LEGA PRO – Il Catanzaro supera l’Akragas al 90′ con gol di Giovinco [VIDEO]

Dopo la vittoria di rimonta nel derby contro il Catania, l’Akragas voleva proseguire il suo cammino verso la salvezza con la continuità di risultati. Invece, viene beffata all’ultimo respiro al 90′ da un gol di Giuseppe Giovinco che consente ai calabresi di raggiungere a quota 24 punti proprio i biancoazzurri.

Gioco spezzettato nella prime fase del match: molti falli, poco gioco. La pressione giallorossa  diventa più continua nella seconda metà del tempo con poche eccezioni. Una di queste, alla mezz’ora la punizione dal limite di Longo, pallone che finisce sopra la traversa. Nel finale Catanzaro ancora volenteroso ma la porta sembra stregata fino al guizzo decisivo a tempo quasi scaduto. Calcio di punizione di Icardi, respinta  di Pane, Giovinco è pronto a battere a rete. Il portiere Pane protesta per una presunta carica e si becca un secondo giallo che lascia la sua squadra in dieci per gli ultimi minuti. Per il Catanzaro il gol partita, che vale tre punti e una iniezione di autostima non indifferente. 

CATANZARO-AKRAGAS 1-0 

Marcatore: 44′ st Giovinco

CATANZARO (4-3-1-2) : De Lucia; Pasqualoni, Prestia, Sirri, Esposito (34’st Sabato); Icardi, Carcione, Zanini (18’st Maita); Giovinco; Basrak(7’st Cunzi) , Gomez. A disposizione: Svedkauskas, Pagano, Mancosu, Bensaja, Cedric, Van Ransbeeck, Imperiale, Rizzitano All. Erra.

AKRAGAS (3-5-2): Pane; Riggio, Mileto, Sepe;  Bramati, Palmiero, Pezzella (45’st Addario), Coppola, Longo;  Salvemini (34’st Russo), Cochis (20’st Klaric). A disposizione: Addario, Laveque, Caternicchia, Privitera, Petrucci, Thiago Cazè, Cocuzza,  Tardo, Russo, Rotulo All: Di Napoli.

Arbitro: Cipriani di Empoli. Assistenti: Urselli di Taranto e Pappagallo di Molfetta

Note: Pomeriggio freddo e piuttosto ventilato. Spettatori inclusi abbonati 1756 (1038 paganti per un incasso di 8434 euro) Ammonito Sirri, Bramati, Pezzella, Palmiero, Mileto, Pane, Giovinco, Espluso Pane al 44’st Recupero 4 e 5′

 

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.