PALMA DI MONTECHIARO – “Minacciò il genero con una pistola”, arrestato Luigi Bracco

Torna in carcere Luigi Bracco, il palmese che la scorsa settimana è stato rinviato a giudizio, insieme al figlio, con l’accusa di avere ferito, a colpi di pistola, il genero Epifanio Cammarata.

Per un altro episodio, registrato nel luglio del 2015, i pm Carlo Cinque ed Alessandro Macaluso, avevano chiesto l’arresto di Luigi Bracco. Secondo l’accusa l’uomo, nel mese di luglio del 2015, avrebbe minacciato il genero con una pistola. Il Gip Stefano Zammuto, però, aveva negato l”arresto del palmese. I pm avevano fatto ricorso ai giudici del tribunale del Riesame e questi ultimi avevano accolto la loro richiesta. A quel punto, però, l’indagato, assistito dall’avvocato Giovanni Castronovo, ha presentato ricorso in Cassazione. La vicenda davanti alla Suprema Corte si è conclusa ieri. La Cassazione ha confermato il provvedimento del Riesame, di fatto autorizzando l’arresto di Luigi Bracco. L’uomo, di conseguenza, è stato condotto prima in questura per gli accertamenti del caso e poi tradotto in carcere ad Agrigento. 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.