Tag Archive | "Regione"

REGIONE – Siciliacque, maxi decreto ingiuntivo da 26 milioni di euro


Un maxi-decreto ingiuntivo da 26 milioni di euro presentato alla Regione da Siciliacque, partecipata dell’ente per il 25% e per il 75% in mano ai soci francesi. Una novità che s’intreccia con la telenovela della liquidazione dell’Eas.

È la «sconfortante» scoperta fatta dal nuovo governo: mancati pagamenti da parte dell’Eas e crediti su fidejussioni alla base dell’atto: «Se in ogni pentola che apriamo – commenta l’assessore all’Economia, Gaetano Armao – andiamo trovando di queste cose, diventa complicato. Questo è un debito maturato dalla precedente gestione a cui dobbiamo far fronte».

La Regione ha intanto messo in cassa un miliardo e 200 milioni di euro che consentono di guardare ai prossimi mesi con maggiore serenità. Si tratta di somme e obbligazioni assunti dal precedente esecutivo. Somme provenienti dall’Irpef che arrivano in un’unica soluzione anziché in più tranche. Dall’Agenzia delle Entrate sono transitate per disposizione della Banca d’Italia. Questo consentirà all’ente di procedere alla maggior parte dei pagamenti ancora in ballo entro il prossimo 15 dicembre. Poi la cassa regionale chiuderà per riaprire i battenti ai primi di gennaio.

Postato in Cronaca, Economia, In evidenza, PoliticaCommenti (0)

REGIONE – Margherita La Rocca Ruvolo eletta nuovo capogruppo dell’Udc all’Ars


I deputati regionali dell’Udc hanno eletto oggi a Palazzo dei Normanni la deputata Margherita La Rocca Ruvolo nuovo capogruppo. I parlamentari eletti alle elezioni del 5 novembre scorso si sono riuniti alla presenza del presidente nazionale del partito Antonio De Poli. Margherita La Rocca Ruvolo, alle consultazioni regionali, è stata eletta nel collegio di Agrigento.

E’ alla seconda legislatura all’Assemblea regionale siciliana. Laureata in psicologia e teologia, docente di professione. E’ sindaco del comune di Montevago. L’Udc è rappresentato in Giunta regionale dagli assessori Mimmo Turano e Vincenzo Figuccia.

Postato in In evidenza, PoliticaCommenti (0)

REGIONE – Armao: “Operazione verità sui conti”


Il neo assessore regionale con delega all’Economia, Gaetano Armao, è impegnato sul bilancio della Regione. In particolare, Armao è a lavoro su un’operazione di verità sui conti 2017, per informare di conseguenza il presidente, la giunta e il Parlamento sulla condizione economico-finanziaria della Regione. Lo stesso Gaetano Armao spiega: “Bisogna partire dalla gravissima omissione della mancata adozione del bilancio consolidato al 30 settembre, che ha fatto in modo che scattasse la sanzione con il blocco di tutti i rapporti negoziali con dipendenti a tempo determinato con effetti evidenti su una Regione che, a partire dai Forestali, adotta lo strumento del contratto esterno. Con il Ragioniere generale dello Stato ricercheremo una soluzione tecnica da offrire alla Regione e al governo nazionale. La Regione sta lavorando allo snellimento della burocrazia. E’ uno dei punti del nostro programma, e così anche la riduzione dei tempi dei pagamenti alle imprese. Vogliamo adottare queste misure immediatamente”.

 

Postato in Economia, In evidenza, PoliticaCommenti (0)

CORTE DEI CONTI – “Monterosso nomine illecite”, tremano in 20, danno erariale di 893 mila euro


Danno erariale per 893 mila euro a carico degli ex Governatori Lombardo e Crocetta e 18 ex assessori. è quanto ipotizza il Procuratore regionale della Corte dei Conti, Gianluca Albo, in riferimento alle nomine illecite” del segretario generale  Patrizia Monterosso.  Un assist per Musumeci, che deve scegliere il successore della “zarina”. Sono tre gli atti incriminati, nelle 29 pagine  in carta intestata della Corte dei Conti regionale. “Illecita”, la presenza dal 2012 a oggi, di Patrizia Monterosso, come segretario generale, nominata , confermata e rinominata nel ruolo apicale , da esterna  all’amministrazione regionale. Ai 20 ex amministratori regionali viene adesso notificato l’invito a dedurre, che vale come atto di costituzione in mora ” per le somme dovute all’Erario per i fatti loro contestati”.    

Postato in Cronaca, In evidenza, PALERMO, PoliticaCommenti (0)

REGIONE – E’ il primo giorno della giunta Musumeci


Ecco la giunta Musumeci per la prima riunione a meno 24 ore dalla firma dei decreti di nomina. I dodici assessori e il presidente si presentano davanti a una folla di giornalisti a Palazzo d’Orleans.

“Questa giunta vuole mantenere un profilo basso – ha detto Nello Musumeci – Vi stupiremo ma vogliamo parlare con i fatti, anche in questo vogliamo rimarcare il cambiamento”.

