Tag Archive | "Licata"

LICATA – Arrestato l’uomo che ha accoltellato padre e figlio


Gli agenti del commissariato di Licata hanno sottoposto al fermo di indiziato di delitto il licatese Vincenzo Bugiada, bracciante agricolo, in quanto gravemente indiziato del reato di tentato omicidio ai danni di padre e figlio licatesi poi costretti a ricorrere alle cure dei medici in servizio al Pronto soccorso dell’ospedale San Giacomo d’Altopasso per ferite di arma da taglio. Alla base dell’aggressione, ci sarebbero motivazioni di natura passionale. Bugiada è stato associato presso la casa circondariale di Contrada Petrusa ad Agrigento.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

LICATA – Accoltella il compagno dell’ex moglie, 40enne arrestato


Padre e figlio sono finiti in ospedale al San Giacomo d’Altopasso, e dopo le prime medicazioni e accertamenti in pronto soccorso sono stati ricoverati in Chirurgia generale. Un quarantenne è stato invece arrestato dai poliziotti del commissariato di Licata e da quelli della Squadra Mobile della Questura di Agrigento. Sarebbe lui – secondo l’attività investigativa, svolta in tempi record, dalla Polizia di Stato, il presunto aggressore. Un accoltellamento che si è verificato, pare, a causa di una donna. L’ex marito probabilmente  non sarebbe riuscito a rassegnarsi alla fine della relazione con l’ormai ex moglie che, pare nel frattempo, avesse avviato una relazione , con l’altro 40 enne, appunto accoltellato insieme al padre 65enne , subito accorso in aiuto del figlio, pare scendendo dall’autovettura sulla quale si trovava, in una strada della periferia di Licata.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

LICATA – “Agguato a pugni e bastonate per non saldare debito”: 2 rinvii a giudizio


 

Agguato a pugni e bastonate per non saldare un debito. I licatesi Carmelo Marino, 37 anni, e Davide Callea, 30 anni, finiscono davanti al gup con le accuse di tentata violenza privata, lesioni aggravate e porto ingiustificato di bastone.

I due imputati, che hanno nominato come difensore l’avvocato Gaspare Lombardo, avrebbbero picchiato alla testa e al volto un uomo al quale dovevano restituire del denaro che avevano ricevuto in prestito. L’uomo riportò gravi lesioni e traumi. L’udienza preliminare per decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio presentata dal pm Andrea Maggioni è in programma l’8 febbraio davanti al gup Francesco Provenzano. L’aggressione sarebbe avvenuta il 6 aprile del 2016.

 

 

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

ECCELLENZA A – “Licata – Monreale” 4-1, gli hightlights [VIDEO]


Il Licata vince meritatamente per 4-1 contro il Monreale che, certamente non ha sfigurato contro la corazzata gialloblu, trovando addirittura ad inizio ripresa il gol del momentaneo pareggio con Nuccio. Per il Licata doppietta di Tumbarello, Cannavò e Dama. Vetta nuovamente agganciata alla 17esima giornata. Una settimana da incorniciare dopo la qualificazione miracolosa ottenuta in finale di Coppa Italia.

Postato in In evidenza, Sport, VideoCommenti (0)

ECCELLENZA A – 17^giornata, poker del Licata sul Monreale, i gialloblu agganciano la vetta


E’ un 2018 perfetto per il Licata, la nuova gestione targata Campanella sembra produrre i suoi frutti anche in campionato dopo la miracolosa qualificazione in finale ottenuta ai danni del Mazara in Coppa Italia. Oggi, unb’altra importante vittoria in campionato grazie al poker di reti inflityto al Monreale e il contemporaneo mezzo passo falso del Marsala a Caccamo e la sconfitta del Dattilo a Mazara, i gialloblu agguantano la vetta in un torneo che si profila avvincente ed equilibrato fino all’ultimo istante. Il Canicattì vince il derby in trasferta contro la Pro Favara e si inserisce d’autorità in zona play-off, ma in casa canicattì sono consapevoli di poter andare oltre ogni sogno. Vittoria salutare del Campofranco, la prima della gestione Falsone, a Casteldaccia, solo pari, per il Mussomeli nella sfida salvezza contro il Cus Palermo.

