MILANO – Incidente con la moto: muore il tenore palermitano Bellanca

Tragedia a Milano. Il palermitano Giuseppe Bellanca, tenore del teatro la Scala è morto la notte scorsa nello scontro tra la sua moto e un autoarticolato nel capoluogo lombardo.

Bellanca, 48 anni, era in sella alla sua Honda Hornet che, per motivi ancora all’esame degli agenti della polizia locale, si è scontrata con un autoarticolato in piazza Ovidio. Sembra che il mezzo pesante, guidato da un uomo di 58 anni, non abbia rispettato una precedenza. L’impatto è stato fortissimo e l’artista è morto sul colpo.

Giuseppe Bellanca era nato nel 1970 a Palermo e aveva cominciato gli studi al Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini del capoluogo siciliano. Aveva studiato violino e chitarra classica per poi avvicinarsi alla lirica entrando a far parte del Coro del Teatro Massimo di Palermo.
Nel 2004 aveva vinto il Concorso Internazionale per Artista del Coro alla Fondazione del Teatro Alla Scala di Milano dove lavorava. Aveva partecipa come artista del coro alla gran parte delle produzioni della Scala e si era anche esibito anche come solista.

La Pallavolo Aragona, con il suo presidente Nino Di Giacomo, i tecnici, i dirigenti e tutti i collaboratori partecipano al dolore per la tragica e prematura scomparsa del tenore Giuseppe Bellanca, marito di Farida Nasdretdinova, per tanti anni pilastro, capitano e giocatrice esemplare della Pallavolo Aragona. La Società esprime la propria vicinanza e le più sentite condoglianze alla famiglia Bellanca.

Il presidente Nino Di Giacomo, sconvolto dalla notizia, si stringe al dolore della moglie Farida e commenta: “È una di quelle notizie che non vorresti mai ricevere. Giuseppe era un mio grande amico, una persona splendida e solare. Sono profondamente addolorato. Con la moglie Farida ho un legame profondo, un bellissimo rapporto familiare. Le sono vicino in questo triste momento della sua vita”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.