Tra i primi ad arrivare Vittorio Sgarbi che reggerà l’assessorato ai Beni culturali anche se solo per un breve periodo: “Abbatteremo le pale eoliche che non funzionano. Carlo Rubbia sarà il commissario delegato”. Poi ha annunciato: “Creerò la figura di un commissario per le Arti del Mediterraneo, un’autorità della bellezza che affiderò a un grande nome del calibro di Renzo Piano”.

Governo fatto. Nello Musumeci ha la sua squadra. Il presidente della Regione siciliana, proclamato 11 giorni fa in Corte d’appello a Palermo, ha trovato i nomi.

Nel frattempo Patrizia Monterosso ha salutato il personale di Palazzo d’Orleans: il segretario generale della Regione è in uscita dopo avere ricoperto l’incarico coi governi Lombardo e Crocetta. Al suo posto è in arrivo Maria Mattarella, al momento responsabile dell’ufficio legale e legislativo della Presidenza. Il governatore Nello Musumeci ha scelto lei per l’incarico più alto della burocrazia della Regione. La nomina è al vaglio della giunta, appena riunita dal presidente Musumeci.

Questa la composizione del Governo Musumeci:

Gaetano Armao (Ind.) Avvocato, Docente universitario.
Delega: Vicepresidenza, Economia.

Edgardo Bandiera (Forza Italia) Agronomo.
Delega: Agricoltura, Sviluppo rurale e Pesca mediterranea.

Salvatore Cordaro (Popolari e Autonomisti) Avvocato.
Delega: Territorio e Ambiente.

Marco Falcone (Forza Italia) Avvocato.
Delega: Infrastrutture e Mobilità.

Vincenzo Figuccia (Udc) Dottore in Scienze Politiche.
Delega: Energia e Servizi di pubblica utilità.

Bernadette Grasso (Forza Italia) Avvocato.
Delega: Autonomie locali e Funzione pubblica.

Mariella Ippolito (Popolari e Autonomisti) Farmacista, Presidente dell’Ordine dei farmacisti della Provincia di Caltanissetta, Presidente provinciale di Federfarma.
Delega: Famiglia, Politiche sociali e Lavoro.

Roberto Lagalla (Idea Sicilia) Docente universitario.
Delega: Istruzione e Formazione professionale.

Sandro Pappalardo (Fratelli d’Italia – Noi con Salvini) Dottore in Scienze Politiche, Ten. col. dell’Esercito, vicepresidente del Cocer (Consiglio centrale di rappresentanza militare).
Delega: Turismo, Sport e Spettacolo.

Ruggero Razza (Diventerà Bellissima) Avvocato penalista.
Delega: Salute.

Vittorio Sgarbi (Indipendente) Dottore in Filosofia, critico d’arte.
Delega: Beni culturali e Identità siciliana

Girolamo Turano (UDC) Avvocato.
Delega: Attività produttive.

Nessun esponente per la Lega e conseguenti malumori. Il partito di Salvini aveva chiesto un riconoscimento per il risultato elettorale, ma alla fine nel governo è entrato Sandro Pappalardo, esponente di Fratelli d’Italia, il partito della Meloni con cui Noi con Salvini aveva fatto lista comune alle regionali, superando lo sbarramento del 5%, che ha permesso l’elezione all’Assemblea del leghista Tony Rizzotto. Il parlamentare andrà ora al gruppo Misto.

Postato in In evidenza, PALERMO, PoliticaCommenti (0)

SICILIA – Ore 9.44 Nello Musumeci é proclamato presidente della Regione


“Verificata la validità dei verbali e la consistenza elettorale la Corte d’Appello di Palermo dichiara eletto presidente della Regione il candidato che ha riportato il maggior numero di voti Nello Musumeci.  Dichiara altresi eletto deputato regionale il candidato presidente della lista numero 1 che ha ottenuto il secondo maggior numero di voti Giancarlo Cancelleri del Movimento 5 stelle”.

Con il pronunciamento della formula di rito nell’aula magna del palazzo di giustizia di Palermo nel corso di una udienza durata appena 15 minuti é avvenuta la proclamazione del nuovo presente della Regione.

Musumeci ha ringraziato e si é poi allontanato con difficoltà fra saluti, baci e abbracci. Di rito le sue prime dichiarazioni. Il presidente della Regione é ora atteso a Palazzo d’Orleans per il passaggio di consegne con il presidente uscente Rosario Crocetta e l’insediamento ufficiale con il quale prenderà possesso di Palazzo d’Orleans per i prossimi 5 anni

 

 

Postato in Eventi, In evidenza, PALERMO, PoliticaCommenti (0)

REGIONE – Musumeci:”Nessun toto-nomine, decido io sulla giunta”


