Tag Archive | "Favara"

FAVARA – L’arsenale scoperto, ritrovate anche alcune “penne esplodenti”. L’arrestato si avvale della facoltà di non rispondere.


C’erano anche delle particolarissime “penne esplodenti” nel maxi arsenale scoperto a Favara e che, ha portato all’arresto per flagranza di reato di un insospettabile infermiere , Amedeo Caruana di 50 anni.  Le penne esplodenti sarebbero  piccoli aggegi, grossi quanto una penna, dove si mette una cartuccia di piccolo calibro, calibro cinque e mezzo, e sparano a distanza ravvicinata”. Dalle armi lunghe a quelle più piccole, dunque. Un vero e proprio “assortimento”. Intanto, ieri mattina si svolto l’interrogatorio di convalida e il favarese si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il difensore dell’infermiere ha chiesto al gup l’attenuazione della misura cautelare con la disposizione degli arresti domiciliari.

Arresto convalidato e custodia cautelare in carcere: queste le decisioni del gip Stefano Zammuto, al termine dell’interrogatorio nel quale l’indagato si è avvalso della facoltà di non rispondere. “

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

FAVARA – Scoperto laboratorio di armi in casa di un insospettabile infermiere, arrestato [VD TG]


Nelle ultime ore, sul territorio di Favara, i Carabinieri della locale Tenenza e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Agrigento, hanno eseguito un’operazione di polizia giudiziaria, frutto delle risultanze di una intensa attività info-investigativa sviluppata da alcuni mesi sullo specifico territorio. L’operazione, è scaturita da reiterati servizi di osservazione e controlli a persone di interesse operativo gravitanti nella cittadina di Favara, attività alla quale si è dato massimo impulso anche in seguito ai recenti fatti di sangue che hanno caratterizzato il territorio del comune favarese.

L’azione info-investigativa, in particolare, è stata coordinata dal Comando Provinciale di Agrigento ed orientata specificatamente a possibili traffici di armi e munizioni nel comprensorio di Favara.

A tale riguardo, acquisiti significativi indizi nei confronti di un insospettabile cittadino favarese, circa 20 Carabinieri hanno circondato l’abitazione dell’individuo, procedendo successivamente ad effettuare una perquisizione all’interno del suo domicilio. Le operazioni di perquisizione, durate oltre dodici ore, sono state effettuate anche presso un’altra abitazione di campagna nella disponibilità del soggetto. In entrambe i luoghi, i militari dell’Arma hanno rinvenuto un ingente quantitativo di armi, munizioni, dispositivi di armamento e materiale esplodente, in ottime condizioni ed in perfetto stato di conservazione. Inoltre, in una delle due abitazioni, i Carabinieri hanno scoperto un vero e proprio laboratorio finalizzato alla fabbricazione di cartucce ed all’alterazione di armi. Nel dettaglio, si è proceduto al sequestro di:

  • 4 pistole di diverso calibro ;
  • 3 Mitragliette di calibri diversi;
  • 1 moschetto calibro 9;
  • 2 carabine;
  • 1 bomba a mano mod. 35
  • 1 granata da 40 mm;
  • Circa 8000 cartucce di diversi calibri e marche;
  • Decine di silenziatori e caricatori per pistole e mitragliette;
  • Vari strumenti per l’alterazione delle armi;
  • Vari strumenti per la fabbricazione di munizioni;
  • 1 maschera antigas;
  • 1 giubbotto antiproiettile.
  • Numerosi accessori per armi.

Il soggetto arrestato nella flagranza di reato, CARUANA Amedeo, favarese, 50 enne, infermiere, dopo le formalità di rito presso la caserma dei Carabinieri di Favara, è stato tradotto alla Casa Circondariale di Agrigento, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Le armi sequestrate, saranno inviate nei laboratori del RIS Carabinieri, al fine di accertare se siano state utilizzate per commettere delitti.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, VideoCommenti (0)

FAVARA – Trovato un arenale di armi in c.da Priolo


I  Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Agrigento hanno trovato in contrada Priolo a Favara nell’abitazione di un 55 enne , C.A., queste le iniziali del nome, un arsenale.

