AGRIGENTO – Consiglio comunale rinviato al 12 febbraio[FOTO SEDUTA]

La seduta del tanto atteso consiglio comunale, inizia alle ore 18.06, parecchie le assenze. Sono 22 i presenti. Il Presidente del Consiglio, Carmelo Settembrino invita il pubblico di mantenere il silenzio. Prelevate le carte dei punti all’ordine del giorno dall’autorità giudiziaria rispetto alle linee guida. Questi punti non potranno essere trattati, come inizialmente supposto.Settembrino comunica che sono state sequestrate anche le carte concernenti le dimissioni dei consiglieri Saeva, Messina e Amato.

A prendere la parola per primo è l’ex Presidente del Consiglio, Aurelio Trupia. Nel giugno del 2012 l’ultima volta che questa aula era così piena.  Ma avrei voluto che la presenza della città fosse stata costante per mostrare quanto questo Consiglio comunale ha fatto. In questi giorni di risveglio della  coscienza dalla gente, mi spiace che manchi una Giunta, perché avrebbero potuto vedere effetti di politica degli ultimi 30 anni. Non siamo il male della città. È effetto di atti e azioni sedimentate in questi anni. Infine,Trupia rimarca  la mancanza di serenità per continuare. La manifestazione ha determinato rottura nella fiducia tra cittadini e Consiglio comunale e rassegna le dimissioni.

il Segretario generale Inglima pone interrogativi sulle surroghe e sulla possibilità di continuare la seduta. Il consigliere Urso chiede che si voti sulla prosecuzione dei lavori, il quadro normativo è incerto. Tutto si è bloccato a causa del fatto che la magistratura ha sequestrato gli atti riguardanti la surroga dei consiglieri che dovrebbero subentrare ai dimissionari, impedendo quindi il subentro.

A votare si sono in 20 e i lavori proseguono.Si parla di tariffe taxi. La folla inizia a contestare il Consiglio comunale e il consigliere Di Rosa. Due persone vengono identificate e  allontanate. Settembrino chiede lo sgombero dell’aula del pubblico e chiama i vigili ad intervenire. Approvato L’emendamento sulle tariffe taxi. Di Rosa chiede la presenza dei dirigenti.

Si discute del regolamento sulle biblioteche, risalente all’estate del 2014. Prende la parola il dirigente Luigi Ruoppolo che legge la proposta di modifica, che prevede l’inserimento di nuovi servizi (rete wi-fi, tra tutte). Con 20 voti favorevoli viene approvato il regolamento biblioteche.

Si parla ancora di biblioteche. La proposta riguarda l’installazione di postazioni internet. Si vota: 21 presenti, 21 favorevoli. Approvato il regolamento biblioteche. Si discute per l’inserimento di due fermate del bus nelle zone Caos e Maddalusa.Prende la parola il consigliere Michele Mallia che chiede alla commissario di intervenire per il  ripristino delle fermate. Non ci possono essere cittadini di serie A e serie Z. Il consigliere Di Rosa chiede di inserire anche via Farag come ripristino fermata e pronta a votare favorevolmente. I consiglieri Gramaglia e Vita propongono inserimento fermate a via Farag e a Zingarello.
22 presenti, 22 favorevoli. Approvata.“

Si inizia la discussione sul regolamento presentato nel maggio 2014 sulla consulta delle associazioni i volontariato. Il regolamento viee approvato con 17 presenti e 17 voti favorevoli.

Si discute la revoca dell’affidamento dell’ex caserma dei Vigili del Fuoco al distretto turistico. Interviene Sollano: “Paghiamo migliaia di euro di fitti passivi, mancano le aule scolastiche, posti per bambini disabili. La commissione si è occupata di questi temi, abbiamo lavorato solo nell’interesse della città”. A seguire Gramaglia. “Questo stabile può servire ad altro, forse per la campagna elettorale. Firetto è presidente del Consorzio”. : Vassallo : “Fatto ancora più grave di questo è l’affidamento dei locali di Santa Marta”.Il Consiglio approva l’atto di indirizzo per la rescissione dell’affidamento dell’ex caserma dei Vigili del fuoco.
Si vota la proposta di revoca della concessione d’uso dei locali dell’ex caserma dei vigili del fuoco del viale della vittoria al Distretto turistico: 21 presenti, 21 favorevoli. Atto di indirizzo approvato.“