Alba Alcamo – Polisportiva Castelbuono 1-1
Città di Casteldaccia – Atletico Campofranco 1-4 giocata sabato
Licata – Monreale 4-1
Mazara – Dattilo Noir 2-0
Mussomeli – C.U.S. Palermo 1-1
Nuova Città di Caccamo – Marsala Calcio 1-1
Parmonval – Kamarat 2-1 giocata sabato
Pro Favara – Canicattì 0-3

Classifica

Licata 35
Marsala Calcio 35
Dattilo Noir 34
Parmonval 32
Canicattì 31
Mazara 31*
Nuova Città di Caccamo 29
Alba Alcamo 23
C.U.S. Palermo 23
Pro Favara 19
Polisportiva Castelbuono 18*
Monreale 17
Kamarat 17
Atletico Campofranco 16
Mussomeli 13
Città di Casteldaccia 4

*Una partita in meno

Prossimo turno – 21/01/18

Atletico Campofranco – Parmonval
C.U.S. Palermo – Mazara
Canicattì – Città di Casteldaccia
Dattilo Noir – Alba Alcamo
Kamarat – Licata
Marsala Calcio – Polisportiva Castelbuono
Monreale – Mussomeli
Nuova Città di Caccamo – Pro Favara

Postato in SportCommenti (0)

LICATA – Le ruspe tornano in azione, firmate 3 ordinanze per la demolizione


L’abusivismo edilizio non si ferma a Licata. Nel Comune dell’ex sindaco antiabusivismo, Angelo Cambiano, sfiduciato dal Consiglio comunale nell’agosto del 2017 proprio perché aveva avviato il programma di demolizioni, c’è ancora chi continua a costruire in assenza di concessione edilizia o in difformità rispetto al permesso di costruire ottenuto dal Comune. E sono tre le ingiunzioni di demolizione in appena dodici giorni di questo nuovo anno.

Nei giorni scorsi il dipartimento Lavori Pubblici ed Urbanistica aveva già firmato le prime due ordinanze di demolizione, ieri la terza. A rilevare quelli che, almeno secondo i controlli, sono abusi edilizi, sono stati gli agenti della Polizia Municipale, nel corso dell’azione di contrasto al fenomeno che viene eseguita ogni giorno. Gli incartamenti sono stati poi trasmessi all’Urbanistica.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

LICATA – Madre si distrae e bimbo di 3 anni si allontana col cane per 5 km


Gli ha tolto gli occhi di sopra per una manciata di secondi, e ad un certo punto, non ha più visto il figlioletto di 3 anni, e il cagnolino di famiglia. Presa dal panico e dopo vane ricerche nella zona ha dato l’allarme. Le forze dell’ordine dopo due ore e passa hanno ritrovato il piccolo sano e salvo a quasi 5 chilometri di distanza. Il posto dove è stato ritrovato non è lontanissimo dalla località “Falconara”, nelle vicinanze della strada statale 115. Teatro della vicenda, conclusasi fortunatamente a lieto fine fra le località “Poggio di Guardia” e “Falconara, al confine con il comune di Butera. Il fatto è successo l’altro giorno all’ora di pranzo. E’ stato un attimo. Mentre la madre, verosimilmente si è distratta un attimo, il figlioletto approfittando di quel momento, correndo lungo la strada, è sparito improvvisamente in pochi secondi. E con lui il cagnolino. Poco dopo la donna non vedendolo più, ha capito che, il bimbo si era perso. La vicenda si è risolta per il meglio e il bambino non ha avuto bisogno di alcuna cura medica.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

