Tele Studio98

la forza dell'innovazione

Assemblea siciliana, giornata di test antidroga per i deputati

Il test anti-droga è su base volontaria.

Giornata di test anti-droga per i deputati regionali a Palazzo dei Normanni, sede dell’Assemblea siciliana.

A presentarsi per primi in infermeria stamani sono stati il presidente dell’Assemblea Gaetano Galvagno, che ha promosso l’iniziativa giunta al suo secondo anno, e i parlamentari Ismaele La Vardera (Sud chiama Nord) e Serafina Marchetta (Dc), dopo qualche ora si è sottoposto all’esame anche il capogruppo del Pd Michele Catanzaro.

Il test anti-droga è su base volontaria.
I parlamentari, fino alle 18 di oggi, vengono accolti da una equipe medica del dipartimento di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica dell’Università di Palermo. L’equipe è formata da dirigenti biologi dell’unità operativa complessa di medicina di laboratorio (direttore Marcello Ciaccio) e medici in formazione della scuola di specializzazione in igiene medicina preventiva e sanità pubblica (Direttore Alessandra Casuccio) dell’ Uoc di Epidemiologia (direttore Francesco Vitale) dell’Azienda ospedaliera universitaria Paolo Giaccone di Palermo. I sanitari raccolgono i dati personali, spiegano in cosa consiste l’esame, quindi prelevano il capello o una matrice pilifera. I campioni vengono suddivisi in due aliquote con appositi codici alfa numerici a garanzia della privacy; tutto viene sigillato davanti al parlamentare, il plico quindi viene trasportato in laboratorio per le indagini. In caso di positività il soggetto verrà sottoposto a un test di secondo livello, l’esito viene consegnare brevi mano.
    “Con questa iniziativa vogliamo essere quanto più trasparenti possibile – ha detto il presidente Galvagno poco prima di sottoporsi al test – E’ anche un modo per sensibilizzare l’opinione pubblica a non usare alcun tipo di sostanza stupefacente. Riteniamo che la politica debba essere assolutamente lontana dalle droghe, ognuno è libero poi di fare o meno il test. Ritengo che chiunque abbia una funzione pubblica dovrebbe fare questo test e mettersi a nudo davanti alla gente”.
    Sul rischio che possa calare il sospetto su quei parlamentari che decidano di non sottoporsi all’esame del capello, il presidente dell’Ars ha affermato: “Non significa che chi non fa il test faccia uso di droga, ma se accettasse di fare il test sarebbe meglio, no? Toglierebbe qualsiasi genere di sospetto”.

About The Author

Condividi