Secondo le prime ricostruzioni sono stati trovati fucili mitragliatori, pistole e un paio di bombe. I militari avrebbero anche trovato all’incirca 20 mila proiettili. Tutte le armi e le munizioni sono state sequestrate per essere consegnate al Ris di Messina per i dovuti esami balistici.

Al momento dalle Forze dell’ordine c’è il massimo e più stretto riserbo in merito alla vicenda. Pare che l’operazione di questo pomeriggio non sia riconducibile ai recenti arresti effettuati in via Che Guevara o alla sparatoria di via Torino.

Una brillante operazione quella eseguita dai Carabinieri , forse, la prima in assoluto in città per numero di sequestri di armi e munizioni.

 
Sembra verosimile che i dettagli dell’operazione vengano resi noti domattina.

 

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

FAVARA – L’istituto Ambrosini a lezione dallo Chef La Torre


A Favara, all’Istituto alberghiero Ambrosini, diretto da Milena Siracusa, si è concluso uno stage formativo nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro, che gli studenti delle quarte classi hanno svolto nella prestigiosa azienda di banquetin di Pietro La Torre a Canicattì, un leader indiscusso nella ristorazione. Gli studenti dell’Ambrosini hanno potuto, per ben 40 ore, acquisire competenze necessarie per inserirsi nel mercato del lavoro, lavorando “sul campo” superando quel gap “formativo” tra mondo del lavoro e mondo accademico in termini di competenze e preparazione. Gli studenti, in occasione del giorno conclusivo dello stage, guidati dalle sapienti mani dello Chef La Torre, hanno realizzato un primo piatto composto da risotto alla pescatora, ed un secondo piatto composto da baccalà scottato su vellutata di zucchine, patate e ciliegino, il tutto guarnito con cipolla caramellata e valeriana. Delle squisitezze per gli occhi ed il palato, che gli allievi hanno offerto ai propri genitori intervenuti, e allo staff dell’alberghiero, composto dalla Dirigente Milena Siracusa, Il vicepreside Giovanni Fontana ed i professori Angelo Trupia e Carmelo Rimini. Al termine della manifestazione agli studenti è stato consegnato un meritatissimo attestato.

 

Postato in AGRIGENTO, Cultura, Eventi, In evidenza, ScuolaCommenti (0)

FAVARA – “Giustizia privata”, chiesti quattro rinvii a giudizio


La Procura della Repubblica di Agrigento, tramite il sostituto procuratore Matteo Delpini, ha chiesto al Tribunale il rinvio a giudizio dei quattro imputati nell’ambito dell’inchiesta cosiddetta “Giustizia privata”, ruotante intorno alla morte di Bennardo Chiapparo, 68 anni, di Favara, deceduto il 10 febbraio del 2016 all’ ospedale di Agrigento, dove il primo febbraio precedente è stato ricoverato. Risponderanno all’appello del giudice per le udienze preliminari, Alfonso Malato, il prossimo 25 settembre, i favaresi Si tratta di Antonio Pirrera, 40 anni, Michele Sorce, 34 anni, Carmelo Pullara, 27 anni, e Giovanni Ruggeri, 42 anni, difesi dagli avvocati Salvatore Pennica e Alfonso Neri. Le persone offese, figli della vittima, i fratelli Angelo e Carlo Chiapparo, sono difesi dall’avvocato Giuseppina Ganci.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

FAVARA – Ritrovato bruciato il mezzo usato per l’agguato a Carmelo Nicotra


E’ stata ritrovata carbonizzata la Renault Kangoo utilizzata dal commando composto a quanto pare da almeno quattro persone che la sera del 23 maggio scorso, nella parte alta di via Torino, ha tentato di uccidere, utilizzando anche armi da guerra il favarese Carmelo Nicotra, attualmente riocoverato in ospedale proprio per le ferite riportate nell’agguato.
Il furgoncino è stato ritrovato in contrada Bisaccia, nel tardo pomeriggio di ieri, da un agricoltore che ha subito avvisato i carabinieri della tenenza favarese.
Lo stato dell’auto, ridotta ad un ammasso di ferraglia bruciata non consente di avere molte speranze nel trovare tracce utili per le indagini. I carabinieri, tuttavia non demordono e accuratamente stanno eseguendo tutti i rilievi del caso.

