Tag Archive | "ss 640"

RACALMUTO – Incidente ss 640: peggiora il bambino ferito


Il tragico incidente stradale di domenica pomeriggio sulla strada da Racalmuto per Canicattì. Ieri è stata restituita ai familiari la salma di Elena Giardina, la 38enne sposata e mamma di una bimba. Uno dei 5 feriti – il bambino di 11 anni – è stato trasferito dal “Barone Lombardo” di Canicattì, all’ospedale di Messina. Ha un brutto trauma cranico ed i medici del nosocomio canicattinese hanno preferito spostarlo in una struttura sanitaria meglio attrezzata. Gli altri quattro : mamma, papà ed i due figli di 7  e 4 anni – sono rimasti invece ricoverati.  Hanno delle brutte fratture e dei traumi. Nessuno di loro che erano sulla Renault Megane – è però, per fortuna, in pericolo di vita. Ieri, è stata , intanto – su disposizione del sostituto procuratore di turno Simona Faga, che sta coordinando il fascicolo di inchiesta, restituita alla disperazione della famiglia, la salma di Elena Giardina. La 38 enne di Canicattì non ce l’ha fatta. A causa delle ferite e dei traumi riportati nell’incidente che si è verificato domenica pomeriggio, lungo il vecchio tratto della statale 640 quasi all’altezza di Tenuta Roveto, la donna sposata e mamma di una bambina, è deceduta ancor prima di giungere in elisoccorso all’ospedale “ Sant’Elia” di Caltanissetta. Nelle prossime ore, la famiglia che ieri stava organizzando i funerali, le darà l’addio. Il fascicolo di inchiesta, avviato dalla Procura della Repubblica di Agrigento, per l’ipotesi di reato di omicidio colposo, resta aperto a carico di ignoti. I poliziotti della Polstrada intervenuti sul posto, da una prima ricostruzione sembrerebbero essere certi che una delle due vetture coinvolte abbia, aqll’improvviso invaso l’altra carreggiata.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, RACALMUTOCommenti (0)

RACALMUTO – Scontro tra auto lungo la vecchia 640: morta 38 enne


E’ arrivata priva di vita, all’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta, la trentottenne di Canicattì: Elena Giardina. La donna è rimasta vittima del gravissimo incidente stradale lungo il vecchio tracciato della statale 640, la Agrigento-Caltanissetta. L’impatto si è verificato fra Racalmuto e Canicattì, all’altezza della “Tenuta Roveto”.  

A scontrarsi, per cause ancora in corso di ricostruzione da parte della polizia Stradale del distaccamento di Canicattì, sono state due autovetture: una Ford Fiesta ed una Renault Megane. La Ford Fiesta, guidata dalla donna, è stata sventrata – a causa dell’impatto – lungo tutta la fiancata passeggero. 

Elena Giardina, sposata e madre di un figlio era commessa in un negozio del centro commerciale Le Vigne, aveva appena finito il turno di lavoro e stava tornando a casa. Ci sono anche 4 feriti, gli occupanti l’altra autovettura, una Renault Megane, guidata da un altro canicattinese D.C.,49 enne, che viaggiava in compagnia della sua famiglia Ricoverati all’ospedale Barone Lombardo di Canicattì, sono state diagnosticate  varie lesioni, ma nessuno verserebbe in pericolo di vita.

Sull’incidente è stata aperta un’indagine , con il coordinamento della Procura di Agrigento, e i mezzi sono stati posti sotto sequestro.  Unica certezza al momento è che nella zona imperversava la pioggia e l’asfalto era scivoloso.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, RACALMUTOCommenti (0)

SS 640 – Nuccia Palermo (Sicilia Futura) interviene in merito alla problematica sulla segnaletica equivoca


La vice segretaria provinciale di Sicilia Futura di Agrigento, Nuccia Palermo, segnala la condizione di estrema confusione, e di gravi disagi, che incombono sul crocevia della nuova statale 640 a ridosso di Agrigento, tra le contrade Petrusa e Consolida, dove la segnaletica non adeguata, e le deviazioni scriteriate, provocano ritardi ed errori di percorso, soprattutto, e ciò è ancora più grave, in direzione dell’ ospedale di Agrigento. Nuccia Palermo afferma : “Siamo consapevoli della competenza strettamente legata all’Anas ma ci preme sottolineare come sia fondamentale da parte dei Sindaci dei Comuni interessati, nello specifico Agrigento e Favara, intervenire e sollecitare l’ente competente al fine di risolvere il disservizio fino ad oggi presente. E’ inaccettabile che un pendolare o un agrigentino sia tradito da una segnaletica equivoca che ti induce ad allungare il tragitto di circa 12 chilometri. Nel frattempo, sarà nostra premura interrogare i vertici dell’Anas per conoscere le reali tempistiche entro le quali i primi 34 chilometri della statale 640 saranno realmente riaperti al traffico”.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

