Tag Archive | "Lampedusa"

LAMPEDUSA – Nuova condanna per l’ex Sindaco De Rubeis


Una nuova condanna per l’ex Sindaco di Lampedusa, Bernardino De Rubeis a 6 mesi di carcere. Stessa pena in Cassazione per il geometra del Comune, Giovanni Giammona.  Confermata la sentenza dei primi due gradi di giudizio. L’accusa, per tutti, era di violazione di sigilli per i presunti abusi legati alla realizzazione di un parcheggio.

 

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

AGRIGENTO – L’Ispettrice Maria Volpe accompagna bimba ivoriana dalla madre [Vd Tg]


Camara Zeinabou, 31 anni, la mamma della piccola Oumoh, la bimba ivoriana di 4 anni arrivata sola a Lampedusa (Ag), i ha potuto finalmente riabbracciare la figlia che non vedeva da cinque mesi. L’incontro è avvenuto  nell’aeroporto di Palermo. Ad accoglierla sottobordo anche l’ispettrice della Questura di Agrigento Maria Volpe, che si è occupata della bimba fin dal giorno del suo arrivo nell’isola della Pelagie e ha assistito la donna aiutandola ad ottenere il passaporto per l’Italia. Zeinabou, rimasta bloccata in Tunisia per ragioni burocratiche, ai cronisti ha raccontato la sua odissea, cominciata nella sua terra, la Costa d’Avorio, da dove la donna e un’ amica erano fuggite insieme alla piccola per sottrarre la bimba alla pratica dell’infibulazione, fino al loro arrivo a Tunisi.

piccola2

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Eventi, In evidenza, PALERMO, VideoCommenti (0)

LAMPEDUSA – Matteo Salvini in visita nell’isola tra selfie e cannoli


Il leader della Lega, Matteo Salvini, sceglie di essere a Lampedusa nel giorno in cui a Roma si celebrano i 60 anni dei Trattati europei. Ad accoglierlo all’aeroporto un’ampia delegazione del movimento Noi con Salvini proveniente da ogni parte della Sicilia. Per l’eurodeputato una giornata alla scoperta dell’Isola simbolo dell’accoglienza ai migranti, prima in compagnia del sindaco di Lampedusa, Giusy Nicolini, poi con le degustazione dei dolci tipici siciliani.

“Mentre Merkel, Renzi, Gentiloni, Alfano sfilano e brindano a Roma per una festa dell’Europa che è diventata un incubo, io sono qui per chiedere che l’Italia difenda i propri confini” dice Salvini.

“Il fallimento della Ue sta tutto nei numeri – scrive – 500mila sbarcati ma solo il 5% di questi sono sul serio profughi”. E ricorda i morti che hanno reso il mare una “fossa comune”.

Su Facebook, il leader del Carroccio posta le foto: “Accoglienza spettacolare a Lampedusa! Mentre la Merkel e Renzi festeggiano (cosa?) a Roma, io propongo un’altra idea di Europa: più lavoro e meno finanza, più sicurezza e meno clandestini. Prima gli italiani”.

In aperta polemica con Bruxelles, Salvini denuncia la “vergogna” europea: “500.000 sbarchi e 12.000 morti in tre anni: questa non è accoglienza, è una vergogna”.

“C’è l’accoglienza dei volontari – ha detto Salvini – e quella del portafoglio. Sono a Lampedusa, per la prima volta, per protestare contro le politiche migratorie degli affari. Il fallimento del’Ue sta tutto nei numeri: 500 mila sbarcati ma solo il cinque per cento di questi sono sul serio profughi che fuggono da guerre. Poi dodicimila morti che in questi anni hanno reso questo mare una fossa comune. E c’è chi specula su questa tragedia. Chiediamo ufficialmente alla Guardia di Finanza perquisizioni a tappeto nelle sedi delle Ong che fungono da scafisti istituzionali nel traffico di esseri umani”.

salvini2

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Eventi, In evidenza, PoliticaCommenti (0)

