CAMMARATA – 4 arresti per furto a furgone di derrate alimentari

I Carabinieri della Compagnia di Cammarata, impegnati in un posto di blocco lungo la strada statale 189 Agrigento – Palermo, hanno arrestato ai domiciliari quattro persone sorprese a saccheggiare un furgone carico di derrate alimentari che il conducente ha provvisoriamente posteggiato sul ciglio della strada perché in avaria a causa di un guasto meccanico.

Leggi il seguito

CAMMARATA – Due giorni di lutto per la coppia morta nel maltempo

Il Procuratore della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio, ha avviato un’inchiesta, al momento solo conoscitiva, a seguito della morte dei coniugi Cosimo Fustaino, 54 anni, originario di Valledolmo, e della moglie Nikol, 47 anni, tedesca, travolti da una frana e scaraventati in un burrone a bordo della loro automobile in contrada San Martino, nei pressi di Cammarata.

Leggi il seguito

Neve sulla SP 24 Cammarata-Santo Stefano: Libero Consorzio ricorda obbligo di catene a bordo e raccomanda prudenza agli automobilisti.

Prima nevicata in quota nella zona montana, in particolare sulla SP n. 24 Cammarata-Santo Stefano di Quisquina, ove già dalle prime ore di stamani sono all’opera i cantonieri del Libero Consorzio Comunale di Agrigento

Leggi il seguito

CAMMARATA – “Affari con i Piromalli”, scarcerato l’imprenditore Filippo Migliore

Accogliendo le istanze del difensore, l’avvocato Eugenio Longo, il Tribunale del Riesame ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare e ha scarcerato Filippo Migliore, 47 anni, di Cammarata, imprenditore, arrestato lo scorso 21 gennaio……

Leggi il seguito

CORTE DEI CONTI – Condannato ex segretario scolastico a Cammarata

La sezione giurisdizionale della Corte dei Conti ha confermato la responsabilità amministrativa di Giuseppe Reina, 72 anni, ex segretario dell’ istituto professionale “Archimede” a Cammarata, che avrebbe falsificato per 4 anni decine di mandati di pagamento intascando ingenti somme di denaro.

Leggi il seguito

CAMMARATA – Bracconieri nella rete dei Carabinieri e della Guardia Venatoria

I tre bracconieri sono stati denunciati per attività venatoria illegale; per tutti è stata anche richiesta la revoca del porto d’armi. I carabinieri hanno inoltre sequestrato i fucili e la selvaggina consistente in alcuni conigli donati immediatamente in beneficienza.

Leggi il seguito