CRISI IDRICA E RIFIUTI – Poteri speciali a Musumeci, Gentiloni pronto a dire si

Poteri speciali e finalizzati a obiettivi precisi: accorciare i tempi per ottenere le autorizzazioni sugli impianti considerati necessari a scongiurare il protrarsi dell’emergenza. È quanto ha chiesto ieri pomeriggio il presidente della Regione Nello Musumeci al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che si è preso qualche giorno di tempo per analizzare le richieste e confrontarsi col ministero dell’Ambiente. Il governatore chiede deroghe alla normativa in particolare per relizzare la settima vasca per la discarica palermitana di Bellolampo: «Con tempi ordinari – spiega Musumeci, alla fine dell’incontro – potremmo averla fra un anno, se dovessimo avere i poteri straordinari potremmo disporre di questo spazio assai capiente, anche nell’arco di qualche mese». Ma ci sono altri impianti, bloccati da inghippi procedurali, che è urgente far partire: l’ampliamento della discarica di Trapani, gli impianti di Tmb (trattamento meccanico-biologico) a Enna e Gela, quello per il compostaggio a Bisacquino, nel Palermitano.

 

 

 

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *