Tag Archive | "Droga"

ARAGONA – Extracomunitario trovato con sostanza stupefacente: scatta la denuncia


Trovato in possesso di sostanze stupefacenti dai Carabinieri della compagnia di Canicattì. E’ accaduto ad un extracomunitario che è così finito nei guai dopo essere stato trovato ad Aragona in possesso di alcune dosi di marijuana e denunciato alla Procura della Repubblica di Agrigento con l’ipotesi di reato di detenzione di sostane stupefacenti ai fini dello spaccio.

La sostanza stupefacente è stata sottoposta a sequestro.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

GELA – Droga e furti a Sant’Ippolito: in manette 7 giovani [VD TG]


A Gela gli agenti del commissariato di Polizia hanno eseguito sette provvedimenti cautelari nei confronti di altrettanti componenti di un gruppo di giovani accusati di spaccio di stupefacenti e di numerosi furti contro aziende agricole e settori operativi comunali.
Al centro dell’inchiesta, diretta dal vice questore Francesco Marino, c’è il quartiere Sant’Ippolito di Gela, ritenuto dagli inquirenti piazza di spaccio preferita dagli indagati arrestati oggi e covo degli autori di numerosi furti avvenuti in campagna e contro automezzi, magazzini e uffici del comune. Non avevano pietà neanche per i morti. Due delle sette persone coinvolte nel blitz Sant’Ippolito rubavano anche nel cimitero Farello. I portavasi in rame sparivano per ricavare qualche decina di euro. Sono questi alcuni risvolti dell’operazione di polizia che ha portato tra gli altri in carcere Luca Tasca e l’agrigentino Fabio Crisci. Nel corso della conferenza stampa il Primo dirigente del commissariato, Francesco Marino, ha spiegato che Calogero Minardi, 35 anni, e lo zio Orazio Valenti di 59 anni, si occupavano di rubare oggetti in rame al cimitero Farello che poi veniva rivenduto fuori città. Altra specialità anche il furto di limoni e arance.

La polizia ha ricostruito fino a cento episodi di spaccio di hashish, marjuana e cocaina. Il pm  Antonio D’Antona ha spiegato che “Sant’Ippolito è uno dei quartieri della città con tante famiglie in difficoltà economica. Per aumentare livello di vita, spesso si sceglie la strada dei reati”.

Gli acquirenti della droga erano minorenni e gli indagati utilizzavano linguaggio criptico per non farsi scoprire. Si è lavorato con difficoltà perché dopo il blitz Praesidium i sospettati erano molto cauti nei movimenti e nel linguaggio utilizzato. Per le cessioni di droga parlavano di andare a prendere un caffè.

Tra i sette anche legami di parentela e sentimentali. Coinvolta anche la fidanzata di un imputato. Sono finiti in carcere LucaTasca Cristofer, 24 anni, e Fabio Crisci, 25 anni. Agli arresti domiciliari sono finiti Baldassare Nicosia, 34 anni, e Gaetano Marino, 33 anni, detto “Tanu u nivuru”. Sono stati sottoposti all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria: Francesco Salafia, 27 anni, detto “Ciccio u Squalo”, Calogero Minardi, 35 anni, detto Caloriu u baullaru”, e Orazio Valenti, 59 anni.

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca, In evidenza, VideoCommenti (0)

GELA – “Donne d’onore”, richiesta di pizzo e traffico di droga nelle mani delle mogli


«Donne d’onore», a Gela, che “gestivano aziende” familiari con polso fermo e deciso nel traffico della droga e nelle estorsioni, al posto dei mariti detenuti in carcere. I carabinieri hanno sgominato la banda eseguendo sette provvedimenti cautelari, emessi dal gip del tribunale di Caltanissetta. Quattro gli ordini di custodia cautelare. Riguardano Nicola Liardo, di 43 anni, il figlio, Giuseppe, di 20 anni, e il genero, Salvatore Raniolo, di 27 anni, tutti di Gela, nonché Salvatore Crisafulli, di 39 anni, di Catania. Arresti domiciliari invece per due delle tre donne coinvolte nell’inchiesta, Monia Greco, di 40 anni, di Gela, moglie di Nicola Liardo, e Maria Teresa Chiaramonte, di 44 anni, di Catania, moglie di Crisafulli. La terza donna, Dorotea Liardo, di 22 anni, figlia di Nicola e moglie di Raniolo, è stata sottoposta all’obbligo di firma. Ai sette, a vario titolo, vengono contestati i reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di stupefacenti aggravato dal metodo mafioso, estorsione aggravata dal metodo mafioso e danneggiamento a colpi di arma da fuoco.

