Tag Archive | "Porto Empedocle"

PORTO EMPEDOCLE – L’opposizione incalza l’amministrazione sulla concretezza: l’intervento dei Sindacati


A Porto Empedocle i consiglieri comunali Pullara, Filippazzo, Termini, Scimè, Lattuca, Caci, Todaro, Sacco, Di Emanuele e Bartolotta, riuniti nella conferenza capigruppo, hanno espresso vicinanza ai dipendenti comunali per la difficile situazione in cui versano, e hanno stigmatizzato l’operato del sindaco e della sua giunta, “auspicando che – affermano gli stessi consiglieri – con serietà e senso del dovere, si possa operare per il vero interesse dei lavoratori e della città, astenendosi dal fomentare sterili polemiche create col precipuo scopo di celare un’incapacità amministrativa intollerabile, che ha già paralizzato l’intera città. Il Consiglio comunale ancora una volta manifesta la propria disponibilità ad una collaborazione fattiva e costruttiva, ritenendola indispensabile per poter affrontare e risolvere le criticità dell’Ente. A tal fine esorta il Sindaco e la sua Giunta ad assumersi, senza falsi alibi, le responsabilità di una gestione amministrativa, fino ad adesso, lenta, confusa ed inefficiente.”

I dirigenti provinciali di Cgil, Cisl e Uil Funzione pubblica di Agrigento, Pietro Aquilino, Floriana Russo Introito e Fabrizio Danile, annunciano, e stigmatizzano, che la sindaca di Porto Empedocle, Ida Carmina, e i Capigruppo del Movimento Cinque Stelle, di Porto Empedocle nel Cuore e del Gruppo Misto, sono stati assenti alla seduta della Conferenza dei Capigruppo convocata per affrontare la questione del mancato pagamento degli stipendi ai dipendenti comunali. Aquilino, Russo Introito e Danile ringraziano la presidente del Consiglio, Marilù Caci, e la conferenza dei Capigruppo, per la sensibilità dimostrata nell’organizzare la seduta, e affermano: “Nel corso dell’incontro è intervenuto il Segretario Comunale il quale ha rappresentato nei minimi particolari la grave situazione finanziaria dell’Ente giudicandola pesante e di difficile soluzione in tempi brevi, precisando che non si può ipotizzare alcuna tempistica nei pagamenti, perché legata a diversi fattori tecnici interni ed esterni. Nel frattempo, la sindaca, assente all’incontro, alimenta le polemiche affermando che i lavoratori si fanno strumentalizzare dai sindacati, e che dopo il pagamento dello stipendio di febbraio si sarebbe aspettata i complimenti, come se pagare ciò che è dovuto debba essere considerata una cortesia. Pertanto invitiamo la sindaca a corrispondere le mensilità già maturate dei mesi di marzo e aprile.”

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Economia, In evidenzaCommenti (0)

PORTO EMPEDOCLE – Condannato a 14 anni di reclusione per numerose imputazioni di reato


La prima sezione penale del Tribunale di Agrigento, presieduta da Giuseppe Melisenda Giambertoni, ha condannato a 14 anni e 6 mesi di reclusione, per numerose imputazioni di reato, tra rapina, truffa e abusi sessuali, Luigi Nicastro, 43 anni, di Porto Empedocle.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

PORTO EMPEDOCLE – Pagato lo stipendio di febbraio. Villa Betania in attesa


Al Comune di Porto Empedocle è stata pagata una delle tre mensilità arretrate attese dai dipendenti. In particolare, è stato pagato febbraio, e al più presto dovrebbero essere pagati anche marzo e aprile. Nel frattempo, sono invece da 11 mesi senza stipendio i lavoratori dell’Istituto di assistenza Villa Betania che, tramite Facebook, hanno lanciato un appello alla sindaca di Porto Empedocle, Ida Carmina, che, ancora sul social network, ha risposto: “Spero, ben presto, di riuscire a trovare un equilibrio tale che ci consenta di poter onorare quanto dobbiamo. Certo per noi è difficile andare avanti senza liquidità. Ma il vero problema non è legato solo al Comune di Porto Empedocle che vive una straordinaria situazione di dissesto che era stato camuffato contabilmente. Deve cambiare il rapporto Comune, Regione e Stato. Non si può pensare di delegare sempre maggiori compiti ai Comuni ed al contempo ridurre drasticamente i trasferimenti. Basti pensare che, in pochi anni, i fondi destinati ai Comuni sono passati da oltre 900 milioni di euro a poco più di 300. Basta fare due conti per comprendere che continuando così i Comuni in dissesto aumenteranno.”

