Tag Archive | "Racalmuto"

RACALMUTO – Manca un assessore, l’opposizione si rivolge all’assessorato regionale


Da poco più di tre mesi, ossia da quando l’assessore Salvatore Manto si è dimesso, al Comune di Racalmuto manca un amministratore. Il componente della Giunta Messana non è stato, infatti, ancora nominato.

I consiglieri comunali Carmelisa Gagliarlo, Salvatore Maniglia, Ivana Mantione, Vincenzo Mattina, Maria Morgante, Sergio Pagliaro, Marilena Piscopo e Marcello Tufarulo – ossia quei consiglieri che prima della mozione di sfiducia componevano la stessa maggioranza di Messana – hanno scritto all’assessorato regionale alle Autonomie locali e Funzione pubblica, nonché al sindaco, al segretario generale ed alla Prefettura, per denunciare la violazione della legge regionale – la numero 7 del 1992 – . «L’assessore Manto – scrivono i consiglieri – si è dimesso formalmente il 5 ottobre e nonostante i solleciti di alcuni consiglieri comunali, il sindaco ad oggi, dopo oltre tre mesi, non ha provveduto alla sua sostituzione. In violazione della legge e dello statuto comunale, la Giunta ha continuato ad adottare – spiegano i consiglieri – atti deliberativi, anche di fondamentale importanza per l’ente e per i cittadini, in maniera assolutamente illegittima».

Postato in In evidenza, Politica, RACALMUTOCommenti (0)

RACALMUTO – Al via il Progetto “Obiettivo Giovani”.


RACALMUTO: Al via il Progetto “Obiettivo Giovani”. Coinvolti giovani disoccupati dai 18 ai 35 anni.

Prende il via oggi il progetto “Obiettivo Giovani” promosso dall’assessorato ai servizi sociali del Comune di Racalmuto e rivolto alla fascia giovane della comunità.

Il progetto ha coinvolto 36 giovani racalmutesi dai 18 ai 35 anni, disoccupati/inoccupati che dedicheranno due mesi della propria vita a favore di un impegno di utilità collettiva. Per i giovani coinvolti, dichiara l’assessore ai servizi sociali dott.ssa Carmela Matteliano: “ il servizio civico può essere un’importante occasione di crescita personale per i giovani alla ricerca di un lavoro. Favorisce l’integrazione sociale e costituisce oltre che un’esperienza di collaborazione, un’opportunità educativa e formativa”.

Nello specifico, le azioni di intervento attivate, grazie al coinvolgimento dei giovani sono: 

1) un servizio di supporto organizzativo per alunni svantaggiati (supporto ai docenti nelle attività di igiene, di alimentazione e in quelle ludico-ricreative) per gli alunni frequentanti le sezioni infanzia del plesso “Lauricella” e del plesso “Agazzi” dell’istituto Comprensivo Statale Leonardo Sciascia;

 2) un servizio di piccola manutenzione e pulizia di strutture pubbliche ed in particolare scuole, teatro ecc.. 

Tutti i giovani partecipanti sono stati sottoposti a visita medica e formati attraverso un corso specifico organizzato dal comune.

“Ancora una volta Scuola e Comune si trovano a condividere un’altra bella esperienza progettuale – dichiara il sindaco Emilio Messana. L’intesa tra i due enti permette di migliorare e rafforzare i servizi e di offrire ai nostri giovani concittadini un ambiente socializzante e protetto dove sviluppare le proprie competenze. Già lo scorso anno la scuola ha offerto la possibilità a 10 cittadini disoccupati di poter svolgere la loro esperienza di borsa lavoro. Adesso entrano nelle scuole i giovani, grazie ad una misura specifica per la loro valorizzazione.”

Il servizio civico comunale costituisce una forma di assistenza alternativa all’assegno economico ed è rivolto prioritariamente a coloro che sono privi di occupazione. 

Ciascun giovane sarà impegnato sei ore alla settimana per otto settimane e avrà diritto ad un compenso di 280 euro.

Postato in Cronaca, Eventi, RACALMUTOCommenti (0)

RACALMUTO – Appello del Sindaco di Racalmuto per la proroga dei contratti


Appello del Sindaco di Racalmuto al Presidente della Regione, agli Assessori Regionali delle Autonomie Locali e dell’Economia, ai Gruppi Parlamentari all’Ars, al Prefetto e alle Organizzazioni Sindacali per la proroga dei contratti con i precari.

La legge regionale ha previsto che i comuni in riequilibrio finanziario possano prorogare i contratti con riferimento ai rapporti in corso al 31/12/2014. A quella data, per effetto del piano di riequilibrio approvato, il Comune di Racalmuto aveva stipulato i contratti a 18 ore settimanali.