Inizia la discussione del programma costruttivo per la realizzazione di 154 alloggi sociali, per conto della Società “Li. Co. S.r.l.”; società cooperativa edilizia “Giovanni Falcone”; società cooperativa edilizia “Edil Casa” da realizzarsi in contrada Palmentelle-Fontanelle, ad Agrigento.
Si dà lettura dei nomi dei proprietari dei terreni e delle persone interessate al progetto di costruzione. Il segretario ha infatti ricordato che i consiglieri che eventualmente abbiano legami di parentela fino al quarto grado con i proprietari devono astenersi per legge.
Non si trova la visura camerale di una delle ditte. Il consigliere Vassallo: “O l’architetto afferma che c’è un unico socio o ci dice i nomi. Perché devo sapere se ci sono parentele con me o altri consiglieri”.

Mallia: “Sono esterrefatto. Non capisco cosa dobbiamo fare noi. Perché questi elaborati in Consiglio comunale? Il Comune di Agrigento è dotato di un ufficio espropriazioni? E’ stato attivato? Cosa deve approvare questo Consiglio? Un piano costruttivo già approvato nel 2008? O c’è altro?“.“

Alessandro Patti: “Ho un rapporto di lavoro con una delle persone che hanno a che fare con il progetto. Lascio l’aula“.“
Mandracchia: “Per incompatibilità lascio l’aula“.

Sollano: “Non sapevo di avere tutti questi parenti tra i proprietari terrieri. Lascio l’aula per incompatibilità“.

L’imprenditore Li Causi dal pubblico: “Il Comune è in possesso della visura camerale.

Di Rosa: “Aspettiamo i dirigenti, nessun problema. Ma questo punto dev’essere discusso stasera“.

L’ingegnere Principato dell’Ufficio tecnico: “Non ho come andare a cercare questo foglio, non ho nemmeno le chiavi“. Di Rosa e Vassallo: “Siamo disposti ad aspettare. Chiamiamo gli usceri“.  

La seduta viene sospesa per permettere agli uffici di trovare il documento mancante.

Il consiglio comunale viene sospeso alle ore 21.15 e riprende alle ore 22.30

Il consigliere comunale Giuseppe Di Rosa, nonchè Vice Presidente del Consiglio si dice pronto ad occupare l’aula qualora si decidesse di rinviare il consiglio a data da destinarsi. Accetto soltanto se viene rinviato a domani mattina.“Occuperò l’aula perché domattina ci vuole il camerale necessario a conoscere i dettagli del piano costruttivo”.

Urso: “Il Comune di Agrigento è esonerato da eventuali responsabilità rispetto agli espropri?

Gibilaro: “Si chiarisca esattamente cosa andremo a votare da parte della Presidenza e dei dirigenti”.Possiamo anche rinviare a domani mattina i lavori. Accantoniamo il punto finché non saremo in condizione di votare”.

Alle ore 23.08 Si vota il rinvio del punto, si passa al regolamento per la convivenza tra cittadini e animali.
Il consigliere Urso chiede la parola: “Manca il dirigente e questo Consiglio non può legiferare. Non riusciamo a votare, non riusciamo ad avere risposte. E voglio sapere il perché di questo. Bisognerebbe indignarsi sempre, non per il gettone di presenza“.

Con la bocciatura del primo dei cinque punti cruciali dell’ordine del
giorno del Consiglio comunale, ossia l’esame del programma costruttivo
per la realizzazione di 154 alloggi sociali, per conto della Società Li.
Co. S.r.l.; società cooperativa edilizia “Giovanni Falcone”, società
cooperativa edilizia “Edil Casa” da realizzarsi nella contrada
Palmentelle di Agrigento. Una bocciatura ostentata, sedici voti
contrari, due astenuti su diciotto presenti.

E’ stata questa la risposta dei “/ladri/” del gettone di presenza quasi
a voler significare che i veri ladri stanno altrove e si occupano di
affari da centinaia di migliaia di euro se non oltre. Le dimissioni di
massa dei consiglieri tali da far decadere il Consiglio comunale non ci
sono state solo per la semplice ragione che il Civico consesso deve
ancora compiere l’ultima missione: bocciare anche dopo attento esame le
prescrizioni esecutive del Prg che riguardano le zone “Città
istituzionale”, “Riviera Dune”, “Viale Cannatello”, “Mosè Mercato” e
“Cugno Sala”.

E per questo il Consiglio tornerà a riunirsi,giovedi prossimo, 12 febbraio, probabilmente per l’ultima
volta,forse,per la definitiva resa dei conti.

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.