BAGHERIA – Il pizzo sui lavori pubblici, sequestro da 8 milioni al boss Raspanti

Beni per un valore complessivo di circa 8 milioni di euro sono stati sequestrati dal Nucleo investigativo dei Carabinieri di Palermo a Francesco Raspanti, 46 anni, arrestato nell’ambito dell’operazione “Reset”, attualmente ai domiciliari.

Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, su richiesta della Procura della Repubblica.

Raspanti è ritenuto dagli investigatori un esponente di spicco della mafia bagherese, finito in carcere nel 2014 con l’operazione Reset che portò in carcere 31 persone che imponevano il pizzo alle attività commerciali del comprensorio. Nel corso dell’operazione antimafia Francesco Raspanti era stato arrestato con l’accusa di estorsione aggravata. Secondo l’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Dino Petralia sarebbe emerso che insieme al fratello imponeva alle aziende aggiudicatarie degli appalti pubblici a Palermo (lavori del passante ferroviario) e Bagheria (lavori per la realizzazione di una Chiesa e di un parcheggio pubblico), di rifornirsi di materiale edile nelle loro aziende.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.