AGRIGENTO – Report consiglio comunale del 23 febbraio

Il Consiglio comunale, nel corso della seduta di ieri sera, ha approvato ad unanimità due atti di indirizzo. Il primo provvedimento, a firma del consigliere Burgio, riguarda la mancata metanizzazione nella frazione di San Michele che “penalizza gli abitanti della frazione che ad oggi non sono in condizione di potere fruire di questo essenziale ed importante servizio”. Con l’approvazione dell’atto si chiede all’Amministrazione comunale di “avviare urgentemente le procedure per la realizzazione della rete di metanizzazione a servizio dei cittadini residenti nella frazione di San Michele”; su richiesta del consigliere Cirino, l’atto di indirizzo è stato integrato con la dicitura “e per le altre zone per le quali sono o saranno avanzate richieste da parte dei cittadini”. Prima della votazione, il consigliere Vella, ha evidenziato il mancato adempimento, da parte dell’Amministrazione, alle richieste di verifica ed accertamento avanzate dallo stesso e dal competente assessorato regionale per quanto attiene agli “oneri per l’occupazione del sottosuolo comunale versati e da versare da parte dell’ente gestore del servizio di distribuzione del gas metano”. Il citato consigliere, viste le inadempienze, ha preannunciato l’imminente commissariamento del Comune; subito dopo la votazione, il consigliere Di Rosa, ha presentato l’atto di indirizzo sulla gestione, nel territorio comunale, del servizio di accertamento e riscossione dell’imposta comunale sulla pubblicità, dei diritti sulle pubbliche affissioni e della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche temporanea e permanente. Il citato consigliere, nel relazionare all’Aula, ha sottolineato che “la ditta incaricata del servizio viene meno palesemente a molteplici punti del capitolato d’oneri” aggiungendo che “in molti tabelloni pubblicitari non è presente la targhetta metallica identificativa e molti sono installati in difformità alle norme del codice della strada e alle norme edilizie”. Con l’atto si chiede all’Amministrazione di “volere attivare le procedure che portano all’azzeramento delle licenze rilasciate per l’installazione degli impianti pubblicitari anche in relazione agli ultimi eventi giudiziari che hanno riguardato l’Ufficio tecnico comunale. Di volere intimare al concessionario il rispetto del capitolato d’oneri e di volere disporre controlli sulle autorizzazioni rilasciate per “impianti mobili”. Subito dopo la votazione, il presidente Alfano, ha chiesto un aggiornamento della seduta in modo da permettere, dopo una apposita riunione dei capi gruppo consiliari, l’inserimento di nuovi punti all’ordine del giorno. Tale richiesta è stata votata ad unanimità.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.