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Economia, In evidenzaCommenti (0)

PORTO EMPEDOCLE – In possesso di un’anfora fittile: nei guai un 50enne


A Porto Empedocle i Carabinieri della locale stazione hanno segnalato in stato di libertà alla Procura della Repubblica  di Agrigento per ricettazione, V.G. di 50 anni.

Lo stesso durante una perquisizione effettuata all’interno della propria abitazione è stato trovato in possesso di un’anfora fittile verosimilmente risalente al IV-V secolo a.C. periodo punico-romano.

Il materiale è stato posto sotto sequestro.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

AGRIGENTO – Sindaco Firetto incontra Andrea Camilleri


Il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto ha incontrato nelle ultime ore nella sua abitazione di Porto Empedocle, lo scrittore Andrea Camilleri per coordinare con quest’ultimo (che è presidente onorario del Comitato nazionale per le celebrazioni del 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello) le numerose attività che si stanno svolgendo in Italia e all’estero, in onore del Premio Nobel per la letteratura. In primis la cerimonia ufficiale, alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e del ministro della Cultura, Dario Franceschini, che si terrà in contrada Caos di fronte alla casa natale del drammaturgo. Cerimonia che avrà un’appendice anche nella Valle dei templi probabilmente con una diretta televisiva della Rai. La questione che è stata dibattuta, era relativa al tema che Camilleri dovrà affrontare per commemorare il grande drammaturgo. Da più parti gli si chiede di affrontare il rapporto di Pirandello con l’Europa. Un tema questo però già affrontato in passato dallo scrittore Leonardo Sciascia (la figlia Maria Sciascia è componente anch’essa del Comitato d’onore) e quindi si è stabilito che lo scrittore affronterà il tema del rapporto di Luigi Pirandello con Girgenti e Porto Empedocle. “C’è questa curiosità di Pirandello di vedere la morte in faccia – spiega Camilleri. – Pirandello ne rimase sempre molto turbato, fin da bambino, da quando, capitando nella chiesa dove portavano i morti prima della sepoltura, poco distante da dove abitava, rimase colpito e impaurito dalla presenza di un catafalco con il morto ma anche di alcuni rumori sordi, che giungevano da una zona buia della chiesa. Quello di un uomo e una donna in atteggiamento amoroso di cui lui subito non seppe darsi una spiegazione. Ecco il legame tra amore e morte rimarrà per sempre in Pirandello che finisce per riflettere pure sulla disperazione di quegli amanti costretti ad andare in quel luogo perché lì non c’è nessuno!”.

Lo scrittore Camilleri, che a breve sarà a Parigi, subito dopo il “Salon du livre”, ospite del nostro Istituto Italiano di Cultura per una due giorni dedicata alla sua opera letteraria, si è poi informato con il sindaco di Agrigento, su tutte le altre iniziative in itinere per le celebrazioni del 150°; dai convegni alle rassegne teatrali fino al “Festival della Strada degli scrittori” in quel di Racalmuto, un master di scrittura diretto dall’ex ministro della Cultura, Massimo Bray. Poi i gemellaggi con Lisbona nel nome di Pirandello e Pessoa e quello della Fondazione Teatro Pirandello di Agrigento con altri importanti teatri italiani.  E per finire, tra qualche settimana iniziano le riprese della nuova serie del Commissario Montalbano e viene data ormai per certa anche una location alla casa natale al Caos. Perfino il commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri si sente in dovere di omaggiare Pirandello nel 150° della sua nascita!

Postato in AGRIGENTO, Cultura, Eventi, In evidenzaCommenti (0)

PORTO EMPEDOCLE – Rapina a mano armata inuna tabaccheria


Rapina a mano armata a Porto Empedocle. Vittima la titolare di una tabaccheria. Due uomini armati di pistola e incappucciati hanno costretto la donna a consegnare quanto era presente in cassa. Il bottino ammonterebbe a circa 5.000 euro. Sul fatto stanno indagando le forze dell’ordine.

 

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

PORTO EMPEDOCLE – Inchiesta antidroga “Supermarket”, 26 rinviati a giudizio


Per un solo imputato, il ventenne Gabriele Farruggia, è stato disposto il non luogo a procedere: il difensore, l’avvocato Enzo Caponnetto, ha sottolineato che il giovane, all’epoca in cui gli si contesta di avere ceduto droga, era minorenne e, quindi, non può essere giudicato dal tribunale di Agrigento.