Proprio dalle intimidazioni parte, nell’ottobre del 2015, l’indagine dei carabinieri coordinate dal pm, Lia Sava. Intercettazioni telefoniche e ambientali su una quarantina di sospettati, portano alla famiglia di Nicola Liardo, detenuto al “Pagliarelli” di Palermo dove stipulava affari nel traffico di eroina col compagno di cella, Salvatore Crisafulli che da Catania gli forniva la droga all’ingrosso.

Gli ordini dei due partivano dal carcere tramite le rispettive mogli, che poi gestivano il mercato assai fiorente, se è vero che uno dei figli di Liardo, Giuseppe, il corriere di casa, fu emarginato perché cedeva cocaina gratis agli amici fino ad accumulare ammanchi pari a 10 mila euro. Il suo posto fu preso dal cognato, Salvatore Raniolo. Proprio per Giuseppe, che si trovava in stato di detenzione, fu messa in piedi la prima delle due estorsioni contestate. La banda impose al titolare di un autolavaggio di assumerlo e pagargli i contributi per potergli concedere la semilibertà. L’altra riguardò un imprenditore ortofrutticolo. «E’ il vincolo di sangue – ha detto il pm Lia Sava – a permettere alle donne (mogli, sorelle, figlie, madri) di acquisire ulteriore autorevolezza nella famiglia criminale quando il congiunto-capo è detenuto in carcere». 

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

SAN BIAGIO PLATANI – Arrestato 23enne sorpreso con oltre 2 chili e mezzo di droga


Nelle ultime ore, i carabinieri della compagnia di Cammarata, dopo breve attività investigativa svolta con i colleghi della stazione Carabinieri di San Biagio Platani, attuata anche con pedinamenti e vari servizi di osservazione, hanno arrestato in flagranza di reato per “detenzione e coltivazione di sostanza stupefacente”, un insospettabile 23 enne, P.A., incensurato.

I Carabinieri, nella circostanza, avuta la certezza che il giovane si era recato nell’appezzamento di terra monitorato, ubicato a San Biagio Platani, hanno effettuato un irruzione nell’area, sorprendendo l’interessato con la canapa indiana, del peso complessivo di oltre due chili e mezzo, posta sotto sequestro. Dopo i rilievi segnaletici in caserma, l’individuo è stato ristretto agli arresti domiciliari, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

AGRIGENTO – Arrestati due commercianti per droga


Ad Agrigento i Carabinieri della locale Compagnia, in collaborazione con i colleghi della stazione di Montaperto, a conclusione di mirate attività investigative, hanno arrestato, nella flagranza del reato di detenzione di droga a fini di spaccio, i fratelli agrigentini Francesco Gallo, 30 anni, e Salvatore Gallo, 28 anni, entrambi commercianti, sorpresi in possesso, nei locali della loro impresa commerciale a San Leone, in possesso di circa 1 chilo e 450 grammi di marijuana, diviso in vari involucri. Il tutto è stato sequestrato.

image013

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

SCIACCA – Evasione per la droga; condannato


Mentre era ai domiciliari, presso la propria abitazione, a Sciacca, si sarebbe allontanato, raggiungendo, addirittura Palermo, insieme ad altre due persone per acquistare droga, che poi si sarebbero somministrati in una piazzola lungo la strada di ritorno verso Sciacca.  E’ questa l’accusa per la quale Calogero Carlino, di 43 anni, di Sciacca, è stato condannato a un anno di reclusione e al pagamento delle spese processuali dal giudice monocratico di Sciacca Fabio Passalacqua. La vicenda si riferisce al 12 aprile del 2013. Per il giudice erano sufficienti gli elementi per una sentenza di condanna nei confronti di Carlino.