Già nel mese di ottobre il sindaco di Racalmuto aveva sollevato la disparità di trattamento rispetto ai comuni in dissesto, per i quali la Regione prevede la copertura integrale delle spese per i contrattisti.

Adesso, questa nuova norma rischia di discriminare anche i Comuni in riequilibrio finanziario, che, come Racalmuto, alla data del 31/12/2014 avevano approvato il piano di riequilibrio e ridotto le ore ai contrattisti.

“Siamo al paradosso – dichiara il Sindaco Messana – i comuni che non hanno risanato il bilancio e hanno dichiarato in dissesto hanno garantita la copertura dei costi per i precari al 100%, pertanto, nonostante il fallimento, possono mantenere i contratti a 24 ore. Racalmuto, che per risanare le casse comunali ha dovuto tagliare gli stipendi e ridurre le ore ai contrattisti, si trova costretta a dover prorogare i contratti a diciotto ore.”

Il fondo di compensazione assegnato dalla regione per gli anni 2014, 2015 e 2016 consentiva, senza oneri a carico del bilancio comunale, di stipulare contratti a venti ore. 

“Soltanto alla data del 31/12/2014 i contratti erano a diciotto ore –  continua il sindaco Messana – perchè dovendo rispettare la misura del piano di riequilibrio, che imponeva di non spendere un euro delle risorse comunali per i precari, e non avendo certezza della proroga e dell’importo del fondo di compensazione regionale, i contratti che andavano in scadenza durante l’anno 2014 furono prorogati in via cautelativa a 18 ore e non più a 24.

“E’ necessario che l’Assessorato Enti Locali intervenga con una circolare per autorizzare quantomeno i Comuni in riequilibrio finanziario a poter prorogare i contratti con riferimento al monte ore complessivamente lavorato nel corso dell’anno 2014 e non al 31/12/2014.

“Altrimenti si intervenga in via legislativa in occasione dell’approvazione della Legge Finanziaria  per risolvere prima del 28 febbraio questa enorme, inaccettabile iniquità e autorizzare i comuni in riequilibrio finanziario a prorogare i contratti con i lavoratori precari per le ore previste alla data di adozione del piano di riequilibrio e ponendo i relativi oneri totalmente a carico del fondo di compensazione come previsto per i Comuni in dissesto finanziario.”

In allegato il testo della nota inoltrata al Presidente della Regione, agli Assessori Regionali agli Enti Locali e al Bilancio, ai Gruppi Parlamentari all’Ars, al Prefetto e alle Organizzazioni Sindacali.

Postato in Cronaca, Economia, In evidenza, Politica, RACALMUTOCommenti (0)

RACALMUTO – Alla Media “D’Asaro” lavori da rifare


Brutte notizie arrivano dalla scuola Media Pietro D’Asaro di Racalmuto. La scuola interessata in quest’ultimoperiodo da lavori di ristrutturazione ancora non completati del tutto. Si ritrova con infiltrazioni d’acqua piovana che hanno danneggiato i muri e il controsoffitto. Nonostante centinaia di migliaia di euro spesi la scuola sembra non aver retto alle ultime piogge con il danneggiamento dei muri. Quindi, il probabile ritorno nella struttura a febbraio o marzo sembra destinato a slittare.

Postato in Cronaca, RACALMUTOCommenti (0)

RACALMUTO – Lillo Bongiorno sul ruolo marginale assunto dalla Fondazione Sciascia


Qualche giorno fa, Felice Cavallaro con un coraggioso articolo ( da par suo) sul Corsera, ha ricordato il famoso articolo di Leonardo Sciascia del 10 gennaio 1987 che ha dato il via alla polemica sui c.d. “professionisti dell’antimafia”.

L’articolo di Sciascia, come puntualmente ricordato da Cavallaro, si è rivelato di una profetica lungimiranza, frutto della sua vivacità intellettuale e della profonda conoscenza degli uomini e della terra di Sicilia.

Cavallaro ha scritto di impostura di una antimafia da vetrina, che trent’anni dopo l’articolo del professore, è drammaticamente confermata dalla “caduta dei miti” e, con grande professionalità e schiena dritta,  fa nomi e cognomi di magistrati, imprenditori e giornalisti, oggetto di inchieste in corso.

A fronte di una sconsiderata polemica innescata trent’anni fa dal “comitato antimafia”,  quanto affermato e previsto da Sciascia si e rivelato di scottante attualità ed  oggi anima il dibattito politico-istituzionale su mafia e antimafia.