RACALMUTO – SS640, sbloccati 7 chilometri in contrada Zaccanello


Rispettato il calendario dei lavori lungo la statale 640 Agrigento – Caltanissetta. Adesso, come annunciato entro il 31 dicembre, è stato restituito al transito, in doppio senso di marcia, il tratto a ridosso di Racalmuto, in contrada Zaccanello, dal chilometro 10 al chilometro 17. Il senso unico alternato di marcia, regolato dai semafori, ha provocato nel corso delle settimane precedenti gravi difficoltà e ritardi alla circolazione. Al più presto, secondo le previsioni Anas, sarà restituito al transito il tratto della statale 640 dal viadotto Rocca Daniele, nei pressi dello svincolo per Favara ed Aragona Caldare, fino ad Agrigento contrada Petrusa.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, RACALMUTOCommenti (0)

SS 640 – Slitta l’apertura: entro il 31 dicembre l’Anas non ce la fa


Slittano i tempi per l’apertura al traffico della nuova statale 640. L’inaugurazione della strada a quattro corsie, due per senso di marcia più una di sosta, in territorio di Agrigento dal chilometro 9,880, il punto da dove praticamente avrà inizio la nuova statale per Caltanissetta, era prevista entro il 31 dicembre considerata l’assenza di ostacoli, cosi come avevano precisato dall’Anas regionale.

Stando ad una comunicato dell’Anas emesso il 6 ottobre scorso, il ripristino della viabilità doveva avvenire nella giornata del 12 dicembre ovvero l’altro ieri. In questo caso, per il ripristino della viabilità senza più disagi causati dalle deviazioni, bisognerà attendere qualche altra settimana. Secondo l’ufficio stampa dell’Anas regionale, tra Natale e Capodanno la circolazione in questo tratto della nuova 640 dovrebbe, finalmente, tornare normale. Da oltre due mesi il traffico è deviato sulla provinciale 3 per Favara e sulle statali 122 e 189.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

CANICATTI’ – Seconda rapina in 24 ore, vittima un benzinaio


Seconda rapina nel giro di 24 ore a Canicattì ai danni di un distributore di benzina lungo la strada di collegamento con la 640. Un malvivente con il volto travisato , sabato ha fatto irruzione nell’impianto e armato di fucile si è fatto dare dall’impiegato l’incasso. Venerdi sera, sempre lo stesso impianto, era stato “visitato” da tre banditi che avevano messo a segno un altro colpo.

 

 

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

ANAS – Il nuovo viadotto “Gasena” della strada statale 640 “di Porto Empedocle” intitolato al magistrato Rosario Livatino [FOTO]


Si è svolta questa mattina sulla strada statale 640 “di Porto Empedocle” la cerimonia di intitolazione del nuovo viadotto, già noto con il nome “Gasena”, al magistrato Rosario Livatino, ucciso in un agguato mafioso il 21 settembre del 1990.

In occasione del 26° anniversario della sua morte, Anas ha voluto rendere omaggio al giovane magistrato che fu ucciso mentre percorreva in auto un tratto della SS 640.

All’incontro hanno preso parte, tra gli altri, Nicola Diomede, Prefetto di Agrigento, Lillo Firetto, Sindaco di Agrigento, Ettore Di Ventura, Sindaco di Canicattì, Francesca Moraci, Consigliere d’Amministrazione di Anas, Eutimio Mucilli, Direttore Regionale di Anas in Sicilia, Ettore de la Grennelais, dirigente tecnico nuove costruzioni della direzione regionale, Mario Avagliano, Responsabile Relazioni Esterne di Anas ed i rappresentanti delle Associazioni “Amici del Giudice Rosario Angelo Livatino” e “Tecnopolis”.