 

 

 

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

LICATA – “Da Agrigento a Palermo per comprare l’eroina”, due arrestati


Da Agrigento a Palermo per comprare l’eroina. I carabinieri di Cefalù hanno arrestato oggi Salvatore Bongiorno e Salvatore Famà, due licatesi di 37 e 28 anni accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Sono stati fermati all’altezza del bivio per Scillato e trovati in possesso di 10 grammi di polvere bianca. I militari si trovavano sulla Palermo-Catania quando hanno notato, nella carreggiata in direzione del capoluogo etneo, una Renault Clio di colore argento sulla quale viaggiavano due uomini, “volti noti alle forze dell’ordine”. Dopo un controllo sulla banca dati delle forze dell’ordine è scattata la perquisizione.

 All’interno dell’abitacolo, sotto la moquette del sedile anteriore lato passeggero, c’erano i due involucri di sostanza stupefacente. I due sottoposti al giudizio con il rito direttissimo, e dopo la convalida dell’arresto, sono stati sottoposti all’obbligo di firma.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

LICATA – Arrestato in flagranza di reato per spaccio di droga 20 enne


E’ stato arrestato in flagranza di reato: L. D. S., 20 enne, licatese,  poiché resosi responsabile di Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare i Militari dell’Arma procedevano al controllo del 19 enne studente su strada e dopo averlo perquisito, lo trovavano in possesso di un involucro di plastica con 35 grammi di “Marijuana”, suddivisa in varie dosi, nonché un trita erba.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

GELA – Tre pistole e un giubbotto antiproiettile in casa, arrestato 42enne


Un disoccupato di 42 anni Angelo Mirko Baio è stato arrestato dai carabinieri a Gela perche che nella sua abitazione, in via Passaniti, deteneva tre pistole, una delle quali modificata e le altre con matricola abrasa. Insieme alle tre armi, sono stati sequestrati 266 munizioni di vario calibro. Inoltre è stato trovato un silenziatore, un giubbotto antiproiettile e un grosso pugnale.

Postato in CALTANISSETTA, CronacaCommenti (0)

LICATA – Scoperta piantagione di cannabis, sequestrati 244 chili di “roba”: arrestati zio e nipote [FOTO]


Sono 244 i chili di cannabis – piante in piena fioritura, alte anche 1,90 metri – sequestrati dalla polizia di Stato, durante una maxi operazione messa a segno a Licata. Due le persone che sono state arrestate: Francesco Cottitto, di 40 anni, ed Emanuele Burgio, di 24, rispettivamente zio e nipote, braccianti agricoli di Palma di Montechiaro. Entrambi – posti agli arresti domiciliari -, adesso, dovranno rispondere dell’ipotesi di reato di coltivazione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacente.

La piantagione è stata scoperta a Torre di Gaffe, al confine fra Palma di Montechiaro e Licata. L’operazione – che ha portato alla scoperta di una grossa piantagione di cannabis, sistemata in alcune serre, – è stata realizzata dai poliziotti del commissariato di Licata e da quelli della quinta sezione antidroga dalla Squadra Mobile della Questura di Agrigento.

“L’attività rientra nell’ambito dei servizi di prevenzione e repressione – ha spiegato, durante la conferenza stampa al commissariato di Licata, il numero due della Squadra Mobile: il commissario Vincenzo Di Piazza – del traffico di sostanze stupefacenti. In seguito a diversi appostamenti, fatti dal personale Antidroga della Squadra Mobile e dal personale del commissariato di Licata, si è avuto modo di scovare questo obiettivo a Torre di Gaffe”. 

“Come spesso è accaduto, anche in tempi recenti, anche in relazione ad eventi importanti come l’omicidio Marzullo, – ha spiegato il dirigente del commissariato di Licata, il commissario Marco Alletto – la collaborazione fra personale del locale commissariato e Squadra Mobile è sempre particolamente proficua e ci consente, spesso, di raggiungere importanti risultati dal punto di vista investigativo. Questa è stata una indagine particolarmente faticosa per gli operatori che hanno dovuto effettuare i servizi di appostamento ed osservazione, ma alla fine il risultato è stato importante perchè non si sequestrano tutti i giorni 244 chili di marijuana. Con rammarico – ha aggiunto il commissario Alletto – dobbiamo constatare che il fenomeno della coltivazione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, rimane un fenomeno particolarmente diffuso in queste aree”.  

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98