Tele Studio98

la forza dell'innovazione

Sicilia, quasi due milioni al voto

Nella tornata elettorale sono coinvolti 147 comuni in tutto, tra cui tra capoluoghi di provincia. Nella principale città siciliana la sfida coinvolge undici candidati, a Trapani sono in sette, ad Agrigento in cinque, compreso l'uscente Marco Zambuto

Si vota. Dopo migliaia di comunicati e decine di confronti pubblici tra aspiranti sindaci, le strade di 147 Comuni inondate di facsimile, qualche auto posteggiata con il faccione adesivo del candidato: si va alle urne per eleggere sindaci e consigli comunali siciliani. Le sezioni resteranno aperte oggi, dalle 8 alle 22, e lunedì, dalle 7 alle 15. Lo scrutinio inizierà subito dopo la chiusura dei seggi. Gli elettori dei 147 comuni sono 1.871.422 (969.204 donne).

 

Tre i capoluoghi di provincia coinvolti: Palermo, Trapani e Agrigento. Nei 22 comuni dove si voterà con il sistema elettorale proporzionale, l’eventuale turno di ballottaggio si terrà il 20 e 21 maggio. Nei comuni coinvolti, i candidati a sindaco sono 459, tra cui 52 donne e 59 uscenti. I consiglieri comunali da eleggere sono 2.387 con 14.749 candidati (divisi in 741 liste), di cui 4.600 donne. Le sezioni elettorali costituite sono 2.071. Si vota anche in 8 circoscrizioni a Palermo e in quelle di: Nicosia (Villadoro), Villarosa (Villapriolo), Lipari (Vulcano, Panarea, Stromboli e Filicudi-Alicudi).

 

Anche se i leader nazionali dicono di non dare una valenza politica al voto, in Sicilia si misurano invece diverse forze e alleanze. Si affaccia per la prima competizione elettorale il movimento Grande Sud di Gianfranco Miccichè‚ che dovrà soppesare le proprie percentuali; mentre guarderà con attenzione i voti Raffaele Lombardo, leader del Movimento per l’autonomia, alleato col Pd alla Regione contrapposto ai democratici nel voto al comune di Palermo e su cui domina la vicenda giudiziaria che molto probabilmente lo vedrà a giudizio per concorso in associazione mafiosa e voto di scambio.

 

Riflettori puntati anche sul Movimento cinque stelle che non ha esponenti che ricoprono cariche in Sicilia. I grillini potrebbero approfittare del malcontento verso i vecchi partiti e
delle spaccature nell’area del centrosinistra. A Trapani gli aspiranti sindaci sono 7 mentre, ad Agrigento cinque tra cui l’uscente Marco Zambuto sfidato da Totò Pennica, Mariella Lo Bello, Giusepep Arnone e Giampiero Carta.

About The Author

Condividi