In fila per sbarcare a Messina. Assalto respinto?

Notte di tensione a Messina, con le auto in fila per sbarcare in Sicilia. A lanciare l’allarme è stato il governatore Nello Musumeci. “Mi segnalano appena adesso che a Messina stanno sbarcando dalla Calabria molte persone non autorizzate – ha scritto Musumeci su Facebook – Non è possibile e non accetto che questo accada. Ho chiesto al prefetto di intervenire immediatamente. C’è un decreto del ministro delle Infrastrutture e del ministro della Salute che lo impedisce. Pretendo che quell’ordine venga rispettato e che vengano effettuati maggiori controlli alla partenza. Il governo nazionale intervenga perché noi siciliani non siamo carne da macello“.

Poi è lo stesso Musumeci a lanciare un nuovo messaggio, stavolta dai toni distensivi: “Ho appena avuto conferma dalla prefettura di Messina che saranno ulteriormente intensificati i controlli sullo Stretto Possono passare, alla luce del provvedimento nazionale, solo i pendolari che svolgono servizio pubblico, come sanitari, forze armate e di polizia. Basta. Stiamo facendo sacrifici enormi e bisogna dare certezze a tutti i cittadini che questa fase è seguita con impegno”.

Resta da capire se davvero siano stati fatti tutti i controlli, se sia stato un rientro di soli soggetti autorizzati. La chiusura delle fabbriche al Nord e le nuove restrizioni hanno fatto esplodere di nuovo il rischio di una ulteriore ‘fuga’ verso il Sud. Per questo il ministro della Salute e il ministro dell’Interno hanno adottato una nuova ordinanza per impedire gli spostamenti in un Comune diverso da quello in cui ci si trova: poco dopo, alcuni passeggeri diretti verso il Sud Italia. Ieri pomeriggio alcune persone sono state respinte alla stazione di Milano. Poi la notte di tensione a Milano.

Da quel che si apprende, agli altri automobilisti sarebbe stato impedito lo sbarco e il transito. Non si ha conferma della presenza dell’esercito, ma di un rafforzamento dei controlli da parte delle Forze dell’ordine.

Condividi
  • 16
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    16
    Shares
  • 16
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.