Santo Caracappa, direttore dell’istituto Zooprofilattico, “un problema tubercolosi c’è stato nella Sicilia nord-orientale, nella zona dei Nebrodi, per la presenza di animali allo stato brado”, mentre l’agrigentino è indicato come una zona nella quale “anche la brucellosi è stata quasi del tutto debellata. Nelle zone nelle quali ci potrebbe essere un maggior pericolo di brucellosi – aggiunge – cioè l’area della Valle del Belice, gli animali sono ufficialmente indenni perché producono un’eccellenza della nostra regione, la Vastedda della Valle del Belice. Sono gli stesso allevatori ad avere l’interesse – aggiunge Caracappa – a temere gli animali e dunque la situazione assolutamente sotto controllo”.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Salute0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98