FOTO SICILIATV

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

FAVARA – Le armi dei Bellavia al RIS di Messina


Le due pistole che i Carabinieri hanno sequestro ad Antonio e a Calogero Bellavia, 44 e 27 anni, entrambi di Favara, e arrestati, sono state inviate al Ris di Messina per gli esami balistici opportuni. Si tratta di una pistola Smith & Wesson calibro 38 special con matricola abrasa e con 5 colpi in canna, e di una pistola Taurus modello Tracker calibro 357 magnum con 7 colpi in canna, risultata rubata a Favara nel 2010. Calogero Bellavia è figlio di Carmelo Bellavia, 51 anni, ucciso a Favara il 26 gennaio del 2015. Padre e figlio sono stati entrambi inquisiti per favoreggiamento al boss di Porto Empedocle, Gerlandino Messina, durante la sua latitanza a Favara.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

FAVARA – Arrestato nigeriano in escandescenze


I Carabinieri della Tenenza di Favara hanno arrestato un uomo di 27 anni, R P sono le iniziali del nome, originario della Nigeria, che risponderà ai giudici di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e violenza privata. Il nigeriano, ospite della “Comunità di promozione sociale Centro Spess”, si è scatenato in escandescenze e ha danneggiato gli arredi interni, e poi ha sequestrato alcuni operatori all’interno di un ufficio, liberandoli dopo l’intervento mediatore dei Carabinieri. L’africano è stato ristretto ai domiciliari in un’altra sede della stessa Comunità.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

FAVARA – “Scoperti con pistole detenute illegalmente”, 2 arresti


Sono stati scoperti durante un controllo con due pistole detenute illegalmente e sono finiti in manette, arrestati dai carabinieri. Nel mirino dei militari due favaresi di 44 e 27 anni, accusati di detenzione e porto illegale di arma clandestina e munizioni e di ricettazione.

I carabinieri della tenenza di Favara e del Nucleo operativo e radiomobile di Agrigento, durante un controllo della circolazine stradale, hanno fermato i due favaresi trovati in possesso di una pistola “Smith & Wesson” calibro 38 special con matricola abrasa e con 5 colpi in canna e di un’altra pistola “Taurus” modello “tracker” calibro 357 magnum” con all’interno sette cartucce.

Quest’ultimo revolver – fanno sapere i carabinieri – risulta, inoltre, essere rubato. Le armi sono state sequestrate e gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati condotti nel carcere di Agrigento, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

MANIFESTAZIONE – “Favara, ripudia le mafie”, fiaccolata della legalità


Al grido di «Favara ripudia le mafie» ieri sera si è svolta una fiaccolata che ha attraversato il centro storico per fare tappa finale in piazza Cavour, dove si staglia il Palazzo di Città. Un’iniziativa insolita, organizzata dall’amministrazione comunale, per opporre civile resistenza a quell’escalation di criminalità che comincia seriamente a preoccupare le istituzioni.

Negli ultimi 8 mesi, sull’asse Favara-Liegi, si sono contati tre omicidi e diversi agguati, simili a regolamenti di conti e, comunque, dai modi tipici della criminalità organizzata. In prima fila il sindaco Anna Alba, con tanto di fascia, a testimoniare che la città non è per nulla disposta a subire, anzi è pronta a contrastare la violenza, la prevaricazione, il sopruso.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Eventi, In evidenzaCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98