LAMPEDUSA – Spiaggia dei Conigli la più bella d’Italia


Se è vero come diceva lo scrittore francese Jean-Claude Izzo che “di fronte al mare la felicità è un’idea semplice” la Spiaggia dei Conigli a Lampedusa, Cala Mariolu e Cala Goloritze in Ogliastra sono le vere “regine” d’Italia. Sono infatti in testa alla classifica italiana dei Travelers’ Choice Beaches Awards 2017 di TripAdvisor. Ben 343 le spiagge premiate con la vittoria della Spagna con La Concha a San Sebastian a livello europeo e del Brasile con Baia do Sancho a livello mondiale. A livello italiano appunto torna in prima posizione la Spiaggia dei Conigli, che scala ben tre gradini della classifica rispetto allo scorso anno, ma è la Sardegna la regione più premiata con ben 5 spiagge premiate su 10: oltre a Cala Mariolu e Cala Goloritze sul podio ci sono infatti La Pelosa a Stintino (5/a), Porto Giunco a Villasimius (6/a) e Is Aruttas a Cabras (10/a).

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Dall'Italia, In evidenzaCommenti (0)

LAMPEDUSA – “Lottizzazioni illegali” invocate 15 condanne


Ad Agrigento, al palazzo di giustizia, la pubblico ministero, Silvia Baldi, a conclusione della requisitoria, ha invocato la condanna di 15 tra 25 imputati nell’ambito di una maxi inchiesta su lottizzazioni urbanistiche presunte illegali a Lampedusa, tra case, alberghi e strutture ricettive. Gli imputati comprendono funzionari della Soprintendenza, dell’Ufficio tecnico del Comune di Lampedusa e proprietari delle aree lottizzate. Ecco le richieste di condanna: Alfonso Averna (2 anni e 6 mesi), Giovanni Sorrentino (2 anni e 6 mesi), Giuseppe Gabriele (2 anni e 6 mesi), Helmut Tschuscher (2 anni), Giovanni Maggiore (2 anni), Gianluca Giacobazzi (10 mesi), Gian Marco Giacobazzi (1 anno), Giovanni Giammona (2 anni), Giovanni Romiti (2 anni), Salvatore Caffo (2 anni), Anna Maria Gatti (2 anni), Fabrizio Merlo (10 mesi), Alberto Barlattani (10 mesi) Carmen Vego (10 mesi) e Sandro Sorrentino (10 mesi).

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

LAMPEDUSA – Morte Franco Solina, il Sindaco dispone il lutto cittadino


Ad “accogliere” il corpo, il primo cittadino dell’isola, Giusy Nicolini. Il sindaco, ha pubblicato una lunga lettera. 

“Cari pescatori, carissimi concittadine e concittadini, il nostro Franco Solina è tornato a Lampedusa oggi, alle 14 circa. È’ stato strappato al mare e al Giacomo Maria, dove era rimasto al momento del naufragio, dai sommozzatori della Guardia Costiera che da tanti giorni erano in attesa del miglioramento delle condizioni meteo marine, sinora disgraziatamente avverse. Le operazioni si sono svolte in meno di un’ora, con impeccabile professionalità e sono state coordinate dal Comandante dei sommozzatori e personalmente seguite, anche a bordo della motovedetta, dal Comandante di Porto Tenente (CP) Paolo Monaco. Il corpo di Franco e’ sbarcato al Molo Favaloro, accolto dai parenti più stretti, dall’Amministrazione comunale, e un po’ più in là, da tanti amici e concittadini. Mentre scrivo si stanno compiendo, presso la camera mortuaria del cimitero, le tristi operazioni necessarie prima della chiusura della bara. Successivamente, Franco sarà trasferito presso i locali dell’Area Marina Protetta, dove stiamo allestendo la Camera ardente, che rimarrà aperta per la veglia notturna a partire dalle 17 e 30 di oggi. I funerali si svolgeranno alle 9 di domani, venerdì 20 gennaio 2017, così come la famiglia ha chiesto al parroco don Carmelo. Si chiude quindi il lungo strazio (iniziato lo scorso 3 gennaio) delle ricerche e dell’attesa, della lotta contro il tempo, contro il mare sempre cattivo. Il tempo del dolore sarà invece molto più lungo e per la famiglia non finirà mai. Ho disposto per la giornata di domani il lutto cittadino, perché è il minimo che possiamo fare adesso per Franco e la sua famiglia. 
Invito tutta la cittadinanza a stringersi attorno alla famiglia, a partecipare alla veglia e ai funerali. Ringrazio con tutto il cuore i sommozzatori che hanno preso Franco, il xomandante Monaco, e tutti gli uomini della Guardia costiera che hanno dato l’anima nelle ricerche, li ringrazio per il coraggio, la passione e anche per la pazienza che hanno avuto nel sopportare in silenzio anche le critiche che hanno dovuto subire. Restituire il corpo alla famiglia era un gesto necessario per cominciare il tempo della consolazione. Ringrazio tutti i volontari che ci stanno aiutando nelle incombenze tristissime.
Voglio rivolgere un pensiero particolare e un saluto anche a Calogero Minio, il proprietario del Giacomo Maria, e a tutta la sua esemplare famiglia. 
Alla moglie Maria, al figlio Mimmo, alla sorella e al fratello di Franco, a tutti i cognati, a tutta la sua famiglia, l’abbraccio mio, di tutta l’Amministrazione Comunale, di tutta la comunità e del presidente della Regione Rosario Crocetta che ha telefonato mentre mi trovavo ancora sul molo”.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