Per gli altri ventisei imputati il gup Maria Alessandra Tedde ha disposto il rinvio a giudizio. È terminata con questa decisione, nella tarda mattinata di ieri, l’udienza preliminare scaturita dall’operazione antidroga “Supermarket”, eseguita dai poliziotti del commissariato “Frontiera” di Porto Empedoche, che ha fatto scattare una mezza dozzina di misure cautelari dopo che il tribunale del riesame e la Cassazione hanno ribaltato la decisione del gip Alfonso Malato di rigettare gli arresti “perché i fatti erano troppo datati e non più attuali”.

Il dibattimento a carico dei ventisei imputati inizierà il 19 giugno davanti ai giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento.

I 26 imputati, che risponderanno all’udienza sono: Andrea Amato, 47 anni, Rosario Amato, 29 anni, Emanuele Amato, 22 anni, Loredana Prisma, 43 anni, Giuseppe Baio, 38 anni, Antonio Sorce, 21 anni, Francesco Di Grado, 33 anni, Francesco Lucchi, 49 anni, Gerlando Di Gerlando, 22 anni, Aristide Daino, 39 anni, Alfonso Alongi, 33 anni, Stefano Filippazzo, 33 anni, Francesco Fratacci, 26 anni, Ernesto Giardina, 36 anni, Pierluigi Aleo, 28 anni, Ignazio Mendola, 33 anni, Pietro Sacco, 29 anni, Luigi Pulsiano, 23 anni, Antonio Sacco, 21 anni, Carmelo Albanese, 44 anni, Giuseppe Angarussa, 33 anni, Emanuel Lombardo, 25 anni, Federico Alaimo, 32 anni, Calogero Trameli, 33 anni, Luigi Formica, 23 anni, e Alfonso Tuttolomondo, 21 anni.

 

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

PORTO EMPEDOCLE – La Cisl diffida al pagamento delle spettanze ai netturbini


La Cisl Funzione pubblica di Agrigento, tramite i dirigenti Maurizio Saia e Floriana Russo Introito, ha diffidato il Comune di Porto Empedocle al pagamento delle retribuzioni arretrate ai netturbini. Si tratta delle mensilità di febbraio e marzo 2017. La Cisl aggiunge: “Nel caso in cui il Comune di Porto Empedocle non provvedesse al pagamento delle retribuzioni entro il termine perentorio di 10 giorni a decorrere da oggi 3 aprile, il sindacato, su mandato dei lavoratori, procederà dinnanzi alle competenti sedi giudiziarie. Inoltre, fino a venerdì 7 aprile, dalle ore 12,20 alle 13,20, i lavoratori si raduneranno innanzi al Comune di Porto Empedocle per manifestare il loro disagio a causa del mancato pagamento degli stipendi.”

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

La Cisl e le “differenze della differenziata” tra Realmonte e Porto Empedocle


La Cisl agrigentina, tramite il segretario provinciale, Maurizio Saia, rileva che il Comune di Realmonte nel piano tariffario dei rifiuti ha annunciato una riduzione del 24% della tassa a carico dei cittadini. E il Comune di Porto Empedocle, invece, un aumento del 12 per cento. In entrambi i Comuni si pratica la raccolta differenziata, nell’ambito dello stesso Aro, l’ambito di raccolta ottimale, appositamente costituito. E i due Comuni hanno indetto la stessa gara e usufruiscono dello stesso servizio. Dunque, la Cisl afferma: “Il nuovo servizio che doveva garantire una riduzione dei costi e rendere più leggere le tasse sulle famiglie si è trasformato invece, nell’ennesimo salasso per le famiglie empedocline. L’amministrazione comunale di Porto Empedocle dovrà spiegare ai cittadini cosa non ha funzionato, se le previsioni di riduzione della spesa erano inesatte e approssimative o, piuttosto, le cause sono da addebitare ad una poco efficace azione amministrativa. Porto Empedocle attende le giustificazioni.”

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

PORTO EMPEDOCLE – Arresto convalidato per Libertino Vasile Cozzo


Libertino Vasile Cozzo, 41 anni, arrestato giovedì sera da polizia e carabinieri, con l’accusa di avere aggredito e minacciato una famiglia con la pistola, ha avuto convalidato l’arresto dal Gip del Tribunale di Agrigento Alessandra Vella con apposita ordinanza ma non verrà arrestato.
L’uomo, attualmente ricoverato in ospedale per le ferite serie subite deve essere sottoposto ad intervento chirurgico – e quindi, fino a quando le sue condizioni di salute non saranno ottimali non finirà in carcere.
La vicenda giudiziaria, coordinata dal pubblico ministero Alessandra Russo, fa riferimento ad un’aggressione presunta di Vasile Cozzo ai danni di un intero nucleo familiare con l’uso di una calibro 38 che è stata rinvenuta nelle vicinanze di un capannone adibito al commercio del pesce, teatro della medesima aggressione.

 

 

 

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98