SICILIA – Scandalo cassa integrazione, meno di un ventesimo le pratiche esaminate. Convocato il personale

E’ uno scandalo che suscita indignazione il passo da lumaca della Regione siciliana nell’istruttoria delle richieste delle indennità di Cassa integrazione in deroga, in applicazione delle norme del decreto Cura-Italia.

Su oltre 37 mila pratiche, per un totale di 138 mila lavoratori, quelle esaminate sono solo 1788. L’assessore regionale Scavone annuncia un’indagine interna e da lunedì almeno la metà del personale che si occupa di questo settore, con le opportune rotazioni, dovrà presentarsi in ufficio. Lo annuncia il dirigente generale Giovanni Vindigni, vittoriese, in un documento trasmesso ai sindacati di categoria, con via libera al lavoro straordinario e ai turni aggiuntivi, su base volontaria, il sabato e la domenica. Al personale saranno fornite mascherine e guanti e saranno previste misure anti contagio.

I lavoratori in attesa sono circa 135mila: la settimana scorsa Scavone aveva promesso che si sarebbe raggiunta quota 1.400 pratiche analizzate già entro domenica, mentre da questa settimana si sarebbe dovuto procedure al ritmo di 2.000-2.500 pratiche al giorno. L’obiettivo è stato miseramente fallito.

Tra le cause anche un sistema informatico non all’altezza, combinato però con una produttività inadeguata del personale: <<La piattaforma – spiega Nino Alessi, presidente dell’ordine dei Consulenti del lavoro – è troppo rigida, e basta un piccolo errore formale perché la pratica sia respinta. Tutte le altre regioni permettono di fare correzioni su aspetti formali in corso d’opera, qui per una svista si può bloccare tutto.

Condividi
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    8
    Shares
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.