GERMANIA – Truffavano il fisco, 7 arresti tra Licata e Ravanusa[FOTO]

I carabinieri hanno eseguito sette mandati d’arresto europeo, firmati dall’autorità giudiziaria tedesca, nei confronti di altrettante persone di Licata e Ravanusa (Agrigento) accusate d’aver costituito, in Germania, delle società di comodo per truffare il Fisco. Un giro da circa 30 milioni di euro. Gli indagati avrebbero creato, in Germania, imprese edili di comodo, intestate a prestanomi, con lo scopo di eseguire lavori senza pagare imposte e contributi all’erario per milioni di euro. Gli arrestati dai carabinieri, in esecuzione di mandati europei, sono: Giuseppe Antonio Cannizzaro, disoccupato, 51 anni; Domenico Cassaro, disoccupato, 45 anni; Antonio Cavaleri, commesso, 50 anni; Giovanni De Caro, operaio agricolo, 53 anni; Lisa Maria Farruggio, cuoca, 30 anni e Michele Farchica, 31 anni, disoccupato. Sono accusati delle ipotesi di reato di evasione fiscale, truffa, falso in atto pubblico, omesso versamento ed appropriazione indebita di retribuzioni. Sempre all’alba, la Kriminal polizei della regione della Land Renania Settentrionale – Vestfalia ha dato esecuzione ad altre 13 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse nell’ambito della medesima indagine. Ad alcune delle persone arrestate in Germania la Kriminal Polizei ha contestato anche i reati di possesso illegale di armi e traffico di stupefacenti. A Licata, sempre su richiesta dell’Autorità Giudiziaria tedesca, il Gip del tribunale di Agrigento, Alberto Davico, ha disposto il sequestro preventivo di un immobile di proprietà di Gabriele Spiteri, imprenditore, 39 anni, anche lui arrestato nella mattinata in Germania.

Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati associati alla Casa Circondariale di Agrigento a disposizione dell’autorità giudiziaria italiana, in attesa del provvedimento di estradizione.


 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.