SCIACCA – Canoni di depurazione in bolletta indagati i vertici di Girgenti Acque

Dovranno rispondere di truffa aggravata davanti al Tribunale di Sciacca (Agrigento) i vertici di “Girgenti acque”, la società che gestisce gli impianti idrici sul territorio provinciale.

Il procuratore Roberta Buzzolani e il sostituto Carlo Boranga hanno firmato un atto di citazione diretta in giudizio, notificato al presidente Marco Campione e al direttore generale Giandomenico Ponzo. Il processo inizierà il prossimo 13 giugno.

L’inchiesta verte sui canoni di depurazione caricati nelle bollette di utenti non serviti da alcun impianto. Sono almeno 150 le persone, residenti in contrada Ferraro, che secondo i magistrati avrebbero pagato negli ultimi tre anni somme non erano dovute, per una cifra calcolata in circa 50 mila euro. Le indagini sono scaturite da alcuni esposti presentati in Procura.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.