Per quanto sopra, qualche mese fa avevo proposto al sindaco di Racalmuto Emilio Messana ed all’Assessore alla cultura Picone, di organizzare un grande dibattito a Racalmuto su mafia ed antimafia a trent’anni dall’articolo di Sciascia, invitando, magistrati, giornalisti e politici di livello nazionale, non per una sterile celebrazione di quanto affermato da Sciascia, ma per riconfermare  l’importanza e l’attualità del pensiero del nostro illustre concittadino e, soprattutto, per offrire, dal “paese della ragione”, un importante contributo al dibattito nazionale in corso.

L’avvenimento avrebbe riacceso i riflettori nazionali su Racalmuto e sulla Fondazione Sciascia che oggi vive un momento di grande difficoltà.

Il sindaco Messana e l’assessore Picone, ovviamente, non ne hanno fatto nulla :

ANCORA UNA IMPORTANTE OCCASIONE MANCATA !

Cosi la Fondazione Sciascia continua a vivere una condizione di marginalità, tra l’altro subendo la perdita di finanziamenti per non aver presentato l’istanza alla Regione da parte dell’amministrazione comunale (anno 2015) o ottenendo un misero finanziamento di appena 47 mila euro per l’anno 2016, a fronte di ben più cospicui contributi ad istituzioni, certamente di minore importanza rispetto alla Fondazione (probabilmente perché le ragioni dell’importanza della Fondazione non sono state adeguatamente sostenute in Regione dall’amministrazione comunale).

L’attività culturale della Fondazione langue, la modifica dello Statuto è in corso da 30 mesi senza venirne a capo, non si capisce se il direttore letterario e componente del C.d.A. prof. Di Grado si è dimesso o meno, non si sono ricercati importanti sponsor, dopo il contributo del Comune, su nostra proposta, di €. 10.000, per l’anno 2015, il contributo per l’anno 2016 è stato ridotto al lumicino, come l’attenzione e l’impegno dell’amministrazione comunale nei confronti della Fondazione.

Dopo l’insediamento dell’amministrazione Messana, speranzoso in un proficuo lavoro amministrativo per il rilancio socio-economico e culturale di Racalmuto, avevo scritto una lettera aperta sulla ripresa dell’attività della Fondazione Sciascia con il concreto sostegno del Comune, dopo anni di disattenzione (se non di  ostracismo) delle passate amministrazioni comunali (toh che coincidenza! Sostenute dallo stesso partito e dagli stessi uomini che sostengono attualmente il sindaco ), anche in questo Emilio Messana è stata una profonda delusione.

Postato in Cronaca, Cultura, In evidenza, PoliticaCommenti (0)

RACALMUTO – E’ morto il Sacerdote Calogero Curto


Padre Calogero Curto da tantissimi anni alla guida della parrocchia di San Giuliano di Racalmuto è morto. Un sacerdote sempre vicino alla gente e ai suoi parrocchiani. Un grande innovatore, negli ultimi anni diffondeva le sue preghiere e le sue riflessioni dal suo profilo facebook.  “Per noi sei stato come un nonno dolce e tanto premuroso. La Chiesa di San Giuliano sarà meno luminosa senza di te. – scrivono dal loro profilo Facebook- Dario e Rossana.  Resterai per sempre nei nostri cuori,
ci mancherai tantissimo. Che Dio ti accolga nel suo regno e che la Madonna delle Grazie da te tanto amata ti abbracci in questo viaggio. Con profondo affetto”.

Postato in Cronaca, Eventi, In evidenza, RACALMUTOCommenti (0)

Racalmuto si risveglia sotto una coltre di neve


Un silenzio surreale avvolge Racalmuto sotto una coltre di neve, anche questo sabato, per il secondo giorno consecutivo. Lo scenario non migliora, e come nelle previsioni, neve per le strade e sui tetti delle abitazioni , poche le macchine in circolazione, inpreparati a sfidare le avversità del caso. Quasi tutti bloccati a casa e impossibilitati a recarsi presso i posti di lavoro. Già ieri il Sindaco di Racalmuto ha emesso un’ordinanza per la chiusura di tutte le scuole. 

Il consiglio, categorico, delle forze dell’ordine è di “restare a casa e di uscire solo se strettamente necessario”. Decine di automobilisti sono rimasti bloccati per 11 ore al confine fra l’Agrigentino e il Nisseno.
Fra Canicattì, Racalmuto e Grotte sono gravi i disagi. A tendere ai cittadini una mano d’aiuto ci sono i vigili del fuoco di Agrigento e dei vari distaccamenti che, in queste ore, dopo aver liberato le auto rimaste bloccate a Canicattì e Racalmuto, stanno cercando di aiutare due famiglie che, in contrada Montagna a Canicattì, sono isolate.In molti casi, i residenti – a causa del ghiaccio – non riescono nemmeno ad uscire da casa. Catene rigorosamente montante a partire da Canicattì verso Serradifalco e Caltanissetta.

