AGRIGENTO – Spacciavano hashish alla villa Bonfiglio: arrestati 2 gambiani

Spaccio di hashish all’interno di villa Bonfiglio, sotto lo sguardo – attonito – di famiglie a passeggio con bambini e di adolescenti in giro per la camminata del sabato sera. Due i gambiani che sono stati arrestati, in flagranza di reato, dai carabinieri. Entrambi sono stati portati in carcere. 

I carabinieri della compagnia di Agrigento, impegnati per i controlli anti-assembramento lungo il viale Della Vittoria, hanno notato degli strani movimenti nei pressi e all’interno della villa Bonfiglio. Mentre le famiglie passeggiavano, tenendo per mano i bambini, e i giovani fra una chiacchiera e l’altra si avvicinavano ai locali tipici della movida, i carabinieri hanno visto un sospetto andirivieni da due giovani extracomunitari. L’idea – poi confermata – è stata quella che stessero spacciando. Mentre i due immigrati erano assieme a dei ventenni agrigentini è scattato il controllo mirato e i due, appunto, sono stati arrestati in flagranza di reato. L’ipotesi contestata è detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Nelle tasche, i due sono stati trovati con una dose di hashish ciascuno. Ma avevano anche 500 euro in contanti. I due giovani agrigentini, la cui compravendita è praticamente saltata, sono stati segnalati alla Prefettura di Agrigento quali consumatori abituali di droghe. I due gambiani di 20 e 22 anni, entrambi risultati regolari sul territorio italiano, ma senza fissa dimora, dopo le formalità di rito sono stati accompagnati – su disposizione del sostituto procuratore di turno – alla casa circondariale “Pasquale Di Lorenzo” dove dovranno restare, a disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa dell’udienza di convalida che verosimilmente si terrà nella giornata di oggi.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.