“Anas ha portato avanti con grande entusiasmo l’iniziativa di intitolare un viadotto al Giudice Rosario Livatino che offre un importante contributo alla diffusione dei valori fondati sul contrasto ad ogni forma di illegalità”. Lo ha dichiarato Francesca Moraci, Consigliere d’Amministrazione di Anas, che nell’occasione ha ricordato che: “Anas è in prima linea nel contrasto alle infiltrazioni della criminalità organizzata. Siamo quotidianamente impegnati nell’esecuzione di progetti impegnativi, caratterizzati spesso da elevati fabbisogni finanziari, come la nuova SS640. La chiave di volta è l’attento monitoraggio delle operazioni legate ai cantieri e la completa trasparenza, chiarezza e tracciabilità degli atti amministrativi ad esse legate. Tutti aspetti regolati con Protocolli di legalità tra Anas ed i competenti Uffici Territoriali del Governo, con i quali abbiamo instaurato un rapporto sinergico animato dalla comune volontà di promuovere la cultura della legalità e della trasparenza amministrativa”.

Il nuovo viadotto “Giudice Livatino” è lungo circa 500 metri ed è ubicato nelle vicinanze dello svincolo “Petrusa”, dal quale è possibile raggiungere, attraverso la statale 122, le città di Agrigento e Favara.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Eventi, In evidenzaCommenti (0)

AGRIGENTO – Oggi intitolazione del cavalcavia della Ss 640 al Giudice Livatino


E’ stato intitolato a Rosario Livatino il cavalcavia realizzato sulla statale 640, Agrigento – Caltanissetta, dove sono in corso i lavori di raddoppio.

Oggi, in occasione del 26°anniversario  dell’uccisione del giudice di Canicattì, ci sarà l’omaggio floreale alla stele elevata dai genitori del magistrato, ed a seguire l’intitolazione del cavalcavia.

I lavori di raddoppio hanno consentito la realizzazione di un nuovo tracciato della statale, perciò l’arteria sulla quale sorge la stele, ora è una complanare. Quindi, per scongiurare che il luogo dell’omicidio del “giudice ragazzino” venisse dimenticato, l’Anas ha deciso l’intitolazione della strada. Alla cerimonia parteciperanno dirigenti dell’Anas ed il prefetto di Agrigento, Nicola Diomede. E’ stato deciso, inoltre, di organizzare un concorso di idee per rendere più accogliente il sito che ospita la stele a Rosario Livatino.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Cultura, Eventi, In evidenzaCommenti (0)

SS 640 – Tolto finalmente in c.da Gasena il semaforo “strozza traffico”


Il semaforo, che regolava il senso unico di circolazione lungo la statale 640, all’ altezza di contrada Petrusa, non c’ è più. E’ stato rimosso ieri dall’ impresa che si sta occupando dei lavori di raddoppio della Agrigento -Caltanissetta.

La circolazione stradale, adesso, risulta essere deviata sullo svincolo che si incontra verso sinistra venendo da Caltanissetta e spostandosi verso la città dei Templi.

In questo modo, se da un lato, dovrebbero terminare le chilometriche file, dall’ altro si potrà procedere con i lavori di raddoppio proprio nell’ area sottostante, lungo la statale 640 appunto, al cavalcavia che da contrada Petrusa porta verso la galleria Santa Lucia.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

CALTANISSETTA – Operaio caterinese precipita sulla ss 640 da traliccio Enel e muore


Incidente mortale sul lavoro questa mattina in contrada Anghillà, lungo il raccordo A19 Palermo-Catania, alle porte di Caltanissetta. Un operaio di 42 anni di Santa Caterina, Giuseppe Saporito, dipendente della ditta “Icoimel Srl” di Caltanissetta che lavora per Enel ha perso la vita cadendo da un traliccio della rete elettrica durante un intervento di manutenzione. Saporito, precipitando da un’altezza di una decina di metri, è piombato al suolo ma per lui era già troppo tardi. L’operaio è morto sul colpo, come certificato dal medico del 118 arrivato con l’elisoccorso, atterrando in un piazzale che costeggia la bretella. Non è ancora chiara la dinamica dell’infortunio: si sta valutando se a uccidere Saporito sia stata una scarica elettrica oppure un malore che gli ha fatto perdere l’equilibrio. Il medico legale Renato Arnao, che sta eseguendo l’ispezione cadaverica, dovrà stabilire la causa del decesso. Sul posto sono intervenuti i poliziotti della sezione Volanti, mentre le indagini sono affidate ai poliziotti della Divisione Amministrativa – coordinate dal primo dirigente Michele Emma – che stanno interrogando i colleghi dell’elettricista insieme agli ispettori del servizio Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro dell’Asp 2 di Caltanissetta. Il pubblico ministero Irene Frudà ha aperto una inchiesta sulla morte di Saporito.

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

febbraio: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98