PALERMO – Raid razzista contro bengalesi, picchiati per punizione: 11 arresti[FOTO]

Avevano aggredito e rapinato alcuni cittadini cingalesi, calci e pugni dettati non solo dalla furia ma anche dal razzismo. Gli uomini della polizia hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari. Undici le persone coinvolte a Palermo, anche se due sono già in carcere. 

Gli agenti della Squadra Mobile e del commissariato Zisa-Borgo Nuovo hanno chiarito dinamica e movente di un grave e cruento episodio, risalente a pochi mesi fa, quando una banda di giovani, armati di mazze da baseball e sedie, fece irruzione in un market in via Casella, in zona Malaspina, e aggredì il titolare, cittadino dello Sri Lanka e gli avventori presenti, suoi connazionali.

Le vittime furono fatte bersaglio di calci e pugni e una di loro, trascinata nel retrobottega del negozio e malmenata, subì la rapina dell’anello che portava al dito.

A motivo di tanta, inusitata violenza, la volontà di portare a termine una vera e propria spedizione punitiva contro un cittadino cingalese, colto per strada in “atteggiamento inopportuno” e per questo già “redarguito oralmente”. La vittima subì calci e pugni, conditi da espressioni ed epiteti di disprezzo razziale. La violenza del gruppo si estese poi anche a gestore ed avventori, anch’essi cingalesi di un esercizio etnico ove la vittima aveva cercato rifugio.

I NOMI DEGLI ARRESTATI. Sono finiti ai domiciliari nove persone, mentre altre due coinvolte sono già in carcere.

Domiciliari per Gioacchino Terzo, 24 anni, Alessio Filippone, 30 anni, Francesco Gaita, 24 anni, Vincenzo Gulli, 19 anni, Carmelo Lo Verde, 24 anni, Marco Fortunato, 31 anni, Giovanni Lo Dico, 22 anni, Antonino Messina, 20 anni, Antonino Marchese, 34 anni.

Già in carcere Ivan La Versa, 43 anni, Gabriele Orlando, 27 anni.

Condividi
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.