STRAGE BORSELLINO – Diverse iniziative ad Agrigento

Agrigento ricorda oggi Paolo Borsellino e i cinque componenti della scorta uccisi 29 anni fa nell’attentato di via D’Amelio. Fitto il programma delle iniziative nella Città dei Templi.

Nell’atrio del teatro Pirandello “Pippo Montalbano”, alle ore 18:30, la Cgil ha organizzato un dibattito. Più nel dettaglio, insieme a Alfonso Buscemi segretario provinciale della Cgil, interverranno il sindaco Francesco Miccichè, l’Arcivescovo Alessandro Damiano, il Prefetto Maria Rita Cocciufa, il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio, il giornalista Attilio Bolzoni, il magistrato Alfonso Sabella, il segretario della Cgil Sicilia, Alfio Mannino e, in collegamento video, il segretario nazionale della Cgil, Maurizio Landini.

Sempre ad Agrigento, in occasione dell’anniversario della strage di via D’Amelio contro il giudice Paolo Borsellino, l’Anm, l’Associazione nazionale magistrati di Agrigento, presieduta da Silvia Capitano, ha organizzato nella Valle dei Templi, al tempio di Giunone, un’iniziativa intitolata “57 giorni, conversazioni in ricordo delle vittime della strage di via d’Amelio”. Ospiti e relatori saranno il Sostituto Procuratore della Direzione Nazionale Antimafia Domenico Gozzo, il Procuratore della Repubblica di Agrigento Luigi Patronaggio, l’Avvocato Silvio Miceli del Foro di Agrigento ed il Direttore dell’associazione Strada degli Scrittori, Felice Cavallaro. La commemorazione, a cui parteciperà anche l’artista musicale Salvatore Nocera Bracco, è svolta con il patrocinio gratuito dell’Ente Parco Valle dei Templi e con la collaborazione dell’Associazione Strada degli Scrittori e dell’Ordine degli Avvocati di Agrigento. L’ingresso al pubblico è gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.