LAMPEDUSA – Recuperato il cadavere di Francesco Solina


Sedici giorni dopo la tragedia che si è verificata a circa 5 miglia dalla costa di Lampedusa – con il naufragio del peschereccio “Giacomo Maria” – è stato recuperato, nella tarda mattinata, il cadavere di Francesco Solina, 51 anni, di Lampedusa.

A farlo sono stati i sommozzatori della Guardia costiera di Messina e Cagliari. A metà mattinata, l’immersione. Immersione che, nei giorni scorsi, nonostante i molteplici tentativi, non era stata possibile a causa del maltempo. Erano le 13,30 quando la salma è stata recuperata. Meno di un’ora dopo, il cadavere del pescatore è stato sbarcato al molo di Lampedusa.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

LAMPEDUSA – Soccorso un barcone di migranti, a bordo tre morti


In un’operazione di soccorso nel Canale di Sicilia, tre migranti sono stati trovati morti su un  barcone e altri tre – tra questi una donna incinta – in gravi condizioni per ipotermia, tanto da richiedere il trasferimento  in elisoccorso da Lampedusa – dove sono stati condotti gli extracomunitari – a Palermo. Uno dei ricoverati è stato trovato con due cadaveri addosso.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

LAMPEDUSA – Robot individua disperso Francesco Solina


Il “rov”, il robot della Guardia costiera di Messina, ha individuato il corpo del marinaio Francesco Solina, 51 anni, di Lampedusa (Ag), che risulta disperso dallo scorso 3 gennaio quando è naufragato il peschereccio Giacomo Maria su cui si trovava.

Il cadavere dell’uomo è incastrato nel peschereccio, che si trova ad una profondità di circa 63 metri, all’altezza del verricello. Le ricerche della Guardia costiera erano state sospese, negli scorsi giorni, a causa del mare molto mosso. Stamani è stata effettuata l’immersione del “rov”.

A quanto pare la Guardia costiera avrebbe già provato – ma senza riuscirvi – a disincagliare la salma con il braccio del robot. Sia la famiglia sia il sindaco delle Pelagie, Giusi Nicolini, sono stati già informati.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

LAMPEDUSA – Aperta inchiesta dopo affondamento peschereccio


La Procura di Agrigento ha aperto un fascicolo di inchiesta sul peschereccio inabissatosi a 4 miglia e mezzo dalla costa di Lampedusa.Titolare del fascicolo è il pm Salvatore Vella. Con il passare delle ore, a causa del mare grosso e del freddo, le flebili speranze di trovare in vita il cinquantunenne Francesco Solina, sembrano ridursi.
Con i sommozzatori è arrivato nell’isola il robot che da oggi dovrebbe registrare con le sue telecamere il peschereccio inabissatosi a circa 70 metri di profondità, a dodici miglia da Lampedusa.
Si sono salvati il capitano Daniele Minio e gli altri componenti dell’equipaggio: Mimmo Solina e Nicola Mannino. Il peschereccio è colato a picco dopo la rottura di una pompa per il tiraggio dell’acqua. Il salvataggio dei tre è stato compiuto da un motoscafo guidato da Toni Costa, avvertito telefonicamente da Mannino. L’imbarcazione è affondata molto velocemente e i tre marinai sono stati trasferiti a bordo di una motovedetta della capitaneria di porto e portati nel poliambulatorio per ricevere le prime cure: erano in uno stato iniziale di ipotermia. Le condizioni del mare quando si è verificato l’affondamento non erano buone e i pescherecci della marineria lampedusana stavano iniziando a rientrare in porto.

 

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

aprile: 2017
L M M G V S D
« Mar    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98