CAMPOBELLO DI LICATA – Dopo la condanna in Appello, Angelo Middioni ritorna in carcere

Mercoledì scorso, la Corte d’appello di Palermo – ribaltando la sentenza di assoluzione di primo grado – aveva condannato a 12 anni di reclusione Angelo Middioni, 42 anni, cugino del boss Giuseppe Falsone. I carabinieri della stazione di Campobello di Licata e quelli del reparto Operativo del comando provinciale di Agrigento, nelle ultime ore, lo hanno arrestato e portato alla casa circondariale di contrada Petrusa ad Agrigento.

Middioni – accusato dai collaboratori di giustizia Maurizio Di Gati e Giuseppe Sardino – è stato condannato perché sarebbe stato un affiliato alla “famiglia” mafiosa di Campobello, ma non aveva ruoli direttivi.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.