“Leggo, con qualche stupore, i resoconti di stampa sul toto-nomine per la giunta di governo e i ruoli della burocrazia regionale. È uno sport che non mi appassiona perché alimenta la convinzione che nulla sia cambiato. Poiché non è così, desidero informare i colleghi della stampa che il nostro metodo di lavoro sarà improntato ad una effettiva discontinuità, nei comportamenti e nei toni, con il recente passato”. Lo afferma Nello Musumeci, governatore eletto della Sicilia. “Incontrerò le forze politiche della maggioranza – aggiunge – e raccoglierò ogni indicazione nel rispetto del ruolo di ciascuno, quindi, adotterò le decisioni che riterrò più giuste e, finalmente, inizieremo a lavorare”. La prossima settimana la maggioranza si incontrerà per giunta e composizione organismi dell’Ars, compresi ufficio di presidenza di Palazzo dei Normanni e commissioni parlamentari. Prenderanno parte i dirigenti di Fi, Udc, Popolari e autonomisti, Fratelli d’Italia, DiventeràBellissima e della Lega di Salvini.

 

 

Postato in In evidenza, PoliticaCommenti (0)

REGIONE- Massimo Russo in pole come segretario generale al posto della Monterosso


E’ Massimo Russo l’uomo al quale Nello Musumeci ha progettato di affidare la burocrazia regionale. All’ex assessore alla Sanità nel governo Lombardo, oggi tornato nei ranghi della magistratura, è già arrivata la proposta di assumere l’incarico di nuovo segretario generale di Palzzo d’Orleans. Una poltrona, questa, da sette anni affidata a Patrizia Monterosso che, in caso di elezioni a Presidente dell’Ars  potrebbe chiamarla nella gestione della burocrazia parlamentare.  

Postato in In evidenza, PoliticaCommenti (0)

REGIONE – 11 mln ai disabili gravi senza sostegno familiare


La Regione ha assegnato 11 milioni di euro ai disabili gravi privi del sostegno familiare. L’assessore regionale alle politiche sociali, Carmencita Mangano, ha firmato il decreto relativo al programma cosiddetto “Dopo di Noi”. Il provvedimento stabilisce l’assegnazione dei fondi e l’approvazione degli indirizzi operativi per garantire una effettiva continuità nel percorso di vita delle persone con disabilità grave, anche dopo il venir meno del sostegno dei genitori. In particolare, ai 55 distretti socio-sanitari della Sicilia, sono ripartite le risorse 2016 (7,74 milioni di euro) e 2017 (3,29 milioni) del “Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare”. Le risorse a disposizione potranno servire per accedere a tirocini formativi, a finanziare programmi e interventi innovativi di assistenza.

 

Postato in Cronaca, PALERMOCommenti (0)

REGIONE – Al via la stabilizzazione di 5 mila precari [VD TG]


E’ stata pubblicata sul sito del Dipartimento Lavoro la circolare esplicativa della normativa regionale che disciplina il percorso di stabilizzazione del personale ASU. Entro il prossimo 8 novembre, i lavoratori impiegati nelle attività socialmente utili dovranno presentare l’istanza per l’inserimento nella «sezione esuberi» all’interno dell’elenco unico regionale, istituita per agevolare lo svuotamento del bacino ASU.

Questa scadenza assume un significato particolare perché vengono sollecitati gli enti ad aggiornare, come per la legge, il proprio piano di stabilizzazione per la futura contrattualizzazione dei precari. “Nei centri per l’Impiego – ha detto l’assessore della Famiglia, Carmencita Mangano – saranno attivati degli sportelli informativi e, allo stesso tempo, promuoveremo i tavoli di concertazione con le parti sociali. Lo scopo è di assistere i precari, destinatari delle misure, e gli enti per la redazione del programma di fuoriuscita in maniera da valorizzare le loro competenze garantendo lo sbocco occupazionale. Da oltre 15 anni queste persone partecipano alla vita amministrativa degli enti e finalmente hanno ricevuto la risposta alle loro legittime aspettative. Nella circolare ci siamo preoccupati di tutelare anche quei lavoratori che sono in attesa di conoscere la loro nuova destinazione. In questo caso continueranno a lavorare nel vecchio ente e percepiranno l’assegno ASU fino a quando non otterranno il trasferimento».

Il Dipartimento Lavoro, decorsi i termini, acquisite le domande dei lavoratori e verificati i programmi di fuoriuscita dal bacino ASU redatti dagli enti, provvederà a pubblicare l’elenco dei soggetti da inserire nella sezione degli esuberi. Un passaggio indispensabile affinché il Dipartimento proceda, nel rispetto della normativa vigente, a individuare le nuove pubbliche amministrazioni, o le società a capitale pubblico, interessate a implementare i propri servizi di competenza istituzionale. La normativa regionale, per agevolare il percorso di sbocco occupazionale, riconoscerà a tutti gli enti un contributo pari all’importo dell’assegno di utilizzazione in ASU per ogni precario che verrà contrattualizzato a tempo indeterminato.

Postato in Cronaca, Economia, In evidenza, VideoCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

STATISTICHE

Site Info

TRS98