PALERMO – Cadavere carbonizzato trovato dentro un’auto in via Nina Siciliana, ipotesi suicidio [Vd Tg]

Ha telefonato al fratello alle 4.30. Ha detto che non ce la faceva più a vivere e che si sarebbe ucciso. Un uomo di 32 anni si è tolto la vita nel parcheggio di via Nina Siciliana a Palermo.

Al momento alla luce della telefonata la pista seguita dagli investigatori è quella del suicidio. L’uomo ha trovato l’auto parcheggiata da una donna che l’aveva lasciata lì la sera prima, Si sarebbe infilato dentro l’auto e si sarebbe dato fuoco.

La donna proprietaria dell’auto una Golf Volkswagen è del tutto estranea alla vicenda. L’auto era rimasta in panne. Ha lasciato lì l’auto ed è andata dalla figlia che aveva partorito a Villa Serena.

Il cadavere  all’interno della vettura carbonizzata in un parcheggio è stato trovato dalla polizia,  intorno alle 6 di mattina. Inizialmente sembrava un “semplice” incendio d’auto, come tanti ne avvengono nel capoluogo, ma i vigili del fuoco, una volta arrivati sul posto, si sono accorti che dentro quella vettura c’era un corpo carbonizzato. Accanto all’auto è stato trovato un accendino.

In via Nina Siciliana sono arrivati gli uomini della squadra mobile, insieme alla Scientifica, per i primi rilievi e con loro il medico legale.

L’uomo di 32 anni era andato via da casa. In questi mesi era depresso e stava male. L’ipotesi dell’omicidio sembra così affievolirsi. Resta in piedi l’ennesimo dramma della disperazione che si registra in città.

 

 

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.