 

 

 

 

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, RACALMUTOCommenti (0)

ULTIM’ORA – Prosegue a nevicare: anche domani temperature a picco [FOTO]


L’ondata di maltempo in Sicilia e tutto il centro-sud sembra non voler finire. La perturbazione che sta interessando il nostro Paese proseguirà  infatti nelle prossime ore  con nevicate anche  in pianura, venti forti e temperature polari.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento  della Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo che  prevede, a partire dalla serata di oggi, venti di burrasca non solo in tutta la Sicilia, ma anche in  Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria. Sulle stesse regioni, inoltre, sono attese temperature  molto basse, con diffuse gelate, e nevicate sparse fino a  livello del mare, con apporti al suolo da deboli a moderati, ma  localmente abbondanti sui rilievi.

A Racalmuto , fa sapere il Sindaco Emilio Messana tramite un post su Facebook, sono stati  cosparsi in alcuni tratti della circonvallazione circa otto tonnellate di sale per far sciogliere il ghiaccio. Un ringraziamento alla Polizia Municipale e all’ufficio tecnico, che hanno presidiato le vie principali del centro e seguito i lavori(NELLE FOTO). La situazione per la transitabilità rimane critica, e il primo cittadino  raccomanda prudenza.

 

E ancora, il Sindaco rende noto che domani le scuole elementari e medie e l’Istituto Professionale rimarranno chiuse a causa del maltempo. Raccomando la massima cautela e prudenza, uscite di casa solo se strettamente indispensabile.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

Come nelle previsioni la Befana porta la neve [FOTO][VIDEO]


Come era accaduto due anni fa, giorno di San Silvestro del 2014, ritorna la neve, questa volta per l’Epifania a Racalmuto. Tutto il paese innevato, in uno scenario quasi surreale dalle nostre parti. Uno spettacolo suggestivo che, coglie quasi tutti impreparati. Strade quasi deserte, tutti a casa a godere dalle finestre l’inusuale bianca tra le strade e sui tetti delle abitazioni. Insomma, immagini che saranno ricordate, ma che intanto, invitano alla massima prudenza, essendo qasi tutti sforniti di catene per le autovetture e quant’altro. Previsioni metereologiche rispettate e temperature sotto lo zero anche nella nostra Racalmuto. 

E’ arrivata l’ondata di gelo da record annunciata e tanto attesa da giorni in Sicilia. In nottata temperature anche a zero gradi in gran parte dell’Isola.

Il freddo e il brusco abbassamento delle temperature causano disagi soprattutto alle isole minori e ai piccoli centri abitati.

Tetti e strade imbiancate al limite dell’impraticabilità dalle prime ore del giorno a Canicattì (Ag) a cavallo delle province di Agrigento e Caltanissetta. La neve caduta a fiocchi già da dopo la mezzanotte si è accumulata rendendo difficoltosa la circolazione soprattutto in alcuni tratti della SS 640 Porto Empedocle-Caltanissetta che sono ghiacciati

A secondo delle condizioni meteorologiche il Cas adotterà i provvedimenti del caso e comunque, fin da adesso invita in una nota gli gli utenti a percorrere le autostrade solo per evidenti necessità, di portare a bordo del veicolo le catene da neve, le bevande in caso di trasporto bambini e in tutti i casi circolare a velocità ridotta.

I mezzi del libero consorzio di Agrigento stanno intervenendo sulla Strada provinciale n 24 Cammarata Santo Stefano di Quisquina.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Eventi, In evidenza, VideoCommenti (0)

RACALMUTO – Iniziative natalizie di fine anno


Continuano le iniziative natalizie e d’inizio anno a Racalmuto. Oggi 3 gennaio, a partire dalle ore 19:00, in piazza Umberto I, degustazione di taralli e vino. Un momento dedicato al dolce tipico di Racalmuto sempre più molto apprezzato da chi arriva da fuori. Domani, 4 gennaio, è prevista invece la prima “Sagra di la cuddrureddra” all’interno del presepe vivente realizzato nel quartiere della Chiesa Madonna della Rocca. La sagra si terrà dopo il corteo con i personaggi del presepe che partirà intorno alle ore 19:00 dalla Casa di Riposo. Sempre domani, nel corso della serata al presepe, sarà consegnato il premio per la “Miglior Novena 2016”.

Le manifestazioni sono organizzate dal Comune  e dalle associazioni del territorio.

 

Postato in Eventi, RACALMUTOCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

gennaio: 2017
L M M G V S D
« Dic    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98