ASP AGRIGENTO – “Utic Canicattì non è a rischio”

Come pubblicato ieri, il deputato regionale Giovanni Panepinto si è rivolto all’ assessore alla Sanità Gucciardi affinchè si scongiuri la paventata chiusura della terapia intensiva al reparto Cardiologia dell’ ospedale di Canicattì nell’ ambito della revisione della rete ospedaliera. Oggi in proposito interviene l’ Azienda sanitaria provinciale di Agrigento tramite il direttore Lucio Ficarra (nella foto), che rassicura : “La terapia intensiva di Cardiologia a Canicattì non è a rischio. Si sta procedendo alla correzione di un mero refuso a causa del quale l’unità del nosocomio canicattinese non figurava nei quadri sinottici che rimodulano la rete ospedaliera siciliana. E’ forse dunque per effetto di questo refuso che dunque s’è scatenato il dubbio sulla paventata chiusura. Infatti, non è stato disposto nessun provvedimento di chiusura di un reparto che, con 14 posti letto ed un’attività che va avanti da circa 15 anni, continuerà ad erogare con regolarità le peculiari prestazioni sanitarie”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.