COPPA ITALIA ECCELLENZA – Festa dal dischetto, Licata in finale


Il    Licata è in finale, ha vinto al Nino Vaccara di Mazara dopo i calci di rigore, considerato che dopo 95 minuti regolamentari vinceva per 2-0, identico risultato conquistato dal Mazara al Dino Liotta nella partita di andata. Ai calci di rigore l’ha spuntata la squadra di Campanella grazie anche all’ex portiere del Mazara Pietro Iacono, che ha parato ben tre tiri dagli undici metri, per il Mazara è andato a segno soltanto il portiere Dolenti, mentre per il Licata hanno fatto centro Corsino, Dama e Canavvà, ha fallito Favero, parato il tiro di Rizzo. Nei tempi regolamentari per il licata ha segnato il gol del vantaggio Cannavò al 24 del primo tempo, e un autogol di Mercurio al 53’. In finale che si disputerà a Troina, il Licata se la vedrà contro il Sant’Agata che ha eliminato il Paternò all’ultimo assalto.

Postato in AGRIGENTO, In evidenza, Sport, VideoCommenti (0)

DROGA – Spaccio sull’asse Palma – Licata, due condanne


Ad Agrigento, al palazzo di giustizia, la sezione penale presieduta da Giuseppe Miceli, ha sentenziato due condanne e tre assoluzioni nell’ambito di un’inchiesta antidroga incombente tra Licata e Palma di Montechiaro. Nel dettaglio, 5 anni e 6 mesi sono stati inflitti a Luigi Petruzzella, di Palma di Montechiaro, e poi 3 anni e 6 mesi a Gioacchino Pace, 40 anni, anche lui di Palma. Sono stati assolti Gioacchino Pace, di 47 anni, Calogero Pace, 41 anni, entrambi di Palma, e Gaspare Antona, 32 anni, di Licata. Il 20 marzo del 2012, il giorno del blitz ad opera della Polizia, furono eseguiti 4 arresti in carcere e 8 divieti di dimora in provincia.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

LICATA – Operazione “Natale Sicuro”, supermarket col botto: i Carabinieri sequestrano una Santa Barbara


Operazione “Natale sicuro”. Supermarket “col botto”. I Carabinieri sequestrano una vera e propria Santabarbara. Ben 1140 confezioni di prodotti pirotecnici, 62 batterie di supporti per il lancio dei fuochi, inneschi di vario genere e pericolosissime bombe carta. Questo l’armamentario proibito rinvenuto dai Carabinieri in due distinti depositi ricavati in un garage e nella cucina di due distinti condomini situati nel Comune di Licata. In tutto oltre tre quintali di giochi pirotecnici proibiti, contenenti pericolosissimo materiale esplosivo, illegalmente detenuti e destinati a finire sul mercato nero in occasione delle ormai prossime festività natalizie e di fine anno. “Botti” di ogni genere, molto pericolosi a causa dell’elevato potenziale esplosivo costituito dal considerevole contenuto pirico degli artifizi, erano così pronti alla vendita in un vero e proprio supermarket, allestito all’interno in un garage e in una cucina di due distinti stabile in pieno centro abitato a Licata.

È stato persino necessario l’intervento degli artificieri antisabotaggio, unità speciale dei Carabinieri, per mettere in sicurezza l’ingente quantitativo di esplosivo rinvenuto e scongiurare inneschi accidentali che avrebbero potuto danneggiare gravemente gli interi immobili.

Le manette sono così scattate ai polsi di un impiegato, incensurato, 33enne licatese, il quale, con l’accusa di detenzione illegale di esplosivi, è finito al carcere “Petrusa” di Agrigento.

L’odierna operazione, che rappresenta uno dei più grossi sequestri mai effettuati a fine anno nella provincia di Agrigento, rientra in un piano di controlli straordinari disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Agrigento al fine di rendere più sicuri i festeggiamenti natalizi e di fine anno. In un colpo solo, sono stati così tolti dal mercato nero pericolosissimi fuochi illegali, il cui maneggio sarebbe stato molto pericoloso e che avrebbero fruttato un guadagno di svariate migliaia di euro.

operazione-santa-barbara2

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK




ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

STUDIO 98 PROMO




STASERA IN TV




Calendario

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  




STATISTICHE

Site Info

TRS98